la posta di amoreamore.it a cura di Eleonora
I consigli di Eleonora hanno risolto i vostri problemi? Fatecelo sapere!!!

pag.19


Novembre 16, 2003
Eleonora sono sempre la quindicenne purtroppo la nostra storia è continuata ma oggi 16/11/2003 il destino ha voluto che finisse perchè stamane l'ho incontrato con un altra ragazza io in questo istante non faccio altro che piangere e soffrire un ragazzo bastardo il quale purtroppo mi ha solamente usato ma nello stesso tempo si fa ancora crdere ma non è riuscito a capire che non mi faccio più prendere per i "Fondelli". Cara Eleonora ti ringrazio per la risposta precedentemente ma quest'oggi ti voglio chiedere in che modo posso dimenticarlo credimi soffro tantissimo la mia vita è diventata uno schifo studio lavoro e alb. e mio zio che mi oppressa nella sua gelosia ma nello stessto tempo io voglio vivere la mia
età, ma il mio pensiero batte sempre su di lui perchè per me sarà difficile poterlo dimenticare perchè insieme abbiamo condiviso momenti bruttissimi ma nello stesso tempo bellissimi e poi sai Ele. non lo riesco a capire perchè mi kiama mi chiede come stò e geloso quando io esco ma nello stesso tempo
sono riuscita ad avere il numero di quella ragazza la quale ha mentito tutto e poi sai stamane lei mi guardava con uno sguardo strano e io lo guardata facendogli capire quando odio provavo per lei. sai poi lui nonostante lavora con me ha fatto da finta che non mi conoscesse e neanche mi ha salutato anzi lo visto con uno sguardo di paura.
Carissima grazie di esitere scusami di tutte queste chiacchiere ma sei l'unica la quale mi stà aiutanto Bacioni

Approfitto di questo spazio per dire:
Sento l'esigenza di chiedere proprio a voi che state soffrendo per amore in questo momento di fare uno sforzo in più, anche da soli, e ragionare sulle molteplici e differenti sofferenze che l'essere umano può subire in una vita.
E chiedo soprattutto ai più giovani, che hanno senza dubbio più vita da trascorrere ancora, di essere forti, maturi e coraggiosi di riflettere su ciò che gli sta accadendo realmente.
Tra poco è Natale ed io proprio non ho voglia di festeggiarlo perché, nonostante abbia in questo momento una vita serena e dei rapporti piacevoli e gratificanti, avverto da parte di tanti una certa insensibilità verso chi non ha la stessa fortuna. E le persone sfortunate di cui parlo non erano più fortunate di me neanche quando ho avuto la sensazione di essere nella merda.
L'amore di coppia ti da una spinta emotiva grande e questo tipo di amore è assoluto per me come valore da ricercare. Ma l'amore per il resto del mondo, che soffre di altri mali, in questo momento è per me prioritario.
Tu sei molto giovane e puoi (e forse devi) dare valore al sentimento universale dell'amore. La tua storia adesso non va e magari è finita per sempre ma intanto sei viva e non rischi di morire, poiché sono certa che di mal d'amore non si muore. E se sei viva puoi ricevere e dare amore altre mille volte.
Si soffre da morire per la perdita di un figlio, per la fame, restando là dove ci sono i bombardamenti; per la violenza fisica: lo stupro, la pedofilia e assurdamente anche in questi casi c'é chi ha la forza di ritrovare l'amore.
Si muore perché ti uccidono gli altri e perché ci si uccide, schiacciati da una fredda indifferenza che sta distruggendo il nostro mondo e allora sì che non si ha più la possibilità ne di amare e ne di essere amato.
Scusatemi tutti, per questa mia riflessione, ma io sono sono stanca di sentire che sempre più spesso ci si sente inutili, tristi e impossibilitati a vivere soltanto perché una storia di coppia (quindi un sentimento d'amore che coinvolge soltanto due persone!) non funziona. E gli altri?
Amare qualcuno in particolare non significa poi doversene fregare di tutti gli altri.
Mentre io amo mio marito non dimentico di amare mia figlia e di amare i miei amici e di amare le persone che popolano con me questo assurdo e confuso mondo.
Io scelgo adesso di dedicare il mio amore a tutti coloro che ne hanno un reale bisogno e questa volta tendo una mano a voi chiedendovi di essere con me, meno incentrati su noi stessi e di aprirci al resto del mondo, occupandoci del dolore che non passa, del dolore che spesso uccide.
Ve lo chiedo perchè c'è proprio bisogno che voi amiate ancora e anche di più e non solo il ragazzo che vi ha lasciato ma anche le persone che non conoscete personalmente ma che sapete che esistono e che come voi vorrebbero poter pensare soltanto ad essere amati.
Non limitate il nostro essere amorevoli. Non dimenticate che non siamo mai soli al mondo. Evitate la sofferenza dando gioia ad altri.
baci e grazie Nora
PS.: Sempre più spesso mi capita di rispondere in ritardo alle lettere che mi inviate (e me ne scuso) ma addirittura ricevo lettere di persone incazzatissime proprio per questo motivo.
Bene, io vorrei che queste persone capiscano che inanzitutto non c'è obbligo da parte mia a dover rispondere a tutti in tempo reale ma soprattutto mi farebbe piacere che tali persone si rendessero conto, che se hanno un atteggiamento così aggressivo e negativo verso una persona che non hanno mai visto neanche in faccia (in questo caso io) forse non sono poi proprio pronti a ricevere un amore romantico e dolce a cui tutti gli altri miei lettori invece aspirano. Amate prima di pretendere di essere amati.


