la posta di amoreamore.it a cura di Eleonora
I consigli di Eleonora hanno risolto i vostri problemi? Fatecelo sapere!!!

pag.16


8 Giugno 2003: ironia della sorte
Ebbene sì la mia assenza dal sito è giustificata dal fatto che ho dovuto "riprendere la mia vita in mano" e fare i calcoli con un qualcosa che non avevo considerato potesse essere possibile adesso. Sono io, quella che sostiene che l'amore come viene così può andare ma quando poi ti capita fai fatica ad accettarlo. Oppure l'accetti ma sei completamente in confusione che trascuri tutto il resto.
Ma non dimentico che in questo momento ci sono tante altre coppie che si amano e che rendono speciale questo sentimento e l'onorano, per cui rieccomi qua a dire la mia e che ci crediate o no ancora adesso credo che ne valga comunque e sempre la pena!
Mi scuso con chi aveva bisogno di una risposta immediata ma rispondo comunque adesso a tutte le lettere che mi sono arrivate negli ultimi due mesi.
Intanto continuate a scivermi perchè parlare d'amore è meglio che parlare di abbandono, dolore o rabbia.
Viva l'amore, Eleonora

ciao eleonora, intanto ti faccio i complimenti x il tuo bellissimo nome.Ti scrivo perchè:intanto spero che tu possa aiutarmi e per risolevarmi un pò il morale.Il mio problema stà nel fatto che ho preso una cotta per una ragazza ma pultroppo non la conosco.Essendo molto timido non riesco a poterle dire nulla,e quando vado da lei ho la netta paura che la timidezza possa giocarmi brutti scherzi.Ti prego aiutami,colgo l'occasione per augurarti buona pasqua.Ciao Ciao
Buona Pasqua? Cavolo ma da quand'è che non rispondo?
Il problema della timidezza lo abbiamo già affrontato. No che non voglia risponderti ma proprio in questo periodo sto riflettendo su quanto sia importante dichiararsi, esserci e vivere ciò che abbiamo voglia di vivere subito! non perdere la tua occasione, dille che ti piace e magari anche lei è da tempo che avrebbe voluto dirtelo.
baci Nora

Cara Eleonora sei la mia unica salvezza.Mi sta capitando una cosa di cui mi vergogno da morire e non riesco a parlarne con nessuno
ma sento che se non ne parlo peggiorerò solamente le cose...forse già scriverti è una presa di coscienza troppo forte e non so se ce la farò....
Sono 5 anni che sto con un ragazzo fantastico e ne sono completamente innamorata. Io ho 22 anni e lui 21, abbiamo una grande affinità in tutti i campi soprattutto intellettuale e fisica.Gia dal primo anno mi hanno accolto in casa sua a braccia aperte e, un pò per la separazione dei miei che stava avvenendo in quegli anni ,mi sono rifugiata da loro..era la mia nuova famiglia visto che quella vecchia si stava sgretolando...ho sofferto molto e loro mi hanno teso una mano d'oro!!Ho visto crescere suo fratello che ora ha 15 anni e per il quale provo un'attrazione vergognosa. Ecco il problema!! Mi dico "non è possibile...è solo un ragazzino! " ma ciò non mi aiuta per niente.Come dice il detto "ogni attrazione è reciproca" e io sento che è così..Quando ci ritroviamo soli lui è stranissimo, molto diverso da quando c'è il fratello presente. Appena siamo un attimo da soli lui "corre" a chiudere le porte per paura che entri la madre e ieri è successo così. Noi due stavamo parlando, la luce un pò soffusa..entra la madre e fà "Che c'è qualche segreto di stato fra voi due?"
Io ero imbarazzatissima....forse perchè temevo che lei avesse scoperto il mio segreto..Mi sento in colpa. Non riesco più nemmeno a vedere un film in tre come abbiamo sempre fatto...lui mi guarda spesso, mi osserva attentamente in tutte le parti del mio corpo ed io non riesco a fare l'indifferente!!!Come faccio, ti prego dammi un consiglio.Io amo da morire il mio ragazzo, abbiamo grandi progetti insieme ma non mi era mai capitata una cosa del genere! Il futuro mi fa tanta paura...se non mi passa come farò quando crescerà???Aiutami....aspetto con ansia una tua risposta!!!!
J.
Oh my GOD!!! Bella questa!
Qui credo tu debba usare molto la tua parte razionale e dirti che implicarti in una storia con un ragazzino (che naturalmente può essersi preso una cotta per la ragazza di suo fratello: è molto diffusa la cosa) ti porterebbe ad un disastro amoroso difficilmente riparabile. Se dici di amare così tanto il tuo fidanzato allora evita qualsiasi situazione imbarazzante per te o per altri. Il futuro non deve farti più paura di questo presente. E' adesso che devi decidere. Cerca di farti una bella risata su questa bizzarra situazione vedrai che ti alleggerirà. La drammatizzazione di certi comportamenti o sentimenti non aiuta ad essere chiari né con se stessi né con gli altri. Lascia che il fratellino si viva i suoi sentimenti di nascosto come fanno tanti altri fratelli e sorelle, fa parte della natura, invece lavora su te stessa. Guarda bene piuttosto al sentimento che ti lega al tuo ragazzo e se dovessi accorgerti che "non è lui il tuo lui" abbandona quella casa e cerca riparo altrove magari dentro te stessa questa volta!
baci Nora

Alla mia donna
3 aprile 2003
33anni, il suo compleanno, non la rivedrò più, ha deciso di fermarsi!
Con questa lettera, scritta giorni fà, voglio rendere pubblico, l'amore che provo per Francesca ed invito tutte le persone che si amano a non dare niente per scontato e a vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo.


