Poesie d'amore
Dietro al silenzio,
usci' un sogno un mondo nascosto tra le perle della notte,
sciolse la neve il mio cuore giovane cosi profondo tra i rami e viso alleati nell'illusione,
sorge risorge ogni notte come la luna danza in un mare di sogni,
e da lontano è una vena che attraversa i campi ancor bagnati dalle lacrime del giorno,
e tutto è decoro insieme alla speranza che ha sete grida e mi guida solitaria nel deserto mentre notturna al pensiero piu' antico danzo tra le stelle..,
vedo un un bosco incantato esce un diario del cuore,
svolto ,ricordo...baci.....,
le prime pagine oltre veloci di un libro celeste che scorrono sole come le maree e sabbia volteggiando tra le ali e l'emisfero dell'anima,
prestato a degli specchi che sono i miei occhi tinti e sinceri nella nebbia,
inoltrandosi a passo cauto alle prime luci del risveglio.
sereno mare di ricchezza,
fonte della vita,
sono con te..,sempre...
e sono scalzo senza ne muri ne confini..come l'inizio di una storia,
qui tra il sospiro di un gregge che crede nei miei passi,
coperto tra petali rosa in balia del vento sossurrato di parole di pace e poesia,
vorrei aprire la mano che ora corre lontano come per raggiungerti,
guarirne le ferite arrivare a te mia terra incolta senza peccato,
sentirne l'odore per poi sparire nel vento,
tra note di pioggia ...,
solo con te..,
dolce ricordo,
lacrima mia,
sguardo di pace all'orrizzonte....
M.T.


Or son qui monte amico dei miei pensieri,
perchè piangi,
sono lontano..,
ma ti accarezzo ti sono vicino,
suono al pianoforte e tu rivivi nei miei occhi,
ancor insieme!!..un'altra volta..,
arcobaleno di ricordi.. sei negli occhi il primo richiamo della primavera,
la culla dei pensieri piu'profondi ed ingenui,
penso a te che nell'inverno forse ti sentivi solo e magari ti mancava la mia compagnia,
ora sono qui dolce sentiero vento che mi porti musica infinita,
ricordo un tempo il quale immagini scaldano il cuore e la mente corre ancora insieme,
l'entrar nel tuo mondo,
il vivere le note di un sogno le ali che mietono solo fantasie,
pace..,
come il momento di una magia che tutto intorno nasce ci circonda nell'azzurro nei colori,
e poi il cercar di una rosa qua e la ancor baciata di rugiada,
dove scende una lacrima come da un viso,
forse è il tuo,
forse è il mio,
come ammirar la luce del mattino che dolce prosegue in suo cammino dando poi spazio al giorno,
a le sue tante voci che escono malinconiche dal nostro umile cuore che da lontano ci tiene per mano
come in una lunga scena piena di ricordi immersa dentro un sogno."
NEANCHE IL VENTO

Se almeno il vento
smuovesse un cartone
per un rumore a spezzare
il silenzio in questa
tomba-famiglia
che noi due una volta
chiamavamo casa-amore

Stasera non è rientrato
neanche il gatto
che ci pennellava la coda
alle gambe ,poi teneri graffi
e quel gesto
era una miccia per
incendiare il dialogo
...un puss.....e la bocca
diventava una fabbrica
seppur di circostanze
noi due operai solo al lunario
con quelle voci sparse nel vuoto
almeno ci arruolavamo
agli umani

Amore...questa fu la parola
del lasciapassare alle stelle
ora solo silenzio
che atterrisce
il parto alle voci
e termine di confine...invalicabile
tra due pietre nel petto
dove abbiamo sparso
la muffa degli occhi
e sogniamo un sorriso
a mutarla in muschio
stemma della coda del tempo
scivolatoci dalle mani..chiuse
------------------------------------------------
Michael Santhers-da:Vetriolo
www.santhers.com



SE ANCHE

Se anche ci forzassero
le ossa
a stare insieme
troverebbero un varco
tra la terra
magari implorando una radice
a insinuarsi per la separazione
e noi
lavorammo col fiato dei raggiri
a unire due chimiche
solo perchè ci chiesero
di divorarci le carni
all'insaputa degli occhi
abbeverati
sotto cieli distanti
eppure insieme
eravamo un temporale
tu le nuvole io i lampi
per la comune pioggia
di amaro pianto
segnato rosso al calendario
tra il nero di lutto e odio
....amore....questo termine
coniato al sublime
sancì l'incontro
di un disastro
nel quale i cuori
lucrarono soddisfatti
......sciacalli..................
---------------------------------------
Michael Santhers-da:Vetriolo
www.santhers.com