November 09, 2003
Ciao,
questo quesito mi sta tormentando da mesi e te ne voglio fare partecipe: secondo te è giusto tradire una persona e non dirglielo? Mi sembra da alcune risposte che hai dato che la tua risposta è si.
Io ho tradito per un anno il mio ragazzo, lontano, ma a cui ero profondamente legata, con storie che non avevano lo scopo di sostituirlo, ma che per me sono state importanti dal punto di vista fisico.
Dopo queste storie non mi sono mai sentita in colpa, ma mi sentivo arricchita
nell'esperienza.
Il fatto è che lui è ASSOLUTAMENTE MONOGAMICO.
Una volta ricongiuntami con lui ho pensato glielo dico o no? A parte che io tendo per natura a essere sincera, pensando che prima o poi paghi sempre, mio fratello mi ha fatto riflettere sul fatto che il non dirglielo equivaleva a totale egoismo e mancanza di rispetto nei suoi confronti, e non avremmo potuto avere un rapporto di qualità. Così una sera d?impulso gliel?ho detto, confessando non tutto, ma un tradimento simbolico di una notte..
A lui gli è caduto il mondo addosso e mi ha lasciato. Ormai sono 4 mesi.
In quell?anno lui non mi ha mai tradito e mai se lo sarebbe aspettato da
me. Una storia d?amore di 6 anni finita così per questo. A me sembra assurdo.
Non so più se quel che è successo è un bene o un male?
E? come dici tu, che non importa parlare di quello che è successo nel passato quando si era lontani e conta solo il presente?
Oppure non è che la verità dà un senso alle cose, crea rottura che fa crescere, con il conflitto che crea fa costringere a riflettere e cambiare in meglio?
A me ora lui manca molto (e non per le cose abitudinarie a cui mi ero già
disabituata, ma per il contatto con la sua persona), ma non so come mi sentirei
al suo fianco, sapendo di convivere con una persona con'idea di me completamente
mistificata. Che mi rispondi?