27 marzo dell'anno 2003
Cara Francesca,
dopo un anno, da quando è iniziato il nostro viaggio, eccomi quà a scriverti una lettera.
Mi addolora scriverla in questo momento, dopo che tu abbia deciso di fermarti, ma ne sento il bisogno.
Ho riflettuto, ho ripercorso il nostro cammino di un anno, ho pensato a me, a Te, all'amore,alle persone che si amano.
Ognuno si sente solo ed invoca d'essere amato, d'essere compreso; ma non possiamo mai completamente comprendere un'altra persona.
La felicità di comprendere ed amare un'altro, arriva soltanto quando spingiamo le nostre menti e i nostri cuori ai limiti estremi delle nostre capacità, ed è quello che mi sento d' aver fatto in questi ultimi giorni.
Ho ripercorso i momenti belli trascorsi insieme, i primi approcci, la timidezza, la voglia di saltare come un bambino per la gioia di averti visto e scambiato semplici parole, la serenità e la forza che mi hai trasmesso.
Ho riflettuto ai momenti in cui non ero presente con una carezza, un fiore, un bacio, una parola, rimandando tutto al domani. Mai farlo!
La mia mente e il mio cuore non erano al limite, mi comportavo come se ti dicessi: "ti amerò se...", invece di dirti, ti amerò se sbagli, se commetti errori, se ti comporti come un essere umano, <<Io ti amerò ugualmente>>.
Mi spiace non averti mostrato questo di me; ora mi sento di farlo, di vivere, di viaggiare con te, di amarti intensamente fino alla fine dei nostri giorni. Forse è troppo tardi!
E' vero c'era qualcosa che non andava; tu la chiamavi sintonia elettiva, combinazione, dipendenza mentale.
Io penso che c'erano tanti fattori (lavoro, storie passate, paura di soffrire in entrambi), che, senza accorgecene, puntandoci il dito l'un l'altro, ci portavano ad inaridirci.
Tutto è in fase di cambiamento, noi inclusi.
Non ci saranno mai due tramonti uguali, anche gli alberi davanti a casa tua, non saranno mai gli stessi.
Siamo come quelle stelle marine sulla sabbia, che dopo tanto sole si disidratano. Ci basta un pò d'acqua per ricominciare.
Ho pensato alla Vita, a questo viaggio.
Tutti scegliamo la vita , ma abbiamo paura di viverla. Non rischiamo per paura di essere coinvolti, di soffrire, di non essere corrisposti.
E invece Vivere è sporcarsi le mani, buttarsi con coraggio, cadere e sbattere, andare aldilà, talvolta lasciando da parte anche orgoglio e dignità.
Avrei potuto lasciarti lasciarti andare, evitando sofferenza e angoscia.
Invece no! Volevo vivere a qualsiasi rischio.
Vivo come se aspettassi l'alba dopo il tramonto, la calma dopo la tempesta, l'arcobaleno dopo il temporale.
In questi giorni sei stata tutto per me!
Mente e cuore al limite! Mi sento libero!
L'unica libertà è l'amore, perchè l'amore è la vita in tutti i suoi aspetti. E se ci lasciamo sfuggire l'amore, ci lasciamo sfuggire la Vita.
NON FACCIAMOLO!

Con il Cuore
Tuo Giuseppe

Ciao Eleonora, grazie di esistere, non sai che piacere poter parlare della mia situazione con qualcuno!
Come e' possibile perdere la testa, di colpo, per un uomo che conosci da 11 anni? Situazione: io 34 anni, lui 38 (lo chiamero' Francesco), colleghi. Lui fa parte di quella schiera di maschi, di una bellezza esplicita, di quelli che, quando passano, li guardi, ti volti per riguardarli e poi svieni. Nonostante cio', (anzi, anche A CAUSA di cio'!) non sono mai stata particolarmente attratta da lui, apprezzavo la sua simpatia (come in tanti altri), l'ottimo carattere (lui e' sempre di buon umore e disponibile), trovavo gradevoli le conversazioni con lui, incentrate principalmente sui rispettivi viaggi e sulle due passioni che abbiamo in comune (l'attivita' subacquea e il cinema). Lui e', dichiaratamente e fieramente, un gaudente, gli piacciono molto le donne e il sesso, non ha pero' fama di essere un dongiovanni (sul lavoro almeno..), e' misurato e mai volgare, piuttosto raffinato e perfezionista.
Ha una ragazza fissa da parecchio ma vive da solo. Io sono "ufficialmente" sposata, in realta' io e mio
marito abbiamo deciso di separarci tre anni fa (non abbiamo ancora iniziato le pratiche burocratiche ma facciamo vite separate), non ho divulgato la mia situazione in ambiente di lavoro, ho una relazione con
un ragazzo (da molto tempo) che adoro ma col quale ho profonde differenze di carattere/gusti/abitudini; di fatto vivo sola.
Da qualche mese, per situazioni del tutto casuali, io e Francesco abbiamo avuto modo di chiacchierare molto piu' frequentemente (da soli e insieme ad altri) e abbiamo fatto discorsi un po' piu' impegnati
(religione, politica, gusti personali, senso della vita, filosofia) e... mai vista una cosa simile...: abbiamo delle affinita' alla massima potenza, opinioni e gusti simili su tutto (a volte espone una sua opinione, senza sapere come la penso io, e io rimango a bocca aperta notando tanta affinita') e ho scoperto che e' una persona molto buona d'animo (oltre che estremamente intelligente, come gia' sapevo).
Fin qui, comunque, avevo notato solo quanto fosse curioso questo fatto. Un pomeriggio, (potrei indicarti
anche data e, all'incirca, l'ora) mentre facevamo un discorso a due e mi stava parlando (non eravamo soli, non lo siamo mai) l'ho guardato negli occhi, fisso, per vari secondi, e, per la prima volta mi sono
accorta che sono blu e bellissimi (giuro, non ci avevo mai fatto caso, Francesco da' nell'occhio piu' che
altro per il suo fisico). Insomma, sono letteralmente impazzita, come una liceale, penso sempre a lui, non ho mai fame (in 8 gg ho perso 2 kg, che non erano di troppo...), la sera non vado a dormire prima dell'1.30 (al mattino la sveglia e' alle 6.30...), ho la tachicardia da stanchezza, sogno a occhi aperti come un'imbecille, pulisco la casa poco e male (non e' da me!), mi dimentico di tutto, sto diventando disordinata (inaudito!). A quanto mi dicono tutti, sono una donna attraente, so di piacergli (come gli piacciono tutte le donne belle del pianeta..) e che lui mi stima.
Appena conosciuti (nell'era paleozoica!), ci ha anche un po' garbatamente provato (intendo, come fanno quasi tutti gli uomini, sondano il terreno per vedere se ci staresti) ma, come ti dicevo, ero assolutamente
indifferente, e, da allora, siamo come fratello e sorella, con un'estrema confidenza (verbale).
A volte mi dico: devo farmela passare, tanto, anche se ne uscisse qualcosa, mi farebbe morire di gelosia; poi ci ripenso, ci sono tutti gli ingredienti per una cosa meravigliosa, rinunciarci sembrerebbe di sputare in
faccia alla vita. Poi penso, lui e' cosi' bello, io forse non sono alla sua altezza e chissa' che ragazza
avra' (una f..a stratosferica di intelligenza superiore, come minimo!!).
Insomma NON SO CHE FARE e, nell'ipotesi di voler agire, ovviamente, non saprei COME fare.
Ho valutato anche di dirglielo apertamente o di dargli questa lettera, ma non ce la farei mai!!!
Eventuali messaggi tipo: vestirmi un po' meglio (sono sempre in pantaloni e maglietta), sguardi, messaggi verbali, casuali sfioramenti innocenti (non e' il mio stile!!!), secondo me, ormai, non verrebbero recepiti (o meglio, forse verrebbero notati da tutti gli altri tranne che dall'interessato!)
Ho il terrore di farci una figura da tr..a (mentre invece sono anche coinvolta sentimentalmente), o di essere sputtanata in ambiente di lavoro. Come se non bastasse, quando lui tornera' tra due gg,
(dal giorno successivo a quel fatidico pomeriggio, lui e' via per lavoro), so gia' che mi trovera' fredda, frenata, ingessata, tesa (mi succede sempre quando un uomo mi piace...) e magari si allontanera' pensando che sono di cattivo umore (TERRIBILE). Eleonora,
....AIUTAMI.
E come posso? hai già fatto da te tutte le ipotesi possibili.
Vivrei intanto ciò che provi in modo più sereno perchè l'innamoramento è un momento altissimo di apertura delle percezioni, dei sensi e ti fa vedere tutto come se fosse la prima volta, per cui goditela. Veramente mi vien da rivolgere un pensiero alla sua ragazza poverina...poteva scegliersene un più bruttino, che non facesse impazzire così le altre donne. :-)))
Per quanto riguarda sul lavoro se mai dovessero accorgersi che... fottitene! L'amore va al di là di ogni cosa e poi siamo nel 2003...
baci Nora

