la posta di amoreamore.it a cura di Eleonora
I consigli di Eleonora hanno risolto i vostri problemi? Fatecelo sapere!!!

pag.15


Scusate ma Alcatraz ha ripreso a pieno l'attività ricettiva per cui sto lavorando come una pazza su altri fronti. Ma siccome adoro questa rubrica, anche se con ritardo ovviamente rispondo a tutti ancora.
Intanto vi anticipo che sto per organizzare un week-end a prezzi stracciati per tutti colori vogliano riunirsi a parlar d'amore e di pace qui da noi. Presto vi fornirò maggiori informazioni! baci e se potete cercate di seguire la via del piacere e abbandonare quella del dolore (che non porta da nessuna parte!).

Cara Eleonora,
è la prima volta che scrivo a qualcuno dei miei problemi e spero che tu possa darmi qualche consiglio.
Sono un ragazzo di 23 anni ed è dal settembre scorso che frequento una ragazza di 22.
Con lei ci conosciamo dalla prima superiore, quindi un bel pò di tempo e fino a sette mesi siamo sempre stati degli ottimi amici.
Siamo sempre andati molto d'accordo e nn so come sia successo, l'estate scorsa è successo quello che nn avevo mai pensato: mi sono innamorato di lei.
E' stato davvero strano perchè è stato un vero e proprio colpo di fulmine nonostante ci conoscessimo da anni.
Così le ho detto subito quello che provavo. Lei mi ha risposto che diverse volte aveva pensato a noi due come coppia, che mi vuole molto bene ma che non se la sentiva di avere una storia seria causa anche la sua storia precedente finita male un anno prima, e che comunque non voleva dirmi di no ma ci doveva riflettere.
Io le ho detto che ero disposto ad aspettare una sua risposta e che potevamo rimanere negli stessi rapporti di prima x vedere se qualcosa poteva cambiare da parte sua nei miei confronti.
Il "problema" è che il nostro rapporto non è affatto rimasto quello di prima, perchè la sera della mia dichiarazione ci siamo baciati e così è stata ogni volta che ci siamo visti in seguito.
Usciamo sempre insieme, ci telefoniamo tre-quattro volte al giorno, facciamo quello che una normale coppia fa, ma lei ancora non mi ha dato un risposta dopo sette mesi.
Non è che voglio avere una risposta x forza perchè alla fine sto con lei e questo e quello che conta, ma vorrei solo un po' più di certezze essendo già io un tipo non sicurissimo si sè.
Anche xkè ormai tutta la mia vita è lei, nn esco più con la mia compagnia xkè tutto quello che mi interessa è stare con lei e se dopo tutto questo tempo mi dicesse che ha deciso di lasciare perdere non so prorpio cosa farei.
Ne abbiamo parlato diverse volte insieme e lei mi dice che sta molto bene con me ma che non sa cosa prova.
Io le credo xkè ho piena fiducia in lei e oltretutto le sue amiche mi confermano quello che mi dice
Abbiamo anche provato a non vederci nè sentirci ma lei mi ha chiamato il giorno successivo xkè già le mancavo.
Proprio non so che fare . Mi sento impotente di fronte a quesa situazione: non posso troncare tutto xkè le voglio davvero troppo bene; tuttavia non posso neanche andare avanti così all'infinito.
I miei amici mi dicono che se la lasciassi forse si darebbe una mossa e si deciderebbe. Ma come posso rischiare così tanto?
Cosa ne pensi?
Grazie e ciao
E invece se andasse così all'infinito, senza complicazioni mentali (le tue) sarebbe bellissimo. Godi di quello che c'è oggi perché del domani non c'è certezza veramente!
Strano che sia un uomo a volere una conferma verbale dei sentimenti, di solito è una nostra prerogativa, che io trovo noiosa e distruttiva dei sentimenti veri e spontanei!
ciao Nora