Capisco il tuo "fastidio" per certi atteggiamenti che non condividi ma cosa ci vuoi fare? Anche a me da noia, ad esempio, che molte persone scelgano di vivere nella paura restando chiusi e insensibili piuttosto che agire per vedere se la vita gli si migliora e di conseguenza migliorandola ad altri (ovvio che mi riferisco a qualcosa di più generico che riguarda il modo di intendere la vita).
Comunque, tornando alla tua storia, se lui ama in modo monogamico tu non puoi giudicarlo. Lui ha fatto la sua scelta e tu devi soltanto rispettarla e subirla. Se ti interesserà un giorno riavvicinarlo probabilmente sarebbe corretto che tu lo facessi soltanto se realmente arriverai a condividere il suo modo di pensare.
Ma se tu tieni di più al tuo modo di pensare non credo tu debba ripiegare; tu devi restare te stessa e poi... magari lui non è l'uomo che ti completa.
PS: Io (schifosamente monogama) non glielo avrei detto (a maggior ragione sapendo come lui la pensava) perchè le esperienze personali restano personali. Maturano in te e non nella coppia. E purtroppo (la nostra storia moderna ci insegna) non è facile mantenere la propria autonomia di pensiero vivendo una storia di coppia così come la nostra cultura ce lo ha insegnato. C'è una moltitudine di persone che insiste a vivere accanto ad una "proiezione" personale della persona amata. Tutto questo per me non ha senso.
Se io decido di stare con quella persona devo e voglio accettarne tutti i lati.
Io non amo pensare che il mio compagno mi è fedele per fare un piacere a me ma piuttosto perché in questo momento non ha voglia di disperdere le sue energie amorevoli e sessuali con altre donne. Ma se gli capitasse giuro che preferirei non saperlo perché sicuramente non reagirei bene e quello che voglio è continuare ad amarlo e ad essere liberamente amata da lui.
Baci Nora

Novembre 20, 2003
Ciao Nora, meno male che ci sono persone come tu: La mia storia é complicata, é durata poco ma é stata la piu importante: Ci siamo conosciuti in Internet, Io abito negli Stati Uniti, lui a B., ci siamo parlati per la prima volta a Luglio del 2002, ognuno aveva i suoi impegni, Io col mio ragazzo da 6 anni, lui con la sua ragazza da 13 anni. In Novembre 2002 parto per l' Italia, ci siamo visti la prima volta, abbiamo confermato tutto quanto ci siamo detti online, entrambi sappiamo che la cosa non é diventata un gioco, lui doveva laurearsi, la laurea era l' unica cosa che mancava per sposarsi, peró lui mi porta da sua zia, dove disse quanto ci amiamo, e che sebbene le cose sono difficili, eravamo certi di lottare per il nostro amore. Ritorno da Italia, all' aeroporto abbiamo pianto per separarci, lo stesso giorno che ritorno, compro il biglietto per ritornare, le cose a casa sua vanno male, per la situazione con la sua ragazza, i genitori non capiscono che sia innamorato di me, una ragazza di un altro mondo, divorziata e con un figlio divino, a Gennaio lui sparisce, a Marzo chiede matrimonio alla sua ragazza, io ritorno in Italia, lo vedo viene anche sua madre, un amore la signora, ci vediamo 2 volte, e piangendo ci salutiamo dicendomi con una voce che dalla emozione non riusciva ad uscire che mi ama, dopo il mio secondo viaggio ogni tanto ci sentiamo per mail, mi dice que non puo andare contro tutti, che non si la sente di fare uno scandalo, che deve sposarsi, mi chiama, piange come un bambino ma dice che non puo fare niente, finalmente si sposa, conserva un cellulare che ho solo Io, ogni tanto si fa sentire e mi chiede di telefonarlo, non mi dice piu che mi ama, peró mi dice que terrá sempre dentro quello che sente, sono confusa, sono stata male, sono stata fuori di me..... cosa devo fare? mi faccio viva? lo chiamo quando mi chiede? guarda che é sposato, sua madre ed Io siamo rimaste legate, lei piange, mi ascolta, non sta bene con sta storia peró mi capisce. Cosa devo fare? togliere per sempre?
Aiutami, un bacio

Lascia stare lui ma soprattutto lascia stare sua madre! Lui ha fatto la sua scelta. Il mondo è pieno di persone che hanno lasciato anche famiglie già costruite, matrimoni di vent'anni e situazioni difficili per viveri altri amori appena nati che non ha senso quello che lui ha fatto alla vostra storia. Se piange sono cavoli suoi! Chi glielo ha fatto fare di sposare una donna che non ama provando addirittura amore già per un'altra donna?
Se tu piangi mi dispiace moltissimo. Sei incappata in una storia che non ha ragione più di esistere visto che non potari vivertela per cui ti auguro di allontanartene al più presto. Butta quel numero di telefono e guardati intorno!