Scusami per il disturbo ma avendo toccato il fondo credo che mi resti solo
chattare le mie perplessità:
secondo te un uomo (io) che:
- per non gravare sulla moglie si stira le camicie da solo, sentendosi dire da lei che lo fa per sottolineare che lei non è all'altezza, quindi non se le stira più ma lei non le stira perché ha da fare;
- per non gravare sulla moglie lava i piatti, sentendosi dire da lei che lo fa solo per farle notare che lei non è capace, quindi compra una lavastoviglie ma lei sottolinea che è perfettamente capace di lavare i piatti da sola;
- compra alla moglie una macchina usata, ma essendo usata non è un bel regalo, quindi gliene compra un nuova e lei festeggia con lo spumante, dimenticando di chiamare il marito (io) che era salito in bagno, e fermandosi solo quando la figlia in lacrime le ricorda che dobbiamo aspettare papà?;
- passa le serate vicino ai figli facendo i compiti con loro mentre lei dalle ore 1900 è fissa di fronte alla TV per SgarbiScottiBonolisEccetera;
- alle lamentele che non andavamo mai in vacanza la porta in albergo sul lago di garda ma lei dice che non si sente a suo agio e vuole una cosa più casalinga, quindi affitta un appartamento al circeo ma è come essere in casa?, allora compra un camper ma lei dice che è impegnativo girare quindi parcheggia il camper in campagna e porta i figli al mare in macchina ma lei non vuole venire perché il mare sai che non mi piace, allora propone
una settimana bianca ma vacci da solo con i figli ecc.;
- stasera andiamo a mangiare un pizza? No perché devo registrare Sarabanda ma poi bussa il fratello che la rimprovera di non voler uscire ed allora è colpa mia che non digerisco la pizza;
- il bambino piccolo (ora ha sette anni) voleva dormire nel lettone e lei diceva che la natura è così allora io ho proposto di portarlo nella sua camera e di stargli vicino raccontandogli favole finchè non si addormentava ed alzandomi nella notte quando lui si risvegliava. Lei ha detto che se volevo dovevo continuarlo a fare io (ma dal momento che io mi alzo alle cinque di mattina non ho retto molto tempo) quindi lei te l'avevo detto
ha risolto dormendo lei nel letto del figlio ed io nel lettone col figlio, così oltre tutto non la scocciamo quando la sera lei si vede la TV;
- quando la figlia maggiore ha avuto la bronchite la dottoressa ci ha rimproverati di fumare in casa: io ho smesso di fumare (dieci anni ormai) lei no perché è inutile tanto fuori c'è l'inquinamento;
Potrei continuare per altre venti pagine ma penso che siano più che sufficienti le cose che ho scritto per porti la domanda:
sono proprio un idiota ???
Ciao, M.
Un idiota no ma uno che non si ama tantissimo forse. Non so se in qualche altro modo tua moglie ti dimostri il suo amore ma comunque sia ci sono tutti i presupposti per capire che la situazione non piace a nessuno dei due per cui fossi in te io andrei adesso! non è facile ma non fa bene a nessuno vivere una situazione del genere e tantomeno ai bambini che spesso sono il motivo per cui certe coppie decidono di non separarsi. Errore! ai figli va continuato a dare tutto l'amore del mondo e non vanno abituati a cose del genere. Trova il coraggio e organizzati.
Forza, baci Nora

Cara Eleonora,
ti scrivo in un momento di depressione totale per aver scoperto che dopo un anno e quattro mesi ancora non ho dimenticato il mio ex. A 16 anni (ora ne ho 31) ho avuto con lui la solita storiella da adolescenti.Mi ha lasciata e ci sono stata male per due anni.Poi siamo diventati l'uno il migliore amico dell'altra e a 24 anni io 27 lui ci siamo ritrovati.Ma io stavo con un altro.Ho fatto il doppio gioco,lui l'ha scoperto,mi ha perdonata,ma io ho fatto di tutto per perderlo di nuovo e naturalmente ci sono riuscita.Perchè?Perchè mi faceva paura non esserne all'altezza per cui facevo la gran donna senza esserlo.Lo vedevo tanto più maturo di me,più sensato,più tutto (tranne che più bello...ma mi faceva comunque impazzire) e pensavo che prima o poi si sarebbe accorto del fatto che io valevo poco,per cui cercavo di darmi l'aria della persona matura che non ero.Dopo tutto 'sto tempo non ne so più nulla.Avrà sicuramente un'altra e a me,avendomi lasciata in maniera più che brutale,non ci penserà più.Io nel frattempo sto con un uomo dolce e buono che ha capito la situazione e mi sta vicino ma non ce la faccio più a stare con lui e pensare all'altro per cui ho deciso di lasciarlo.Fra l'altro il mio ex mi diceva che avevo rovinato tutto anche a causa di questa persona che avrei fatto bene a tenermi come amico ma non come ragazzo.E infatti con il mio attuale "boy" c'è grande amicizia e complicità ma niente passione.Vedi che aveva ragione su tutto? Non ce la faccio a stare senza di lui ma non riesco neanche a richiamarlo anche perchè gliene ho combinate di cotte e di crude e mi vergogno della mia stupidità.
Grazie della tua attenzione.
S.
Magari la tua, a cose fatte, può sembrare stupidità ma forse è solo che non eri pronta a raccogliere il suo amore. Adesso, è vero, chissà se lui ti ama ancora ma nel dubbio io chiamerei anche solo per farti una ragione. Non puoi mica vivere pensando che..., se..., forse... La verità è quella di adesso: i suoi sentimenti, i tuoi sentimenti. E poi hai rischiato così tanto (da perderlo) che adesso proprio, che saresti pronta ad amarlo seriamente, ti tiri indietro?
Prova e poi lasciati guidare dagli eventi. baci Nora