TUAREG

Sabbia nel deserto
granelli di conta
confuso al misticismo
di vite liberate da cavalli
e anime torchiate
in inchini di preghiere
alate da gesti
di mani congiunte
innalzate al cielo
nel tramonto del sole
che allenta il calore
e raduna bisbiglii
per abbeverare il silenzio

Oasi che incantano dune
malleabili si sciolgono al plagio
annullano riferimenti
e distanze per Tuareg
con braccia a taglio di fronte
come arcobaleni precari
a simboleggiare
la vicinanza lontana
di Dio

Chiude il vento orme di zoccoli
nessuna traccia
rimane nel sogno infinito
dove gli uomini sono
solo fantasmi divini
e si illudono consapevoli
di scrivere il tempo
solo con figli e echi di voci
sul calendario..di sabbia
------------------------------
Michael Santhers-da:Soste precarie
www.santhers.com

DAMMI IL MIO GIORNO...

Dammi il mio giorno
Ti prego...
Dammi il mio giorno
Folgorato
Da
Un dardo infocato
D' amore e
- accendi-di
Passione
La mia anima.

Voglio vivere
Un giorno senza fine...
Con la profondità di
Masse oceaniche.
L' ebbrezza di un giorno
-esaltante-
La gioia che fa straripare
La terra.
La gioia che irrompe
-come tempesta-
E anch' io possa
Vivere
Questo giorno senza tempo..
Dove smarrirmmi
Nell' estasi di ..
Amore immenso!.

Dora Forino


DAVANTI AI TUOI OCCHI

Sono una fiaccola
ardente nel baratro
d'un bacio all'incalzare
degli occhi lumeggianti.

Dammi il mio giorno

Ti prego...
dammi il mio giorno,
folgorato
da un dardo infocato
d'amore e accendi
di passione
la mia anima.
Voglio vivere
un giorno senza fine...
con la profondità
di masse oceaniche,
l'ebbrezza di un giorno
-esaltante-
La gioia che fa straripare
la terra
La gioia che irrompe
-come tempesta-
E anch'io possa vivere
questo giorno
-senza tempo-
dove smarrirmi
nell'estasi di
Amore immenso.
Dora Forino
Milano,28.11.2005


PICCOLE SCRITTURE

Abbiamo sempre nel cuore
un sogno marcio
che lo fa zoppicare
e i nostri desideri si avverano
quasi sempre dopo che l'attesa
ha corretto i nostri occhi distratti

Poi c'è sempre qualcuno
che incendia
ul nostro archivio delle cose migliori

A volte ci salvano questi fogli
che sembrano solchi su un campo
innevato
fatti da un contadino folle

In fondo a pensarci bene
è l'unico modo per fermare
almeno per un tempo incerto
un'anima che...non tornerà
---------------------------------------
Michael Santhers-da:Piccoli rumori dell'anima
www.santhers.com

OCCHI MALATI

Chirurghi soggiocati
da artisti
estirpano ogni difetto
sono gli occhi malati
di fidanzati
che si dipingono
primavere sui visi
si scambiano fulmini
per una corda di luce
che altalena due cuori
dalla fredda ragione di terra
all'etereo
e con slanci sempre più forti
fino alle stelle
ad appendere il sogno
di un'anima unica
al millennio bagliore

Il cielo è un prato
di lucciole
che accendono le note
del sussurro degli angeli
a suggerire armonie

Poi il vento sottile
raduna i respiri
li fa macerare in un vortice
per una grappa di lacrime
che diventano nuvole nere
al bivio di millenari imprechi smarriti
e l'illusione riporta
all'umano l'amore
che si allea ai meschini difetti
alle gelosie alle ingiurie

Stavolta le loro braccia
non sono tese a San Pietro
ma piegate a vincere una sgomitata
per l'allungo in anticipo
per una chiave a un pinguino
dal nome usato a vendette...avvocato

Io che scrivo
non cedetti né al cielo
né alla terra
solo alla fredda poesia
------------------------------------------
Michael Santhers-da:Vetriolo
www.santhers.com