17 novembre 2003
Sono innamorato di una donna da tre mesi Si chiama A. ha 39 anni. Io sono molto brutto e abbiente.
Ho il sospetto che lei mi frequenti per i miei soldi anche perchè non la sento totalmente sincera.
Dipende!
A volte la sento come se mi amasse veramente, la sento vicina
altre volte la sento molto lontana............
cosa devo fare che mi consigli.......

Per sentire se è amore probabilmente devi, almeno tu, un attimo deconcentrarti dal tuo aspetto fisico e dalla tua ricchezza. Ascolta con il cuore se è amore, e poi decidi con la ragione se è il caso di lasciar perdere.
baci nora
PS Se è una ragazza che tiene molto al danaro degli altri, io la lascerei comunque, sarà sicuramente una che pensa più alle scarpe che ad amare un figlio.

November 07, 2003
Ciao mi kiamo L. ho 16 anni, vi ho scritto per avere un consiglio su un mio problema....
Mi sono preso una cotta per una ragazza ke non conosco, andiamo nella stessa scuola so solo ke si kiama D. e ha un anno meno di me....è la prima volta ke mi prende questa sbandata per una ragazza, ne ho avute di fidanzate ma non sono mai state storie "serie", almeno per quanto riguardava me....
non ho amici ke la conoscono e lei purtroppo dovrebbe essere fidanzata. quindi vi kiedo kosa devo fare, farmi passare questa cosa oppure tentare?
e se si come? non so come mi devo comportare e ho paura di fare una figura di m......
ANKE SE NON LA CONOSCO MI PIACE TROPPO!
Con i miei genitori non parlo mai di queste cose non lho mai fatto e poi non ci sono mai...e ai miei amici non parlo mai delle mie cose personali....
GRAZIE in anticipo per la vostra risposta e per aver letto questa e-mail CIAO L.


Ti assicuro che pochi parlano ai genitori di storie d'amore, proprio perché siamo figli di tabù. I miei ad esempio, non mi hanno mai parlato di loro e della loro storia d'amore perchè poi io da grande avrei dovuto parlargliene? Gli amici invece sono importanti ma capisco che tra maschi spesso ci si deride se qualcuno si confessa innamorato. Spero a tal proposito che mia figlia, un giorno, possa viversi i suoi amori quando anche tutti i maschi avranno capito che essere innamorati non è una debolezza ma una forza!
Tu invece adesso devi fare i conti con i suoi sguardi e le attenzioni che lei ti dedica. Se in qualche modo hai percepito di poterle piacere avvicinala pure, ma se così non è, non credo ti sia utile insistere più di tanto.
bacioni Nora


November 10, 2003
Innanzitutto ciao Eleonora! Mi chiamo J., ho 18 anni e sono di G.
Mesi fa ho conosciuto in chat un ragazzo di 20 anni di cui mi sono innamorata.
Ci sentivamo spessissimo con sms, squilli, telefonate lunghissime..anche dopo esserci visti la cosa è continuata...Poi con il fatto delle vacanze che ci hanno separato, poi io la scuola e lui il lavoro+il calcio, le nostre amicizie e i nostri impegni, i rapporti si sono un po' più raffreddati, nel senso che non ci sentivamo più come una volta. Mi dispiaceva moltissimo, ma non ci davo molto peso, perché so che è tipico dei ragazzi essere un po' + superficiali. Anche perché ci siamo visti una volta dopo quasi 2 mesi e...l'affetto era sempre lo stesso...insomma:lui nelle volte in cui ci siamo visti mi ha sempre dato dei segnali particolari...insomma, cercava un contatto fisico con me (tipo mi ha abbracciata forte e mi ha schioccato un bacio sula guancia)..Sapevo che lui non era innamorato, ma pensavo che non gli sarebbe dispiaciuto stare con me, anzi, volevo affrettarmi, prima che qualcun'altra arrivasse prima di me.
Così domenica scorsa gli ho detto tutto, ma lui ha rifiutato!!!!!!! Mi ha detto in pratica che non è scattata quella molla da parte sua, che non vuole neanche provarci perché sa x esperienza che se si sta con qualcuno "controvoglia" poi la storia dura poco, e poi perché mi ha detto che proprio in quei giorni ha conosciuto una ragazza di cui si è follemente innamorato (ma mi sa di coincidenza). Ha osato dirmi che i suoi comportamenti sono la base x un'amicizia (le mie amiche e mia madre hanno strabuzzato gli occhi quando gliel'ho raccontato...quindi nn sono la sola a pensarla così...)->[ma 'ndo stai?!?!].....ieri mi ha fatto uno squillo.
Ok, ammettiamo che i gesti potessero essere affettuosi, ma...2 cose mi fanno dubitare:
-la volta prima gli ho chiesto di farmi una dedica. Quando ha letto la dedica del mio ex che è ancora innamorato di me mi ha chiesto x ben 2 volte a quando risalisse la nostra storia...poi mi fa "no, ma nn ti devi giustificare....tu puoi fare quello che vuoi e anch'io". E assicuro che il tono nn era di mera curiosità (anche perché con me nn lo è mai stato).
-Quando gli ho detto "nn mi dire che nn c'era un minimo di interesse perché nn me lo credo!" lui ha fatto il vago...
Sono disperata......non so che fare...se sentirlo, mandargli un'email
Grazie Baciotti