Gentile sig.ra Eleonora, anch'io come tanti ho scoperto questo sito per caso e ho deciso di scriverle in un momento per me, non poco felice.
Nonostante i miei 30 anni, posso dire di non capirci ancora nulla dell'amore.... vorrei incontrare qualcuno con cui costruire un rapporto duraturo, ma sono poco corteggiata e tutte le volte che ho preso io l'iniziativa, è andata male o meglio alla fine mi sono tirata indietro, per paura, timidezza o forse perchè il ruolo della conquistatrice non collima con il mio carattere razionale.
Le faccio un esempio, Lui mi piace da tempo, lo scorso anno è rientrato nella mia città dopo essere stato fuori per lavoro e quando l'ho rivisto ho pensato che dovevo farmi avanti, e così è cominciato un gioco di sms, di battute finchè una sera a casa di amici siamo rimasti un pò soli....ma io non son riuscita ad andare al di là dei preliminari.... lui è stato dolce quella sera, ma la successiva ha sottolineato la mia riluttanza a lasciarmi andare e non mi ha più cercata...Mi son ripromessa di fare altrettanto ma non posso fingere di non pensarlo ancora e di starci male...ieri L.dell'Angelo, ha trascorso la giornata con me e la mia comitiva, mi son torturata ignorandolo mentre lui era a telefono con un'altra!!!!!
Mi ripeto che devo dimenticare..uscire, socializzare, ma non ne ho voglia, per una volta vorrei che qualcuno mi notasse e mi facesse sentire una piccola regina.
La ringrazio in anticipo e spero di leggere al più presto la sua risposta.
Dolcesola.
Prima di itutto, se non ti dispiace, evitiamo questo "Lei" dato che ho appena 4 anni più di te e poi crea una distanza inutile ora che sto per "farmi i fatti tuoi" per cui non credo sia il caso! .-)
Lui avrebbe forse potuto farti sentire una piccola regina ma tu lo hai rifiutato per cui se non riesci prima tu a scioglierti credo sia difficile per qualcun'altro donarti fino in fondo ciò che desideri. Attenzione magari lui aveva soltanto voglia di scopare ma comunque a te lui piace quindi poteva anche starci. Con ciò non voglio spingerti a "regalarti" sessualmente a chiunque ma riuscire a godere a pieno delle situazioni ci porta sicuramente da qualche parte, invece ritirarsi significa spesso creare barriere inutili e non comprensibili agli occhi di chi magari cerca di avere un approccio più intenso con te. Comunque sia le cose sono andate così come sono andate, adesso non ci pensare e guardati avanti, in un'altra storia, in altre potenziali situazioni che senza dubbio ti capiteranno e che dovrai essere pronta a cogliere!
baci Nora

ciao eleonora,
mi chiamo g. ed ho 27 anni.
mi sono lasciata da circa tre mesi con il mio ragazzo.Bene,quello che volevo chiederti è:faccio bene ad impormi di non cercarlo più (perchè ad un certo punto bisogna andare avanti e superare il passato ecc ecc.........)soffrendo come un cane,o sarebbe meglio che io gli stessi comunque accanto,anche solo come amica(soffrendo lo stesso,visto che corre dietro ad ogni gonna)nella speranza che cambi e prima o poi si renda conto di quello che io valevo per lui?.
sono tre mesi che non lo sento quasi per nulla,ma non è cambiato niente.
mi sveglio con il suo pensiero e non c'è mai stata una volta,dico una!,in cui sentendo squillare il telefono o aprendo un sms,la mia testa non ha pensato anche solo per un secondo,fa che sia lui!!!
grazie 1000 baci g.
Sbaglieresti a stargli vicino se il tuo intento è quello di fargli capire chi o cosa ha perso. Anche perchè ogni tuo atteggiamento tradirebbe questa cosa e lui ti allontanerebbe anche come "amica".
Devi riuscire veramente a fare ciò che ti senti di fare. Forzare le situazioni non aiuterebbe nessuno dei due. e poi se purtroppo lui non è più innamorato di te, non c'è vicinanza o lontananza che tenga. devi soltanto accettare che la situazione attuale è questa e devi pensare a te e non a quello che lui...
Forza e baci nora