Ciao Eleonora,ti scrivo per avere un tuo parere. Io sono un ragazzo di 27anni e mi ritrovo con un carattere introverso e questo mi fa sentire emarginato nei confronti degli altri,in particolare verso le ragazze,infatti sono single. Da un po' di tempo penso spesso ad una ragazza che conosco,non riesco a dare un vero significato a questo mio comportamento,ho creduto che potesse essere una cosa reciproca,invece so di certo che si vede con un ragazzo e io sono felice per lei. Però vorrei tanto fare in modo che lei non fosse sempre presente nei miei pensieri,non ha senso,non credi?
Diciamo che per un periodo ho avuto l'impressione che ogni volta che mi vedeva la facessi felice,ma credo propio che era solo una mia impressione. Lei di carattere è l'opposto del mio e per un po' di tempo mi riprendeva cercando di farmi uscire dalla mia "chiusura", ma era una cosa che mi faceva sentire a disagio,finchè ha smesso di venire verso di me. Una sera le ho chiesto perchè nei miei confronti si comportava in quel modo e lei mi ha detto che era solo ironia. Potrei continuare a scrivere,ma non vorrei appesantire la lettura. Ho tanto bisogno di un tuo consiglio.Grazie. Ciao.
Un bel corso di Yoga Demenziale no eh?!?
Non arrovellarti su questa ragazza ma soprattutto non fissarti sul fatto che sei fatto in un certo modo piuttosto che in un altro, proprio perchè rafforzeresti le tue "debolezze" rischiando di far allontanare chi potrebbe essere interessato a conoscerti meglio. Spesso siamo noi stessi, con le nostre insicurezze e le nostre paure, causa della nostra solitudine. Vai libero da qualsiasi pregiudizio su te stesso e vedrai che gli altri non si accorgeranno di nulla e anche tu scoprirai di poter essere diverso! Sorprendente e magico!
baci Nora

Ciao Ele,
come faccio a rintracciare un tipo che conosco e ho sempre conosciuto di vista....
ci salutiamo..lui aveva un bar..e quindi sapevo dove lo potevo vedere--
da quando non ce l'ha piu'..lo vedo molto raramente......non so dove abita, immagino nel mio paese...qualche mese fa l'ho incontrato in un locale per caso....
io ero con i miei amici e stavo uscendo...lui entrava----ci siamo guardati in modo strano ma piacevole.. come se lui avesse visto chissà cosa nei miei occhi---
e siccome io stavo uscendo lui mi ha chiesto il numero...mi ha detto che lavorava in un altro bar...e io invece di dargli il numero (non potevo tra i miei amici c'era un tipo con cui stavo uscendo...non sarebbe stato carino) gli ho detto dai vengo a prendere un caffè li, ma non so neanche dov'è e comunque se è quello che penso è molto lontano da casa mia ed io non ci passo mai...e non so neanche che orari fa......
fatto sta che il martedì successivo..........mi arrivano dei fiori stupendi con un bigliettino..."sei meravigliosa....M"...
......ma senza numero ne niente dove poterlo rintracciare e poterlo ringraziare....
sembra sparito nel nulla...ed io vorrei tanto incontrarlo per ringraziarlo e baciarlo...
Stupendo! Comprati una bici e comincia a girarti tutti i bar del tuo paese. Se vivi a Roma o a Milano rinuncia ma visto che mi parli di paese...Pensa l'avventura, l'emozione di quando lo ritroverai, potrebbe essere una bellissima sceneggiatura di un film o anche di una vita.
Comunque sia non sarai da sola perchè se dovrà essere la magia della vita ti aiuterà a ritrovarlo...tu falle strada!
baci Nora