DUE FRATELLI

Con occhi diversi
scelsero entrambi di parlare di morte
chi con la pistola chi con la penna
..disse il primo fratello
io con l'arma tu con l'inchiostro
ne abbiamo stesa di gente
e a distanza di tempo ci sono
cadaveri che parlano ancora
chi nel cuore di mogli e parenti
chi nell'anima di ogni lettore
la differenza è che io sento il peso
di un grande dolore tu semplicemente
avverti le nebbie di fantasie

Siamo entrambi due cani seguci
solo che uno ha azzannato per finta
mentre l'altro ha morso davvero
ubbidendo all'inferno, sottraendo
ogni imputato al tribunale di Dio
raramente ma accade che dalla stessa
pianta magari di un peperone
ne nasca uno dolce e uno forte
forse per una contaminazione
dell'impollinazione e a volte
ne fa la spesa la pianta che dal
contadino riceve il taglio le ingiurie
così dalla stessa madre incolpevole
e additata ingiusta dal furore del popolo
perciò non vi è razza del bene e del male
ma semplici anomalie che in natura
si avverano...come noi due
io scrittore...tu spietato bandito
------------------------------------------
Michael Santhers-da:Vetriolo
www.santhers.com



Amore,
vorrei che il tempo si esaurisse
nella profondità d'un bacio
al tenero abbraccio
dell'edera.

 

Coltre
Di foglie
Adagiate,
multicolori;
in fretta,
l’autunno,
è già qui;
nebbia fine,
che fa sparire
le strade,
inghiottite,
dal nulla;
e pare,
un mondo di sogno,
di vecchia
favola.


Giornata Novembrina

Oggi il cielo è in agonia
nubi cariche di lacrime
sfogo di pianto sommesso
lamentoso eclatante
Così come il cielo
l'animo sente gli umori.
L'occhio vaga d' intorno.
Alberi spogli
rinsecchiti.
Sembrano vecchi
-rassegnati-
senza speranza.
Vapori grigi e fuligginosi
coprono i tetti delle cttà.

Un' ombra fuggitiva
si allontana nell'anfratto.

Dora Forino


Sei arrivato tu,
così per caso,
a irrompere
nella mia vita..
-modificando-
il mio esistere..
Tu,con le tue rabbie,
tu,con la tenerezza
quando lasci
-la maschera difensiva-
tra le mie braccia.
Io, il tuo porto sicuro.
Sarò per te guida
nel cammino di vita.
Tu,ad illuminare con forza,
la strada da percorrere.
Insieme...mano nella mano..
-sfogliamo insieme-
il fiore della speranza.

Dora Forino
Milano, Settembre, 2005


Giravo, accompagnato da una dolce luna,
accarezzato da un adorato soffio di vento.
Come un sogno mi sono arrestato!, di fronte ad una luce, una luce familiare, una luce che non può essere definita.
L’avevo quasi dimenticata, ma è riapparsa.
Un non so che, mi dirigeva verso lei,con
tanta paura mi sono fermato davanti ad essa, era stupenda, un’ infinità
indescrivibile… come la paura che circondava le profonde ferite inflitte al mio cuore, con un profondo sospiro gli ho detto ciao… con tanto orgoglio mi è stato ricambiato.
Con tanta paura ho cercato di parlare… con tanto disprezzo mi ha risposto.
Con tanta tristezza mi sono allontanato… con tanta rabbia mi ha cacciato.
Dolci lacrime, non scendete più, non riesco più ad asciugarvi, non c’è più quella mano
innamorata ad intrattenervi, quella mano che con un piccolo gesto, riusciva a fermarvi, siamo rimasti solo noi, e non ci resta che farci
compagnia.

Giuseppe

IL GALATEO DELLE FOGLIE

Ride il giorno
alle donzelle
scambiano le fruste
del vento sulle foglie
per batter d'ali del cavallo
che le rapirà all'amore
e rosso l'acero
riflette ai raggi
l'alibi di prime vergogne
per l'innocente abbaglio

Finisce al seno
evaso dall'età
una preghiera vagabonda
e il vecchio chiede conto
a Dio per il rimbalzo
su una nuvola
poi sorride e ringrazia
per aver incidentato
gli occhi al paradiso
così vicino e lui
deve cercarlo
...oltre le nuvole...