le due lettere appena sotto magari si riferiscono alla stessa storia, nel dubbio ho risposto a tutte e due!
Cosa ne pensi della gelosia?
di un ragazzo che se anche ti frequenta da solo 1 mese e mezzo è gelosissimo, vorrebbe stare sempre con te, si incazza o fa l'indispettito se esci con le tue amiche...
devi sempre preparare prima le frasi giuste da dirgli...per non farlo incazzare...
...neanche fossimo sposati....e poi io sono una tipa troppo indipendente......non posso pensare che se voglio andare in un posto oppure vedere anche dei miei amici di sesso maschile mi venga proibito da lui..."siculo incallito" .....
..........................ieri ero in fiera...ieri sera ero cotta (non ci siamo visti) oggi lavoro stasera cena di lavoro (non ci vediamo e gli tira il culo) domani vado in fiera....gli ho detto ...stasera esco da lavorare e ti vengo a trovare al bar...NO perchè oggi nella pausa dovevo passare a salutarlo per un bacino e io non sono passata..(chiaro l'ho chiamato 5 volte non ha risposto perchè aveva i toni bassi...e io sono andata a lavorare...visto che bisogna rispettare i tempi del cartellino!)...
....questi comportamenti mi creano pesantezza....
Questo tipo di gelosia lo trovo inadeguato e distruttivo e non ha nulla a che vedere con l'amore. E poi addirittura siete insieme soltanto da un mese e mezzo!! Vuoi proprio sapere la mia? Lascialo e goditi sempre la tua indipendenza!
Baci Nora
Ho bisogno di un consiglio immediato, molto urgente..
ho a che fare (spero sia chiusa definitivamente) con un pazzo geloso folle...
ci siamo frequentati per due mesi poco più e data la sua gelosia folle è andato tutto a rotoli, ma nn basta chiudere la storia per chiudere il capitolo...
il pazzo si vuole vendicare su un ragazzo (mio ex) che è mio amico perchè dice che mi sta attorno, e siccome ho iniziato a lav come barista il sabato sera (e lui da vero matto non voleva che la "sua donna" lavorasse in un bar perchè rischia di conoscere ragazzi di troppo...Aiutooo) e questo mio amico mi viene a trovare molto tranquillamente , il pazzo è convinto ( e nessuno lo smuove da questa sua idea) che ci stia provando, vuole andare li e dirgli di lasciarmi in pace e picchiarlo...
ora, mi metto nei panni di questo mio amico...che si vede arrivare a ciel sereno questo pazzoide folle....ho cercato di farlo ragionare, oltretutto perchè il mio amico nn c'entra veramente....ma lui è annebbiato dal fatto che io non lo considero come vorrebbe e poi è molto nervoso per altri fatti personali.......non so che fare....aiutoooo tu che faresti a parte il fatto di aver cercato di farlo ragionare?
a presto!

Intanto avverti il tuo amico della situazione e poi se proprio dovesse essere così rischioso fai capire al tuo lui che il primo a rischiare sarebbe lui. Fatti aiutare da qualcuno magari più grande, dovreste in qualche modo fargli mettere paura che se arriva a fare un gesto sconsiderato poi lo pagherebbe per tutta la vita. Le persone così morbose non è facile farle ragionare ma sono le prime a scappare di fronte ad un pericolo. Comunque considera che lui sicuramente è così perché ha un buco emotivo forte per cui se credi di poterlo aiutare magari lasciando che lui si confidi con te, e non opponendoti soltanto, forse verrebbe tutto più facile. fai le tue valutazioni e agisci di conseguenza. di amore qui proprio non se ne parla...almeno per il momento
!
Ciao! Ho letto la tua rubrica e vorrei sapere che ne pensi della mia storia sentimentale.
Ci siamo conosciuti ad una festa e lì per lì non ci avevo nemmeno fatto più di tanto caso, poi piano piano lui si avvicina di più a me, ci mandiamo messaggini, ci telefoniamo, ci rivediamo altre volte, insomma, fa di tutto perchè non lo consideri solo come un amico. Da subito si instaura un feeling, ci capiamo al volo, la nostra è un'intesa che non ho trovato con nessun altro. Arriva anche a dirmi che gli piaccio, che sono speciale. Mi ha fatto innamorare perdutamente di lui.
A quel punto cerco di fargli capire che anch'io provo quello che prova lui, ma lui che fa? Sparisce, o meglio, chiama e poi silenzio. A volte sembra che ci provi con me, a volte non mi guarda nemmeno. Insomma, è bellissimo, quello che c'è tra noi ma io vorrei qualcosa di più e questo suo dire e non dire mi fa stare peggio. E' vero che lui sta passando un periodo un po' complicato, che adesso deve decidere della sua vita, è vero anche che non sarebbe facile, mettersi con una come me, per questioni anche logistiche, ma allora, perchè non essere chiari?
Ti ringrazio fin da ora della tua risposta
F.
Già, chiari! e tu gli hai chiesto di essere più chiaro?! dalla tua lettera non si evince ma comunque più che pretendere di più io sarei curiosa di capire se in qualche modo sia possibile godersi quello che c'è: attrazione, gioco e forse tenerezza. Per un buon inizio potrebbero bastare sai?!?!?
baci Nora