Ciao Ele,
il mio nome è D., ho 24 anni, sono di Roma. Il giorno di natale attraverso ad un errore di telefonino ho conosciuto un uomo di 42 anni ( come aveva detto lui ) insomma in breve tempo da una telefonata al giorno di qualche minuto la situazione si è evoluta talmente tanto da passare ore notturne al telefono, io la situazione la vivevo piuttosto da favola cioè la principessa ed il principe misterioso. Le telefonate erano piene di parole dolci, frasi in previsione del futuro ecc... fino ad arrivare al ti amo detto prima da lui. Dopo un pò gli ho chiesto di nuovo la sua età e questa si è innalzata a 48 anni, ci sono rimasta male ma ugualmente dopo 3 mesi e piu di telefonate sono partita da Roma per andare a Genova da lui, premetto sono io voluta andare da lui, ovvio abbiamo dormito in stanze separate. Sono arrivata il venerdi e lui tutto carino si è presentato fiori vestito giacca e cravatta ecc... non ci eravamo scambiati ne foto ne nulla per decisione di entrambi.
Serata che ho vissuto nervosissima, mi sentivo sotto esame, non ero spontanea e piuttosto schiva, mentre il sabato durante la giornata ero tornata la D. di sempre, lui mi a chiesto cosa ne pensavo di lui... ed io spontanea gli ho semplicemente detto "sei quello delle notti in bianco"...!
Insomma il sabato dopo pranzo mi dice di avere un figlio di 31 anni, sapevo che era stato sposato e divorziato ma non sapevo questo! e tanto meno sapevo che aveva esattamente 51 anni, sono rimasta sensa parole io non nego di amarlo ma lo schiok era talemente forte che non ebbi parole, solo un pianto disperato, la sera mi dice che pensandoci bene non era il caso di proseguire perchè lui a il doppio della mia eta e quindi non vuole rovinarmi la vita.
Io ho preso il treno la stessa sera viaggiando di notte, ma dentro stavo morendo...
Attualmente di tanto in tanto io lo chiamo, gli mando sms ma sono sempre io la prima!
MI CHIEDO IL SIGNIFICATO DEL SUO COMPORTAMENTO.
Beh, magari aveva paura del pregiudizio che tu ti saresti fatta da subito conoscendo la sua vera età (come poi è successo!).
Oppure ha paura di non riuscire ad incontrare l'amore perchè si ritiene troppo avanti con gli anni...insomma i motivi ci sarebbero. Comunque se per te è un problema tutta questa differenza d'eta ok...libera di mollare ma se il tuo problema è conoscere il perchè del suo comportamento chiediglielo piuttosto facendogli una telefonata.
Baci Nora

E' finita! Sono passati sette mesi, ma ieri mi ha detto che da due c'è un'altra persona.
Credevo durasse per sempre ma dopo quattro anni ha detto basta.
Finalmente dopo un primo periodo passato in solitudine e cercando di riconquistarla ero tornato a vivere, anche se devo ammettere che la speranza che lei tornasse era sempre viva, invece ieri sera dopo molto ci siamo sentiti e dopo una lunga e piacevole chiaccherata ha preferito dirmelo.
Ho apprezato il modo in cui me l'ha detto, e io ho reagito piuttosto bene, cercando di tranquillizzarla e dicendole di non preoccuparsi, so che le ha fatto piacere e la telefonata si è conclusa in modo pacifico, forse sono riuscito a crescere.
Ora pero' io stò malissimo peggio ancora di sette mesi fà, e ho paura che non riusciro' a dimenticarla,
per tutto questo tempo di ragazze non ne ho voluto sentir parlare, e mi spaventa il fatto di rivivere ancora quei momenti. Io la amo troppo,ma vorrei tornare a vivere.
Credevo che queste situazioni si vivessero solo nei film e invece mi accorgo di essermi sbagliato.
Ciao
Non capisco le persone che a storia conclusa vogliano "essere sinceri" e raccontare certe cose. Lei avrebbe potuto tenersi per se la sua storia nuova, senza riconvolgerti. La vostra storia è finita ed è questo quello che tu devi valutare. Si soffre e su questo non c'è dubbio ma capita praticamente a tutti.
Purtroppo, quasi nessuno ci racconta che dopo un amore finito ce n'è un altro in arrivo, perchè la nostra cultura folle è basata sulla altissima considerazione della sofferenza a discapito della considerazione magica che la vita continua e ci riserva molte più sorprese di quante ce ne aspettiamo...basta saperle accettare.
Preparati che adesso ti capiterà senz'altro qualcosa di bello! Sorridi e mettiti carino...arrrivaaaaaaaa!
bacioni Nora