E' la stagione dei saluti
nel galateo degli alberi
che a ogni partenza
a ogni illusione
...offrono le foglie...
---------------------------------------
Michael Santhers-da:Voci scomode
www.santhers.com
Oggi sono invasa da un'onda di tenerezza.
Raffiora dalla nebbia dei ricordi
il mio passato, che la calura di un meriggio
di Maggio, mi rimanda. Spalanco la finestra:
"Chi ti riporta a me, mio giovane amore?".
Tu, fiore soave, appuntato nel petto
mi sussurrasti le note della prima giovinezza.
Sai? sboccia ancora quel fiore
allo scoccare della mezzanotte...
IO, Cenerentola, abbandono la scarpina
sugli scalini dell'antico castello incantato...
La mia anima in tumulto ascolta i suoni,
gli aromi, i sapori del mare, del primo bacio
consumati e fatti cenere dal tempo
che ha travolto le passioni.
Taci, mia nostalgia!

Dora Forino
Milano,15/10/2005.
LA MIA VITA
Ricordo tutta la mia vita
ha piovuto freddo come il ghiaccio,
il mio viso attraverso una finestra,
la mia ombra....
La mattina, semplicemente
un altro giorno,
gente felice che cammina
mi cammina vicino
e guardando nei loro occhi
vedo un ricordo.
Sono qui ai confini del tempo,
sono scappata da salite
da scalare per colpa delle mie
paure......
Beh sono arrivata, ho dato
senza prendere, ma tu mi hai
mandata via......
MICHELE TI AMO by :filo4ever:
ANITA

Aveva cinquant'anni
e tanto amore sprecato
nelle vene e la
gioia
vinceva con effige sul viso
luminoso e tanta voglia
d'amare
sincera in
cambio
del nulla

Le rughe erano tutte
scolpite in
rigagnoli
sull'anarchico cuore
e l'anima libera,ingenua
non le leggeva
come non si legge
l'età di una rondine
giocosa in volo
che fino
all'ultimo
si spegne sul tetto
dei sogni di ognuno
e nel vento la voce
musica combinata
tra gioia e muto dolore
rifiutata da analfabeta
d'amore

Morì
scialba ai bigotti
ma contenta perchè
in ognuno aveva
colto
un sogno e un sorriso
che nessuno ricordava
...si riconosceva

Io
l'amo ancora
per avermi messo
al primo posto
e geloso perchè
voleva
essere circondata
dall'affetto di ognuno
..ciao Anita
tu credente mi
vedrai
io morirò soltanto
con la pretesa di
una tua foto sul petto
.........
amen............
---------------------------
Michael Santhers - da voci scomode
www.santhers.com



L'incantevole sera, amica del delitto,
ecco venire a complici passi di lupo...
fra luci incerte, frastagliate dal vento;
nella tempesta dei vizi si confonde la cupa luce viva di rimorsi...
in che vino, in che filtro, in che pozione annegarli???
Di quella notte ricordo la luna, l'incanto, il languore e quel segreto orrendo bisbigliato al mio cuore... (Rika)
 


QUAND'ERAVAMO

Per l'un l'altro eravamo
il fiore all'occhiello
nelle passeggiate di primavera
con l'anima che sventolava
coperte che non erano bastate
al vento sul viale delle comparse
dove noi ci credevamo fissi
col cuore nelle radici dell'amore
eterno che si consolidava con racconti
e sorrisi dispensati
mentre ci chiedevano talee delle vene
per innestare la felicità
che per paure di invidie auspicavamo
a certe vite anche viste da lontano
dove era evidente la rottura di dentiera
di riserva,graffiata dai tanti ipocriti
in un...come stai di attrito
che seccava le parole cariche di falsità
...E' stato solo un destino
calcolato più a lungo
per cadere nel veleno servito
in feste con avallo di preti
anch'essi stanchi di sermoni ipocriti
che trovavano sbocco
nelle notti insonni di gennaio
e incendiavano masturbazioni
...Amore quand'eravamo...è la solita frase
vendibile al ricordo che non può bastare
a due sconosciuti sposati su una foto
divisa con cinismo da un'avvocato
per una parcella che sommato cambia
le regole matematiche
variabili agli insulti
fino alla solita litania
partorita dai coltelli
..restiamo amici.....
-------------------
Michael Santhers-da:Voci scomode
www.santhers.com