Scusa, ma se lui ti ha parlato così chiaro perchè non devi credergli?
Noi donne dobbiamo smetterla con questa storia che gli uomini hanno paura di legarsi per cui scappano comunque. Non è così, in questo momento miliardi di maschi stanno vivendo una storia d'amore con una donna.
Finalmente tu hai trovato un ragazzo sincero e schietto. Rispettalo e non insistere. Se avesse voluto stare con te l'avrebbe fatto stanne certa.
Baci Nora


December 02, 2003
non lo capisco, non riesco a inquadrare ancora la persona che frequento da un po'..
inpenetrabile...indipendente...sfuggente...ambiguo...nel suo mondo....e guai a chi entra...non capisco cosa provi per me...e ha un atteggiamento immaturo quando stiamo insieme...e quando c'è della gente mi è capitato addirittura di sentirmi in imbarazzo dal suo modo di fare..sempre al centro dell'attenzione...hai presente un giullare..un grullo...ecco..lui deve sempre essere al centro di tutto e di tutti e guai ...se non lo si considera diventa addirittura pesante ( a parole) ....potrebbe essere definito un pazzo ...a volte....poi , seguendo alcuni consigli che tu dai nelle tue lettere, ho provato a sentire cio' che provo quando sto con lui....ho provato a sentire ciò che prova quando sta con me....
certi suoi sguardi ,certi suoi sorrisi mi fanno pensare vagamente a una infatuazione ....+ che all'amore.......e poi la prova bacio....per quanto a me piaccia baciare..mi sono accorta , e gliel'ho anche detto , che lui non mi bacia........mi da bacini così sulle labbra......la lingua cos'è??? non si deve usare per baciarsi..almeno quando due persone sono innamorate....??? io di solito la uso...
questo è un punto che mi ha fatto pensare parecchio............senza bacio che amore è?
oltretutto il fatto che lui pensi che io sia presa di lui..che sia convinto che quella + presa tra i due sia io...mi da ai nervi...
insomma...da parte sua secondo me non ce n'è...e quindi questo suo comportamento distante smorza anche il mio...secondo te dovre chiudere ...o fare qualcosa anche per vedere fino a che punto gli interesso?

Non devi per forza fare qualcosa di faticoso per accorgerti se stai vivendo una storia d'amore.
Avrai certamente letto di quanto io creda nel colpo di fulmine, bene io credo poco nella costruzione di una coppia a tavolino. Niente lingua? Niente attenzioni particolari? Molto probabilmente non è amore!
Lascia stare e viviti tranquillamente questa amicizia.
baci nora


November 18, 2003 10:26 AM
Bastardo bastardo bastardo...
ma certi uomini chi si credono di essere per trattare male (a parole s'intende) una donna??
io che lo cerco e lui si fa trovare una volta su cinque..telefono spento quando dice che deve andare dai parenti e invece ambiguo e sfuggente da morire...E POI RISPONDE MALE E CON ARROGANZA...trova tutte le scuse di sto mondo anche quando un fatto è palese...quando si capisce che sta dicendo una cazzata...alla fine la colpa è tua....
a questo punto mi viene da pensare che la cogliona sono io che sono ancora li..che + volte sono tornata da lui nonostante la sua arroganza e maleducazione nei miei confronti e che quindi per lui sia troppo comodo pensare che ogni volta lui mi tratta male e poi sono li a sua disposizione..
adesso mi sono stufata....vorrei che lui capisse , ma quando è così arrogante non gli si parla nemmeno...come faccio a dargli una "lezione"? lui deve capire che la gente non è ai suoi piedi e disposta a farsi trattare male da lui!.