Ciao Ele, come stai? tutto bene?
...chiarite tutte le varie situazioni a metà con due persone...storie che si trascinavano...ho cominciato ad uscire con questo ragazzo del mio paese...lo conosco da abb anni così di vista...sapevo che mi veniva dietro ma effettivamente non ci conoscevamo....qualche anno fa mi lasciò dei bigliettini sulla macchina...ma ognuno faceva la sua vita...
poi ci siamo rivisti l'anno scorso...a ballare , un attimo...
non gli ho lasciato il cellulare...poi mi vedo recapitare dei fiori a casa....e forse proprio quelli mi hanno conquistata...ma non riuscivo + a vederlo in giro....ma ho iniziato a fantasticare su di lui....può un mazzo di fiori conquistare, o la predisposizione di quel momento?
fatto sta che dopo mesi riesco a rivederlo....ci scambiamo i numeri, iniziamo ad uscire....all'inizio quasi di nascosto per il fatto che io dovevo chiudere una situazione...
chiusa la situazione..mi succede che sto bene con lui...mi piace un casino baciarlo....ma ho un certo rifiuto dei suoi amici delle sue conoscenze...e mi rifiuto anche di andare liberamente in giro nei posti dove va lui, non so perchè...anche adesso ho chiesto a mio fratello che tipo è lui, perchè essendo figlio di un ex (o attuale ) tossicodipendente che ha passato quasi tutta la vita in carcere, ha una brutta nomina, l'ha sempre avuta...e in passato (quando era molto giovane ) ha ammesso di essere stato un po' sbandato , mentre adesso si reputa tranquillo, ma la compagnia con cui gira mi indispone perchè tuttaltro che tranquilla......e mio fratello mi ha risposto...non lo conosco bene..non ci ho mai girato...ma dai hai presente con chi gira...ecco sarà come loro...degli sfigati....
insomma...lui mi sta chiedendo cosa voglio da lui dal momento che gli sembra che non voglio farmi vedere in pubblico con lui, sto tentando di spiegargli perchè è all'inizio e ho appena chiarito l'altra situazione con un ragazzo dello stesso paese, che non sa niente, ma che ovviamente verrà a sapere..e ci rimarrà penso male...
.........e allora lui vorrebbe che io o stessi con lui (e allora concepisce la storia a due..24 su 24 insieme...tutto da fare insieme...) oppure che io lo chiami quando mi va di fare del sesso, e di lasciarlo libero ............nel senso che potrebbe essere aperto anche ad altre storie...
che palle!!.....cosa pensi tu? leggendo da fuori?
Purtroppo se non ti senti tranquilla tu nel frequentarlo come potrei io invogliarti a farlo. Non è facile non considerare il passato di una persona se le cose che ha fatto non sono proprio in linea con la nostra moralità. Certo però è, che lui è anche tutto ciò che lo circonda, per cui la sua compagnia, la sua famiglia, e sopratutto il suo passato per cui se a te non va nulla di tutto questo, conviene non continuare perchè non potrai in nessun modo cambiare tutto ciò...e non sarebbe neanche giusto!
baci nora