A te, piccola donna che nonostante la tua giovane età
Mi hai dato tutto, hai fatto palpitare il cuore e mi hai dato
Tanto Amore!
A te tesoro mio dedico questo ultimo mio sospiro perché
Non posso più vivere senza te!
Tu mi hai ridato la gioia di vivere, l’emozione di sentire la mia
Anima dentro la tua
E’ stato bello amarti, mi hai dato tutto quanto era possibile e non
Posso sopportare che non ci sei più…
Dal paradiso ti aspetterò perché solo in quel luogo è il posto tuo…
Pure di ritrovare il tuo amore, lascerei ogni cosa, darei la vita stessa
Per saperti felice, ma nel cuore mio, so che mi ami e non capisco
Il perché, hai voluto lasciarmi…
Tu sei tutto per me ed io non posso vivere senza di te!

L’uomo della Pioggia

Eccoti tu uomo della pioggia
che bazzichi per le luci soffuse della città.
Per questa città che abbiamo deciso di servire,
questa città che è luogo di smancerie.
Noi consumiamo inerti, inconsapevoli del rischio
che corriamo.
I mille sguardi che da lontano potrebbero assistere
ad una delle scene della nostra fantasia così armoniosamente
fragile da parere un sogno più che realtà.
E forse, chi lo sa, di questo si tratta, di un sogno che
mai si avvererà.
Troppo incostante e surreale che questo pensiero
possa essere vero.
Così con la pioggia che ci divide ti saluto con una
lacrima in viso ti lascio al tuo lugubre lavoro per
più disturbare il tuo pensiero, mio dolce uomo della pioggia.
Me ne andrò nella nebbia dei pensieri inadatti fatti fino adesso.
Spero di incontrarti in un meraviglioso sogno così che le nostre
fantasie si possano in un qualche strano modo avverare, in
un mondo diverso dove nessuno potrà disturbarci, dove
l’unica nostra compagna sarà la pioggia e speriamo che
questa volta non ti porti via.
Buona notte uomo della pioggia…
Buona notte.
SiMi Gh (Ch)


La mia poesia per Bagdad

E’ un silenzio
una vita che muore
un campo fiorito
che nessuno vede
seduti di qua dal fiume
la rossa del deserto muore
nella notte senza luna
dove ombre vivono in meno.

Uburoi 9 agosto ’05

ICEBERG

Da tempo
avevo chiuso il cuore
a ogni intrusione d'amore
e gelida la piatta vita
digeriva i giorni tetri
quando in un momento
fuori dalla conta del torpore amico
una donna con fede al dito
mi sedette a fianco
a uno spettacolo che mi serviva
più a ricordare e non a vivere
-Sentii il cuore come un cane
chiuso e punito al buio
che avverte l'annuso dei suoi simili
e un'estasi elettrizzò il cervello
mentre angeli che azzerai
ritornati mi porgevano le ali per il cielo
che da tempo a capo chino non vedevo più
...gli occhi si vellutarono sul collo
di quell'esca che avvertì un solletico
e con la testa frustò i capelli
sul pallido viso che diventò selvaggio
complice anche un seno evaso
alla scarsa custodia
mi apparve in malizie di splendore
....Oh! Dio pensai
quest'incanto sta sciogliendo
l'iceberg intorno all'anima
questa primavera mi riporterà
alle lacrime del delirio
-Chiesi aiuto alle parole
senza lingua impegnata
a spegnere l'incedndio alla gola
a corto di saliva consumata a oliare
il desiderio liberato dalla ruggine degli anni
-Un'applauso del pubblico
suonò come uno sparo ai miei organi
a ricomporsi nella tana delle mie carni
fredde immuni a ogni gioia e dolore
..un iceberg nel suo amato inverno
-----------------------------------------
Michael Santhers-da:Voci scomode
www.santhers.com


LE STAGIONI DELL' AMORE

Sboccia nel suo rigoglio
il fiore dell'amore:
Fragranza di mille palpiti...
- del cuore-

.Esplode in un turbinio..
-di luci accecanti-
la Passione
in un'estate rovente.

Il cielo cangia colore
con il primo temporale.
Si intiepidisce l'amore..
-in un leggero fruscio-
Mentre il vento accarezza..
le foglie del ramo..
-D'Autunno-

Col freddo pungente
il vulnerabile cuore..
-Peregrino-
ricomincia il suo..
ERRARE!.