ciao Eleonora,
sono molto confusa ma soprattutto ho paura. A Dicembre ho lasciato il ragazzo con cui stavo da quasi 6 anni per via di una serie di problemi di cui ora sarebbe troppo lungo scrivere. Ho deciso di lasciarlo nel momento in cui ho conosciuto un altro ragazzo(lui ha 30 anni, io 25). In realtà però. e di questo sono stata consapevole fin dall'inizio, non è stato per via di questo nuovo ragazzo, lui è stato solo la cosidetta ciliegina che ha fatto traboccare il vaso. Non l'avrei neanche guardato e non avrei iniziato a provare qualcosa per lui se tutto fosse andato a gonfie vele con il mio ex. Quest'ultimo pensavo fosse l'uomo della mia vita, l'ho amato molto ed è stata una storia meravigliosa, purtroppo finita. Da dicembre sto con questo nuovo ragazzo. Io inizilamente ero confusa, non volevo lasciarmi andare perchè uscivo
da una storia molto importante. Ma col tempo mi sono fatta coinvolgere tantissimo dalla storia. Lui fin dall'inizio mi dice che non può darmi garanzie perchè ha paura di legarsi, che non vuole farmi priomesse che magari non manterrà. Io gli dico che non voglio promesse e che sinceramente alle promesse di amore eterno ect..non credo più. Sta di fatto che col tempo la relazione va avanti e ci uniamo e leghiamo sempre di più. Stiamo sempre meglio insieme e viviamo momenti sempre più intensi.
Io ovviamente penso che anche lui si stia innamorando finchè alla fine di marzo (dopo quindi qquasi 4 mesi di frequntazione) mi dice che per me non ha provato il fuoco e la passione travolgente che ha provato per altre 2 persone nella sua vita (con cui peraltro è durata pochissimo) e che quindi non crede di amamrmi e che mai mi amerà.
Ma soprattutto continua a dire che lui ha paura di legarsi, che il ruolo del fidanzato ufficiale non gli piace e che ha paura che prima o poi mi deluderà o mi farà soffrire. E ciò mi fa pensare che neghi i suoi stessi setimenti per paura di un legame importante (del resto in alcune occasioni, lo ha praticamente ammesso).
Io gli dico che anche io all'inizio non ho provato il coinvolgimento che ti toglie il fiato, che invece ho provato con il mio ex, ma che credo che non tutte le storie debbano partire nello stesso modo, che ci sono storie che iniziano in modo travolgente e poi vanno avanti ma molto spesso si spengono e altre che invece iniziano lente e col tempo crescono fino a divenire amore. O sbaglio? tu cosa ne pensi?
Lui dice che per lui l'amore è qualcosa che ti fa vivere solo ed esclusivamente per quella persona, per cui non vivi più, non mangi più ect..e io gli piego che quella è solo una possibilità, l'innamoramento che si verifica all'inizio. Insomma tutti questi discorsi mi hanno distrutta. Nonostante ciò decido di continuare a uscire con lui, a stare con lui pensando di prendere la storia come un diversivo e come storia di sesso (impossibile). Penso che lui lentamente si allontanerà e invece? Lui diventa sempre più affettuoso, sempre più preso, vuole vedermi sempre più spesso. E io non capisco...mi dice che non vuole legarsi e invece cosa fa?Si sta legando sempre più e non può non essersene reso conto...se non ti vuoi legare mantieni le distanze e invece lui non lo fa ma anzi si avvicina sempre più. Non vuole il legame ma di fatto già il legame c'è, e anche abbastabza forte!
E' cambiato però come prima non mi chiama spesso quanto lo chiamo io, non mi fa complimenti (lui dice che non ne ha mai fatti a nessuno e che è una questione di carattere anche se io penso che se sei innamorato di qualcuno, dovrebbe venirti naturali) salvo che in alcuni momento particolarmente belli in cui si vede che ci mette tutto sè stesso per dirmi cose belle; non è uno pieno di attenzioni e premure però è evidente, quando stiamo insieme che è cambiato, lo vedo, lo sento e viviamo momenti stupesndi. Ormai si può dire che è una relazione, non dico seria nel senso comune del termine- ma una relazione. Non mi interessa che magari sia un po' particolare. Quello che mi fa paura è che lui mi possa dire che non mi ama o che mai lo farà. Io sono convinta che fino a poco tempo fa lui non voleva ammettere a sè stesso ciò che provava e che tra di noi c'era qualcosa di profondo ma che alla fine abbia iniziato a lasciarsi andare lasciando che i suoi sentimenti vengano in superficie. Però come ti ripeto non parliamo mai di sentimenti. Parliamo tantissimo, anche se soprattutto lui e ciò mi spaventa un po', stiamo davvero bene e le sensazioni che provo quando stiamo insieme sono fortissime e sento che da parte sua è esattamente la stessa cosa. Io sento appunto che le cose sono cambiate però poi quando non ci vediamo (ora ci vediamo sempre più spesso e anche lui come me ne sente l'esigenza) ha degli atteggiamenti che mi fanno pensare che forse in realtà non è cambiato e che sono io che mi sono illusa e che mi sono voluta autoconvincere che lui provi per me dei sentimenti un po' più profondi. Per esempio gli mando messaggi dicendogli che sono giù e che avrei bisogno di lui e lui non mi risponde o lo fa dicendomi altre cose, tipo battute stupide che a volte mi hanno fatto rimanere ancora peggio. Gli scrivo o gli dico cose dolci e lui non risponde mai, non dico allo stesso modo perchè non si può pretendere che l'altro sia la nostra fotocopia, però perlomeno dimostrandomi che gli ha fatto piacere ciò che gli ho detto o scritto.
Insomma dopo averti scritto tutto ciò, quello che ti chiedo è: secondo te mi vuole bene davvero? Che futuro avrà una storia con una persona che mi dice che non vuole legarsi ma che poi fa tutto il contrario? E poi lui dice che la parte del fidanzato "canonico" non gli si addice e per me va bene però è inevitabile chiedersi come andrà , anche perchè lui mi dice che non vuole porsi domande sul futuro, su ciò che sarà però poi mi ha chiesto una volta: "ma tra di noi come finirà? Andremo avanti senza porci domande finchè uno dei due non si stancherà o non conoscerà un altro?" quindi di fatto anche lui se le pone le domande! Io non vorrei pormi domande ma uscendi da una storia che sembrava destinata ad essere quella della vita, per me è inevitabile ora chiedermi come sarà il futuro con lui.
Forse vorrei di più perchè penso che se una persona è innamorata di un altra soprattutto all'inizio ha voglia e sente il bisogno di condividere tutto con l'altro...ma forse non ci sono schemi in queste cose..
grazie, ciao ciao
Il futuro non esiste in amore. L'amore è legato al presente, e non può essere vincolato nel tempo. Troppe parole , troppi pensieri e ho la netta sensazione che sei tu a tenerlo a distanza. chiudi la bocca e spegni il cervello lui è più vicino a te di quanto tu possa pensare di desiderare.
baci Nora

ciao Eleonora sono un ragazzo di 27 anni pieno d´amore per le donne senza le quali il mondo sarebbe molto più triste,poi o anche altri interessi , musica di tutti i tipi
soprattutto quella classica e tutte le forme d´arte perciò com´è si spiega il mio immenso amore per le donne senza la loro bellezza anche l´arte perderebbe una delle fonti maggiore d´ispirazione quindi per me che amo l´arte come potrei non amare la creatura più bella!.
Tu mi dirai che scontato per un ragazzo della mia età questo amore cosi appassionato è hai ragione ma purtroppo la vita non è un film sempre con lieto fine ci sono persone che L´amore viene negato e il battito del cuore viene solo per la paura del presente e del futuro.io sono uno di questi spero che il sapere che ho una disabilita non cancelli le cose Positive di me il consiglio che voglio è il seguente, ci sono tante Chat che parlano d´amore ma io non oso, visto la mia disabilità, di essere deriso. secondo te io ho diritto a pieno titolo di giocare le mie poche carte oppure dovrei rassegnarmi senza farmi illusioni .ASPETTO LA TUA RISPOSTA
Ma che domanda mi fai?!? Certo che tu come chiunque altro hai pieno diritto nel "giocarti le tue carte". mi meraviglia molto questa tua domanda...piuttosto tu... cosa pensi?
Baci Eleonora
Ps.: il tuo unico rischio è che avendo troppo idealizzato le donne (guarda che siamo miliardi e tutte diverse e ci sono anche tante stronze che non credo meritino tutta questa adulazione) potresti restare deluso. Guarda una donna, la tua donna quella che ti darà ciò che meriti.