E tu perchè insisti? Ne vale tanto la pena farsi trattare così? Magari lui non sa come dirtelo e tu sei diventata soltanto un problema per lui che anziche bastardo è soltanto un pò stupidino a non trovare il coraggio di dirti che non vuole stare con te.
Invece di far aprire gli occhi a lui prova ad aprirli tu e scegli il meglio per te stessa... vai libera verso un altro amore.
baci NORA


December 07, 2003
Ciao Eleonora, sn un ragazzo disperato e vorrei tanto un consiglio...
allora,sn stato fidanzato con una ragazza per circa due mesi e mezzo,ma proprio l'altro ieri abbiamo avuto una discursione.siccome quando stavamo insieme,lei per ottenere una mia reazione e capire se le volevo bene veramente, mi nominava sempre il suo ex. ma io sapendo che scherzava nn mi sn mai arrabbiato con lei. ma nn solo questo, anche quando stavamo inieme con le sue amiche, lei mi trattava male, pero sempre per vedere una mia reazione. L'altro ieri insomma, parlando gli ho detto dei suoi atteggiamenti che a me nn piacevano molto e lei si arrabbio un po,perchè voleva esserlo detta prima,cioe appena iniziata la storia.pero io pensando, ho detto" prima o poi se lo capirà e nn mi tratterà piu cosi",lei infondo se l'aveva capito pero voleva esserlo detto da me.poi gli dissi anche che insieme a lei nn ci sn stati momenti belli, ma in realta nn è cosi...di momenti belli ce ne sono stati.pero lei ora nn mi crede,e infatti ieri sera ci siamo lasciati forse momentaneamnte,almeno spero,dicendomi che voleva pensare un po e capire se mi vuole veramente.ora io nn so cosa fare,cio una confusione mostruosa in testa.dimmi,mi dovro far sentire io,o aspetto ke lei venga da me in modo da darmi una risposta definitiva?grazie tante a presto ciao...

Se è vera la storia che lei ti stuzzicava, anche in malo modo, per vedere le tue reazioni scusami il giudizio e la schiettezza ma mi viene da pensare che lei sia un pò stupidina oppure che non ti soffre più di tanto. Viversi una storia d'amore fa piacere perchè ci scambia i baci, le carezze, e si condividono bellissimi momenti. Quando tutto ciò non è prioritario ed è oscurato da fastidiosi atteggiamenti di ricatto e di insensibilità non credo ne valga la pena.
Avete mai provato a coccolarvi senza parlare se non per dirvi parole d'amore?
Se vuoi riavvicinarti a lei fallo in un modo diverso. Parlale d'amore, baciala da farle venire i brividi: se lei ci sta allora ricostruite tutto insieme non guardando mai al passato.
Ma se lei non ci sta allora vai altrove e cerca questa volta di viverti un amore più gioioso e ricco di momenti speciali.
Ciao Nora