Dora Forino


Gioia di un nuovo sole
di Raffaella Lanzetta

Hai scritto sulla mia pelle
parole che poi leggere corrono sulle tue labbra,
corrono veloci e come piume solleticanoi miei desideri...
il desiderio della gioia al mattino,
il desiderio di vederti ridere e sorridere,
gioire ed ancora ridere.
Sei la mia gioia e dono alla tua anima
la gioia di un nuovo Sole.
NERI CAPELLI

Neri capelli
autostrade di pensieri
che non giungono a dimora
fermano sui seni
....respinta
e col tatto immaginato
che già sembrava pasto
al cervello,si catapulta la mia mano
che mi ritorna al petto
appena in tempo
a mettere unfermaglio
al cuore coniglio
e risplendono vitrei
e glaciali come il mare del nord
azzurro che ricaccia a riva
gli invasori sprovveduti...i tuoi occhi
lampare false dietro la folta chioma
cullata dal vento e a intermittenza
si fa sipario al tuo sorriso per il
mio sbaraglio senza più recupero
....nelle forme in movenze
trappole d'incanto
per il desiderio che si affaccia
sul balcone della lingua
nel rifiuto di saliva al refrigerio
per l'utile di inumidire una parola
.......amore............
troverò pace dopo aver frugato
con la bocca tra i capelli
fino all'approdo al collo per morire
solo dopo averti posseduta
----------------------------------
Michael Santhers-da:Voci scomode
www.santhers.com


Amare

Amare è ciò che non puoi avere
amare è ciò che è proibito desiderare
amare è forse qualcosa di più grande
e di più bello di te.

Amare è ciò che quel mondo
non ti dà, né ti darà mai
desiderarlo è come quel sogno
che chiudesti nel cassetto
e lo abbandonasti
perché sembrava irraggiungibile e irrealizzabile.

Amare perché forse
è un semplice sogno
forse più grande di quel che immagini
è forse quello d'amare
senza chiedere né avere risposte.

Amare.


La felicità è un'emozione meravigliosa
paragonabile alla sensazione d'immenso che si prova
quando si guarda sorgere il sole dietro al mare.
E' la stessa sensazione d'immenso che provo quando......
ti guardo negli occhi e vedo riflessa la tua anima.
ORGOGLIO D'AMORE

Sguardi nel vuoto
si incontrano
per rendere periferiche
le figure indifferenti
in una finzione
che spezza sintonie
represse da troppo tempo
per il primo passo
col cuore in mano
e una rosa tra i denti
di traverso a non cadere
sel sofferto sussurro
......amore........
abbiamo espresso
entrambi il desiderio
alla stessa stella
di abbracciarci
e poi ci siamo divertiti
a donarci nuvole
ai nostri occhi
a misurarci lo stupore
nei varchi del grigiore
che il vento
complice donava
ma come tutti i giochi
che innalzano la posta
sconfinano in battaglie
e ora nell'odio
pesiamo i morti alle spalle
sulla bilancia per il
minor peso di perdita
alla conta di vittoria
.....amore....
forse non faremo in tempo
a darci l'unico e l'ultimo
bacio nel dolce stremato
predono
prima che si chiudono
quattro ciglia di marmo
che un'erba selvaggia
nasconderà per far tacere
eroi inutili
avevano le anime
nella stessa stella
ma scelsero la lava
della bocca di un vulcano
a seguire....gli inferi...
----------------------------
Micahel Santhers-da:Voci scomode
www.santhers.com


IL TAVOLO

Dallo stesso tronco di noce
dopo la morte in piena salute
vidi nascere un'altro fratello
ma ci separammo per destini diversi
...una giovane donna con movenze
armoniche e voce soave
lo scelse e nel discorso
la sentii parlare di fiori
che sempre avrebbero fatto
compagnia al legno pregiato
-Sorte diversa è la mia
scelto da due sposi novelli
che a distanza di giorni
nella contesa di un vaso
da rompersi addosso
mi raschiarono le venature
del profilo migliore
e alla separazione mi videro
testimone di ricordi che non
volevano avere
e la mediazione di una sanguisuga
avvocato mi cedette
all'attuale padrone che in anni
non ho sentito mai parlare
la sua muta voce è l'inchiostro
con cui disegna armonico
i dolori del mondo e io silenzioso
mi offro sostegno e da quattro mura
di povera casa ascolto incantato
le mille voci di anime strane
-Di mio fratello proprio
l'altro giorno
mi è giunta notizia
la soave fanciulla detta all'inizio
fu trovata con la testa fredda
china sul tavolo e nel pugno
socchiuso,tranquillanti che
nella somma sbagliata diedero
sonno infinito e sul resto
del mobile,macchie di
uno scarso liquore
che ancor si sente l'odore
addosso alla mosca
che mi sta raccontando
----------------------------
Michael Santhers-da:Voci scomode
www.santhers.com


dedicata ad una mia cara amica, ipovedente, andata in cielo da poco. La dedico a tutte le persone che hanno problemi di vista, esteriore ed... interiore. Marco

Nel Vento.