Ciao allora non so da dove partire, cmq provero' a spiegarti il mio problema io sono una ragazza di 19 anni di verona per circa 9 mesi ho vissuto una storia a distanza stupenda con il mio ragazzo,senza problemi e senza litigi.
Poi un giorno abbiamo litigato perchè diceva che non passavamo molto tempo da soli,ma sempre con amici o in famiglia.
La sera lui è ripartito e non ci siamo chiariti,io siccome sono molto sensibile,riuscivo solo a piangere non riuscivo a parlare,e lui anke parlava poco,non si spiegava.Io dopo quel litigio quel pomeriggio lo avevo inteso come la fine della storia,mentre per lui no,era solo un litigio.
Il giorno dopo x telefono abbiamo fatto pace,ma non è stata la stessa cosa,circa un mese piu' tardi ci siamo lasciati perchè il rapporto non era piu' come prima.
Io all'inizio pensavo che fosse la cosa migliore,perchè la lontananza è dura,poi iniziava a pensare a lui,perchè era sempre lui che veniva da me,i primi mesi ogni 15 giorni,e poi negli ultimi 3-4mesi veniva tutte le settimane da vene sera a dome sera perchè alloggiava a casa mia.
Per un po' non vedevo futuro in noi in quanto 300km di distanza sono tanti,poi facendo un lavoro (il militare) che non ti da' qualifiche,pensavo che non si sarebbe avvicinato mai.
I giorni seguenti ci sentivamo,ma non erano belle parole era tutto un rinfacciare il passato.
Dopo circa una settimana che ci eravamo lasciati mi dice che andrà a trovare un amica,del suo paese,ci va 3 giorni....e insomma ci va a letto sia quella settimana che quella successiva solo x il fatto materiale di fare sesso senza amore.
La cosa sorprendente è che lui mi racconta tutto con grande scioltezza dicendo che ha fatto una cavolate ma avevano entrambi una grande voglia di farlo.
Nei giorni seguenti lui si dimostra molto dolce,dice che non riesce a dimenticarmi,che ha una gran voglia di vedermi,e allora decidiamo di passare insieme l'ultimo dell'anno.
Io non sapevo come comportarmi,pensavo che doveva dimostrarmi qualcosa,non è bello che dopo una settimana che era finita lui sia andato con un'altra,e poi c'erano sempre i problemi della distanza,poi siccome mi aveva detto che avrebbe fatto un concorso per avvicinarsi(non per me),ma perchè aveva questa occasione,avevo deciso di aspettare e vedere in seguito se avesse vinto il concorso,un possibile seguito alla nostra storia.
Ma poi,quando l'ho rivisto,mi ha fatto un grande effetto,erano 2 mesi che non lo vedevo avevo sempre dei dubbi pero' poi nei giorni seguenti pensandoci capivo che mi mancava da morire.....ma ormai era lui che non voleva piu' rimettersi in quanto era rimasto deluso dalla serata perchè io ero stata un po' fredda.
Circa un mese dopo ci rimettiamo insieme,lui viene da me,pero' è stato un po' forzato,nel senso ero io che gli avevo chiesto di vedersi,gli prendevo la mano..ecc...e lui si lasciava andare.
La prima settimana va tutto bene,mi riempie di attenzioni..poi inizia a sgarrare,per motivi di lavoro nel senso per esser piu' vicino a dove doveva andare il lunedi seguente,si ferma a dormire il sabato e la domenica da quella ragazza con cui era andato dopo poco che ci eravamo lasciati,tranquillamente mi racconta tutto,dice che non è successo niente,e il lunedi lei lo accompagna anke dove doveva andare,prendono il treno insieme e passano tutta la giornata insieme.Che bellezza!Considerando poi che lei è cotta di lui,e mi ha detto che è una furba,che si prende quello che vuole.Io stavo malissimo.Perchè lui continuava a passare per vittima,che era una cosa normale se andava da un amica,che ero io che esageravo,lui ne parlava normalmente mi ha fatto vedere anke una sua foto.
Passano altre 4 settimane e decidiamo di chiudere,in maniera strana,in quanto io decido di non farmi piu' sentire in quanto mi è arrivato un sms con scritto"..dopo che dai l'esame scendi?"..e non era di certo diretto a me ma a lei.Tengo il cellulare spento x uan settimana,e poi lui mi dice che vista la mia indifferenza si puo' considerare chiuso il nostro rapporto.
Io continuo a non rispondergli e lui dopo una settimana mi dice che almeno proviamo ad essere amici,dopo qualche giorno cedo e gli rispondo.
Il nostro rapporto migliora,diventa tranquillo,ci sentiamo tutti i giorni con sms, e mail,mi ha detto che ora che è tutto tranquillo ha una gran voglia di rivedermi.........
Ma che ora non puo' pensare alle ragazze,ma a i suoi problemi di lavoro,a giugno perde il posto di lavoro,e tornerà dai suoi genitori e quindi i km non saranno piu' 300 ma circa 800.....e quindi lui dice che sarebbe impossibile continuare...se si avvicinasse non esclude la possibilità rimettersi con me....
Allora a me mi sorgono un po' di dubbi........lui ha fatto tantissimi sacrifici per me,ma ora cos'è questione di convenienza?se vicini si e lontani no............
Io lo amo tantissimo,gli voglio un bene dell'anima, ormai è finita da circa 1 mese e mezzo e pero' anche questo fatto di sentirsi tutti i giorni fa male,io mi sto accorgendo che mi sto reilludendo di nuovo,inizio di uovo a fare progetti insieme..........
Non riesco a decifrare i suoi atteggiamenti,non capisco se sono io che mi illudo,se lui non pensa piu' a me,se ha un'altra,se mi dice le cose apposta solo per farmi ingelosire,non so piu' come comportarmi,questo ruolo di semplice amica mi sta stretto.Che fare?Come fare a capire quello che lui sente?In base a quello che ti ho raccontato cosa riesci a dedurre di lui?
Grazie mille per l'eventuale risposta
Che confusione!!!
Cara mia riesco a dedurre che tu ti fai troppi pensieri e quando avresti dovuto ascoltare il tuo cuore hai preferito dar retta al tuo cervello e adesso ti trovi nei casini mica per niente. Capisco la gelosia per quell'altra, magari non avresti dovuto arrivare a saperne di più. Spesso noi cerchiamo di farci dire tutto, convinte magari di essere forti e intelligenti da poter comprendere e poi...(visto che gli uomini non sempre si fanno il problema di raccontarci anche dei particolari così delicati e privati), ci ritroviamo nella merda. Io non so se voi siete fatti per stare insieme ma comunque tu devi lavorare più su te stessa che sulla eventuale storia tra te e lui. Rilassati e dedicati a qualcosa che possa farti ritrovare intanto un pò di sana serenità.
Baci Nora