Difficile raccontare in poche righe pensieri e sofferenze di una vita intera (42) ma volendo proprio riassumere al massimo nella pentola della mia vita ci metterei un’infanzia infelice perché figlia unica non desiderata, una vita presso altri perché i genitori non “potevano” tenermi con loro, un tentativo di stupro a 14 anni e poi tanta solitudine, qualche anno di serenità presso i nonni (tre anni) e la morte della persona che aveva saputo ridarmi la voglia di ridere e vivere: mia nonna. E si ricomincia: solitudine, sofferenza, difficoltà a 17 anni e poi si presenta lui: gentile, carino, che sembra non chiedere nulla… e io lo seguo a 800 km, altro stato e finisco per rimanere incinta dopo la prima volta (ero vergine) matrimonio di corsa, figlio non voluto eppure finisco per accettare; non sono in grado di abortire, il mio io mi ucciderebbe, non potrei fare una cosa del genere allora uccido me stessa….dopo 8 anni il desiderio di un’altra bimba. Sono quasi felice per la prima volta posso scegliere una cosa che voglio…. E invece riparte il treno del dolore… rientro in Italia con due figli, lui che fa il pendolare e rientra ogni due/tre settimane per 7/10 giorni e quindi io mi ritrovo sola con due bambini, una casa da badare, nessuno accanto per aiutarmi e pochissimi soldi…e trac………dopo due mesi dal rientro sono incinta di nuovo. Ci risiamo altra gravidanza non voluta e poi tantissime lacrime per paura, solitudine, stanchezza… dopo circa 1.5 anno di permanenza in Italia decido di prendere i miei figli e ritornare nella nazione che avevo abbandonato. Almeno lì ci sono i miei genitori, posso trovare un lavoro….. lui indifferente dice che non gli importa di cosa voglio……e poi, per un miracolo cambia idea e mi dice: ok torna qui. Naturalmente non rientro dove lui lavora perché nel frattempo la primogenita (10 anni) avrebbe delle difficoltà enormi scolasticamente e poi ci sarebbe la cara suocera che provvederebbe a piazzarsi in casa tutti i giorni (N.B. ho sempre lavorato a tempo pieno fuorché il periodo passato in Italia!)…e qui inizia il periodo del declino…. Sono di nuovo sola con tre figli stavolta. Lui continua a fare il pendolare (lavora a 350 Km da casa) viaggia all’estero, rientra al fine settimana quando non è all’estero, ma per lui non conta l’educazione dei figli, non importa ascoltare cosa io ho da dire, no per lui io devo essere lì pronta per soddisfare le sue esigenze…. Naturalmente lui non ama le cose comuni, lui è una persona “intelligente” lui vuole cose diverse, lui guarda costantemente le donne diverse, quelle che si notano. Io invece sono vecchia, mi vesto banalmente, non so mettere quel pizzico di frizzante nella nostra vita amorosa…..almeno questi sono i suoi commenti…. E io mi stanco, sono stufa di lavorare, fare la mamma, servire lui e passare 7 giorni su 7 a lavorare, mai un’uscita al cinema o a mangiare fuori. Vita sociale con lui: quasi zero: Inizio a uscire per un concerto con un’amica, poi dopo un mese partecipo ad una cena per la festa delle donne…. E poiché sono sempre sola a casa la sera, mi diverto tramite internet con la chat. Conosco persone che mi fanno sorridere, parlo di tutto: politica, letteratura, stupidaggini….il tutto con il suo consenso, tanto lo sa che sono a casa sola…. Finché nel tempo non conosco una persona che mi parla più spesso delle altre e li inizia la parte più triste perché io mi lascio coinvolgere in un gioco con una persona che non ho mai visto, ma mio marito è entusiasta. Finalmente sono come piace a lui, aperta a nuove esperienze e lui stesso mi manda degli sms che mi fanno arrossire per quanto sono chiamiamoli “osé”…finché scoppio dentro, perdita di 7 kg in meno di un mese, depressione galoppante e disgusto profondo per come sono diventata….e lui che mi dice che non gli piace la vecchia S, che mi fa notare che per lui la moglie ideale non è quella che sa amarlo, rispettarlo, essere buona madre, togliergli il pensiero di tante responsabilità della vita quotidiana. Cosi inizia a prendere contatto con diverse donne e si vanta dei discorsi fatte con queste persone che arrivano perfino ad invadere le domeniche in famiglia….un anno di sofferenza e la grande decisione: voglio separarmi. Rabbia, vendette, fame e ritorsioni finanziarie. La scoperta di una situazione economica che rasenta il fallimento……ma qualcuno sa dirmi perché l’essere umano si avvilisce fino a questo punto perché crede in quel “si” dato davanti ad un altare e finisce per auto-distruggersi? Ora ho accanto a me una persona che mi ama e con la quale sto bene anche se non viviamo assieme, una persona che parla con me, che mi rispetta, ma io sono piena di paure ora…. Paura di rivivere un’esperienza come la prima, paura di non farcela a mantenere i miei figli, paura di non sapere difendere me stessa da persone come mio marito che nel nome di un presunto amore immenso mi ha venduto ad altri per sentirsi “appagato”, PAURA…. Ti ringrazio per ogni parola che potrai esprimere, fosse anche una romanzina con i fiocchi
S.
Romanzina? Ah sì! forse avrei da ridere sulla tua attuale paura oppure sul tuo concetto che saresti stata "venduta ad altri" da tuo marito. Ma non mi interessa dire la mia in tal senso.
Adesso mi piace dirti :
guarda i tuoi bambini come una fonte smisurata di amore per te e di richezza di valori e di sorprese. I Bambini sono l'essenza dell'amore e della gioia, e ogni essere umano adulto dovrebbe riconoscerlo. La loro curiosità per la vita, le loro risate spontanee, il loro naturale stupore, il loro modo di amare senza pregiudizi...Dio perchè quando diventiamo adulti non conserviamo in noi tali valori????
Goditi i tuoi figli e ascoltali, osservali e vedrai che la tua paura scomparirà. E attenta che loro ti guardano, ti ascoltano e ti amano.
Poi sì che ti dico anche che:
c'è questo nuovo amore, non rovinarlo per colpa della tua precedente esperienza...non c'entra nulla con quello che hai vissuto prima di incontrarlo. Rispetta lui ed il suo amore e goditi la sua presenza finchè ci sarà.
baci fortissimi e rispetta la donna che sei.
nora