Ogni volta che ti osservo, penso.
Quando non posso più osservarti, piango.
E quando non posso più far nulla,
ne pensarti, ne rimpiangerti, ne vederti,
allora disperatamente ti chiamo, nel vento.
E quando sono stanco di chiamarti,
e non ce la faccio più,
sto in silenzio ad ascoltare.
Ascolto il canto meraviglioso
di un fiocco di neve,
che come te,
soffice e silenzioso,
cade dal cielo.

marco girotto

IL DESTINO
NON HO MAI SAPUTO,
DARE A ME STESSA,
UNA SPIEGAZIONE,
E CONTINUO ANCORA
A DOMANDARMI,
CON UNA STRANA
SENSAZIONE,
IL PERCHE'DELLA VITA
IL CAMMINO,
SIA SEGNATO DA
UN'INELUTTABILE
DESTINO.
FORSE QUESTO
MISTERIOSO FATO,
DALLE NOSTRE SCELTE
E' DETERMINATO,
DAL POTERE DELLE,
NOSTRE DECISIONI,
CHE FANNO VIVERE
NELLA MENTE
STRANE EMOZIONI.
E' COME VEDERE
UNA STRADA DA
UN BIVIO INTERROTTA,
E CON INCERTEZZA,
SCEGLERE LA SVOLTA,
DOMANDANDOSI CON
ANSIA E PAURA,
SE SIE' FATTA
UNA SCELTA GIUSTA
E SICURA,
PERCHE' UNA VOLTA
IMBOCCATA,
LA POSSIBILITA'
DI TORNARE INDIETRO
E' VIETATA.

ALBACHIARA
NON BASTA

Ormai
non ci salutiamo più
e la parola amore
è una tosse del cuore
abbassiamo lo sguardo
e ci beviamo il tempo
come amaro veleno
ma appaiono i ricordi
sulle lavagne bianche
della faccia
e non basta una saliva
di rancori a renderli
fradici e cadenti
come non basta un sorriso
torchiato dalla rabbia
a dipingere l'indifferenza
alla mostra d'orgoglio
che ci facciamo
per flagellare gli occhi
sul muro delle figure

A casa la sera
nel diario impolverato
può bastare una forbice
assassina a dividere due volti
sorridenti su una foto con dedica
purtroppo stampata
per superare l'infinito
sulla pellicola dolce dell'anima

Come ogni foto
si conserva meglio all'ombra
perciò esporrò la mia anima
alla verità della luce
con dolore

Un giorno troverai per terra
attorcigliato al tuo tacco
con sgomento, il tuo negativo
senza memoria, appena visibile
due ossa di un'amore
..era questo che volevi?..no..
--------------------------------
Michael Santhers-da:Soste precarie
www.santhers.com


Tu sei lo spazio immenso dell'orizzonte
io fragile creatura nella tua potestas.

Nicola Costantino

Web: www.nicolacostantino.it
E.mail: info@nicolacostantino.it


La dedico alla tenerezza smarrita

Cielo di maggio

Bellezza smarrita
frammento di buio
la tua corda d’esistere
Una porta apre a te
Quando al tempo
Nulla cambia davvero
Amore accende nuove arcate
Al passaggio dei tuoi riccioli
Ancora bellissimi.

Uburoi


Letto caldo senza di te
un comodino freddo su cui scrivere appunti nostalgici
ti desidero, pelle contro pelle,
mentre affondi il viso in un cuscino vuoto.
Mi accarezza la gamba un brivido
residuo delle tue dolci gesta.
Brama la mia passione
e la notte ti avvolge nel meritato riposo,
dato dall'esercizio dell'arte...
nvia la tua a info@amoreamore.it

PER PUBBLICARE LA TUA MANDAMI UN EMAIL!
info@amoreamore.it

torna in testa alla pagina