Cara Eleonora,
mi piacciono le tue risposte.Chissà se ne hai una anche per me!
Ho 31 anni e ancora mi devo riprendere da un pasticcio colossale che ho combinato a partire diciamo da 7/8 anni ad oggi. In poche parole cercherò di sintetizzare la mia storia.Diciamo che sotto l'effetto micidiale di una depressione folle (non è una scusa ma la verità) ho continuato a stare con quello che allora era il mio ragazzo e ho cominciato in contemporanea una storia con il mio migliore amico (del quale,in verità,sono stata sempre follemente innamorata) il quale ha pazientemente aspettato 5,dico 5, anni che io mi decidessi a stare con lui.Alla fine gli ho detto che avevo lasciato il mio ragazzo ma non era vero.L'uno ha scoperto dell'altro. Ma il mio(allora)migliore amico ha voluto continuare a vedermi lo stesso,sicuro che finalmente avremmo potuto avere una storia normale.Ma io,uscita finalmente da una situazione di doppia vita e menzogne,ho pensato bene di dirgli che non me la sentivo (pur amandolo tanto davvero) di stare con lui perchè era giunto il momento di far chiarezza in me e di curare per bene la mia depressione.Di lui mi hanno sempre fatto quasi paura aspetti del carattere come un'ira furibonda qualora non la pensassi come lui su certe cose e l'ossessiva ricerca del suo consenso (anche se gli mostravo il contrario).Così mi son detta: lo amerò pure...ma voglio amarlo da essere libero e pensante senza subire il suo carattere. Così ho cominciato "una nuova vita" da sola.Dopo poco tempo però una mia amica mi ha fatto notare che forse la via giusta,dopo tanto "penare" fra due uomini, potesse essere quel collega che tanto mi piaceva.E io:ma che sei matta?E invece....mi ci sono messa insieme. Quando l'ho detto all'altro c'è rimasto male.Per qualche mese....prendi e lascia con l'uno e con l'altro senza malizia ma con l'intento sincero di capire.Solo ora,non più depressa in senso clinico (ho intrapreso una seria terapia e una cura)vedo quel periodo come una girandola di follie che mi hanno fatto perdere l'unica persona che abbia mai amato veramente (da quando avevo 16 anni!!!!!!). Eh sì, perchè a un certo punto si è giustamente disamorato di me e mi ha mandata a quel paese (ironia della sorte..proprio quando sono andata a casa sua per dirgli che volevo solo e per sempre lui).Ed ora mi ritrovo a stare con un ragazzo meraviglioso (di quelli sempre dolcemente presenti,affidabili, buoni con tutti) che mi è stato vicino anche quando sproloquiavo di volere l'altro, e a pensare, in alcuni momenti terribili,all'altro,con una feroce voglia di rivederlo e dirgli quanto l'abbia sempre amato.Cavoli: proprio non riesco a perdonarmi di aver perso la persona con cui avrei voluto sempre stare.Non ho il coraggio di richiamarlo,sia perchè ormai non lo sento da un anno e sette mesi e potrebbe avere un'altra,sia perchè in un certo senso mi sento ossessionata da lui e la cosa mi fa paura. Eravamo inseparabili,poi lui ha giustamente perso stima di me per tutto quello che gli ho combinato.Ed io non ce la faccio a perdonarmi.Due giorni fa l'ho rivisto a un semaforo e mi ha preso un colpo come avessi 15 anni.
Che fare per dimenticarlo visto che non sono bastati tre anni col mio attuale ragazzo e un anno e mezzo lontana da lui?
Grazie. S.
Inanzitutto a mio giudizio la cosa più scorretta che tu abbia fatto e che stai continuando a fare è rimanere in coppia con questo tuo fidanzato attuale che proprio non so perchè non ti manda anche lui a.... Scusa ma l'amore va rispettato e tu non puoi "morire" d'amore per qualcuno (tra l'altro in maniera così esplicita) e tenere legato a te un bravo ragazzo che ti ama e che tu mai amerai. Ti senti buona con lui perchè sincera? Perchè lui sa? Credi comunque che sia una scelta soltanto sua starti accanto? E no cara! Se vuoi chiarezza nella tua vita, sta a te non comportarti in modo poco chiaro. Se vuoi amore da qualcuno devi cominciare ad amare veramente.
ciao Nora

Carissima Eleonora
Da tre mesi sto con un ragazzo. Lui mi vuole bene dice di star molto bene insieme a me ma che non sa se mi ama. Io non riesco capire dimmi ci si può volere bene senza amare ? Lui dice che la cosa più importante è stare bene insieme anche se lui non mi ama.
Magari lui è pazzo di te ma crede sia meglio non dirselo. E forse non ha tutti i torti, spesso è meglio lasciar parlare i fatti. Se lui sta lì accanto a te è comunque perchè gli piaci e lo interessi. Non può bastare?
Baci Nora

ciao, sono una ragazza di 18 anni. A 14 anni mi sono messa con un ragazzo,molto carino e dolce. dopo 2 anni è cambiato..non si presentava agli appuntamenti e preferiva restare con gli amici. alla fine ci siamo lasciati e lui dopo pochi giorni si è messo con un'altra..era molto confuso e mi cercava in continuazione dicendomi che mi voleva ancora. Alla fine mi sono stufata
dei suoi pianti forse da "coccodrillo" e mi sono decisa di dire stop definitivamente.
Sono passati 2 anni da quando ci siamo lasciati e ora neppure ci salutiamo.
Mi sta cercando un ragazzo, ci siamo messi assieme ma non è come a quando ero con il mio ex. Con questo ragazzo ci sto bene ma non credo di aver dimenticato il mio ex anche perchè mi guarda sempre e alle feste continua a farmi degli sguardi..cosa devo fare?? devo mollare questo ragazzo? e con quale scusa??
che mi piace il ancora il mio ex che neppure mi parla??(sicuramente non tornerò mai con lui) poi gli ho gia'giurato che non mi piaceva più...spero di avere un buon consiglio da te anche perchè non so propio cosa fare.spero
di ricevere presto una tua risposta...grazie L.
Molla l'altro e riavvicina il tuo ex...perchè se quegli sguardi fossero amore... Non ragionarci troppo, l'amore è e deve restare un sentimento libero. Baci Nora



PER PUBBLICARE LA TUA MANDAMI UN EMAIL!
info@amoreamore.it

torna in testa alla pagina