Carissima Eleonora, innanzi tutto complimenti, sei gentilissima a dare la tua disponibilità per aiutare persone in "crisi".
Il mio nome è M., ho 18 anni e sono pazzamente innamorata di un ragazzo, che può considerarsi misogino e timidissimo.
Abbiamo gli stessi gusti, usciamo nello stesso gruppo, a volte mi guarda, mi parla, ma nulla di più.
Lui sa quello che provo, ogni sera gli scrivo messaggi e a volte vado anche a trovarlo, ma le nostre discussioni riguardano soprattutto la musica e cose ad essa riguardanti, ma non ho mai avuto il coraggio di parlargli di quello che provo.
Sabato sera lui era abbastanza ubriaco ed è stato tutta la notte in bagno perchè stava malissimo ed io sono stata con lui a fargli compagnia, ero seduta dietro di lui e lo abbracciavo, quando ad un tratto mi ha preso le mani e me le ha tenute ed accarezzate tutta la notte, a volte si girava e mi abbracciava forte.
I suoi amici più cari mi dicono che dovrei farmi avanti e mostrare tutte le carte, ma non so se è la cosa giusta "metterlo alle strette", cioè, non me la sento di andare da lui e chiedergli se vuole mettersi con me, lo metterei in imbarazzo, vista la sua timidezza.
Ma questa situazione non la sopporto più, per potergli parlare devo aspettare che è ubriaco...!
NOn so proprio che combinare porca miseria, che dici, vado anche se poverino si sentirà in imbarazzo?
Lui non si farà mai avanti, quello che mi dicono tutti, ma credo che se ad una persona piaci, la timidezza puoi metterla da parte... no? Questo mi sconforta molto perchè allora penso di non interessargli... BO?!
Ti prego aiutami!!!! un bacione,, grazie tante!
Non capisco perchè credi di "metterlo alle strette". Lui potrà risponderti come vuole per cui non vedo che male gli faresti a dirgli dei tuoi sentimenti. Le persone timide non sono menomate, sanno perfettamente se gli piace qualcuno e magari se hanno problemi a fare il primo passo niente di meglio che lo faccia qualcun altro per loro. Prova e aspetta la sua risposta in merito. baci Nora

PS: grazie per il gentilissima...tu non sai quanto ci tengo che tutto il mondo riscopra il valore dell'amore e della pace...spero che accada un giorno...intanto io continuerò ad andare in questo verso per me e per tutti!
Ciao Nora mi kiamo M. P. e ho 14 anni. Ho bisogno di molti consigli..xò x ora vorrei esporti un mio problema,sperando ke tu mi possa aiutare.A
Certo che puoi, aspetto un tua lettera dove mi spieghi tutto, ciao Nora

ciao Ele,
sei in vacanza che non rispondi da un po' alle e.mails?
beata te nel caso!
volevo chiederti, la misura del pene in un uomo implica qualcosa nel rapporto sessuale?
cioè è possibile che se uno l'ha + piccolo una non riesca a godere solo con la penetrazione?
ciao
Uau! sono stata promossa? Come mai a me questa domanda? Meno male che qualcosa in merito la conosco visto che ho impaginato "La scopata galattica" di Jacopo Fo .-))
La dimensione del pene non influisce sull'orgasmo visto che il punto di massimo piacere interno della donna (punto G) è appena ad un terzo della profondità della vagina. Addirittura si potrebbe dire che una penetrazione profonda potrebbe non procurare piacere. Ci sono delle posizioni consigliate (lei sopra a cavalcioni ad esempio) che fanno in modo che la punta del pene del maschio si appoggi proprio sul punto G della donna, sollecitandolo in modo giusto. Ti prometto che il piacere è assolutamente assicurato e in più è anche più intenso e lungo di quello di un orgasmo clitorideo. Per cui...volendo esagerare:viva il pene piccolo!
Oltre che a comprarti il libro sopracitato, ti invito a visitare il nostro sito: www.sessosublime.it , ci puoi trovare un sacco di informazioni utili per viverti al meglio la tua sessualità.
PS.: VACANZE!!!!! e cosa sono? Beata me che comunque lavoro ad Alcatraz però di vacanze se ne parlerà l'anno prossimo ormai!
Bacioni Nora

Salve sono un ragazzo che ha appena compiuto 21 anni e da poco mi sono lasciato con la mia ragazza dopo un anno e mezzo. Lei in un primo momento mi aveva chiesto un periodo di riflessione di qualche settimana che poi infine
questo distacco non e mai avvenuto perche comunque ci sentivamo e qualche volta se pure per poco ci vedemmo, e ci dicevamo le segueti frasi tra pianti, erano mi manchi ti amo siamo legatissimi anche se io non la cercavo
era lei che aveva paura che questo periodo poteva essere pericoloso perche mi potesse perdere infine siamo riusciti a non sentirci per qualche giorno e le frasi che mi furono dette erano mi manche ti amo ma so stare bene anche da sola. Infine io la cosa la presi un po per presa per culo e mi arrabiai
molto e arrivarono infine le famose parolo io non ti amo piu!!!! ma ancora oggi non so il vero perche e non riesco ad accettare la cosa che devo fare?
posso ancora sperare nonostante ci siamo detti delle cose brutte? Sto Male!!!! e pure le ho dato tutto quello che mi chiedeva. A Presto.
Il perchè non ti serve chiedertelo anche perchè cosa ti risolverebbe saperlo? La situazione è quella che è. Il fatto che tu le abbia dato tutto quello che ti sentivi di darle non ha senso rimpiangerlo adesso e comunque sia anche lei finchè ti ha amato ti ha dato quello che aveva da darti per cui adesso senza rancore e conti di resa, guarda avanti che passerà.
PS. Tante volte ci si dicono delle cose brutte anche tra coloro che si amano ancora. E' un brutto vizio ma l'amore vero passa sopra a tutto per cui se dovreste un giorno incontrarvi nulla può dirsi rovinato per questo particolare.
baci Nora



PER PUBBLICARE LA TUA MANDAMI UN EMAIL!
info@amoreamore.it

torna in testa alla pagina