December 01, 2003
Ciao Eleonora,
ho scoperto da poco questo sito e devo dire che mi piace tantissimo, poi la tua rubrica è stupenda. Mi trovo in un momento un pò difficile, circa un anno e mezzo fà in una chat conobbi un ragazzo e da subito nacque una bella amicizia. C'era molta intesa tra di noi, molta complicità a parte la lontananza che ci divideva, io calabrese lui sardo. Decidemmo di incontrarci, fù il giorno più bello della mia vita, lui era bellissimo, sono rimasta abbagliata dalla sua bellezza e dai suoi dolcissimi occhi azzurri. Passammo due giorni insieme, nei quali ci son stati dei baci e delle tenere carezze poi lui è ripartito ma abbiamo continuato a sentirci, dopo quattro mesi ci siam rivisti e lui mi ha chiesto di diventare la sua ragazza, è venuto a casa mia, ha conosciuto i miei, era tutto così bello, sembrava tutto così perfetto anche fin troppo x essere vero. Andai anche io da lui, i suoi genitori mi accolsero molto bene, come una figlia. Stavo vivendo il periodo più bello della mia vita, avevo un ragazzo che amavo tantissimo e che credevo mi amasse. Passammo la scorsa estate insieme, bellissimo! io da lui poi lui da me e fino ad un mese fà ero ancora da lui, sembrava andare tutto bene poi son rientrata a casa ed è iniziata la crisi, lui non mi cercava più come prima, era diventato freddo, non mi chiamava, sentivo che qualcosa stava cambiato da parte sua, ma speravo fosse solo una mia impressione, speravo di sbagliarmi ho cercato spiegazioni e lui trovava scuse, poi un bel giorno mi chiama e mi dice che non possiamo più stare insieme, che x me non prova gli stessi sentimenti che provo io per lui e che forse non li ha mai provati. Mi ha detto che stare tutti i giorni con me gli ha fatto capire che non sono la ragazza che lui cerca, non gli piace il mio carattere. Mi è caduto il mondo addosso, ho visto tutti i miei sogni crollare e adesso sto a pezzi perchè mi manca tantissimo e la mia vita senza di lui non ha più senso. Sono una ragazza un pò timida e chiusa caratterialmente, quando stavo insieme a lui non prendevo mai l'iniziativa di un bacio, cioè era sempre lui a cercare un contatto con me ma quando lui lo faceva io riuscivo a lasciarmi andare, a lui questa cosa non andava bene, non gli andava bene il mio modo di essere ed è anche per questo che mi ha lasciata. Io credo comunque che quando ami una persona accetti sia i pregi che i suoi difetti e lui evidentemente non mi amava abbastanza, xchè se mi amava davvero avrebbe cercato di capirmi e mi avrebbe accettata così come sono. Tu cosa ne pensi? è colpa mia, è colpa della mia timidezza se è finito tutto? è passata una settimana da quando mi ha lasciata ma la ferita fa tanto male, fra un pò avremmo fatto anche un anno che stavamo insieme. Forse è stata anche la lontananza a portarmelo via, lui cmq mi ha detto che se fossi stata del suo paese questa storia non sarebbe mai iniziata. Trova infatti strano che una storia inizi tramite chat, però poteva pensarci prima non credi? sono una ragazza dolce, è vero sono timida ma all'inizio diceva che questo lato del mio carattere gli piaceva ora ma ora non gli piace più, è finito tutto e non prova più nulla nei miei confronti. Forse sbaglio ma spero che lui torni da me, che ci ripensi, che cambi idea e che questa sia solo una crisi passeggiera. Ho bisogno di lui e continuerò ad aspettarlo. Ci son state altre crisi ma le abbiamo sempre superate e lui è sempre tornato da me, stavolta sembra diverso però continuerò a sperare che tutto si risolva anche se i miei non sarebbero più d'accordo. Non l'ho più cercato da quando mi ha lasciata, secondo te avrei dovuto farlo? tutti mi dicono di no, in fondo lui è stato chiaro con me, non mi ama..mi ha mandato un messaggio cinque giorni fa chiedendomi come sto poi non s'è più fatto sentire. Mi manca tantissimo e sto male e so che non potrò dimenticarlo, adesso il mio unico pensiero fisso rimane lui e non riesco a concentrarmi su altro..scusa x il mio lunghissimo sfogo ma ho bisogno di qualcuno che mi consigli e spero mi risponderai. Un bacio..ciao.
M.

Sii forte e cerca soltanto di non viverti tutto questo dolore. Distraiti facendo dell'altro. Non è facile. Avrai voglia di sofgarti ancora per tanto e spero che tu abbia dei buoni amici che capiscano questo. Magari chiedigli di ascoltarti anche se sai che la tua storia è probabilmente finita. Anche io ti dico di no al fatto se cercarlo ancora. Lui è stato chiaro.
Ma mi raccomando non dimenticare che ciò che hai vissuto insieme a lui, è stato bello. Ti potrà sembrare strano ma aiuta molto di più sapere che hai vissuto anche dei bellissimi momenti insieme alla persona per la quale adesso stai soffrendo piuttosto che rinnegare tutto e far finta che è stato tutta una sofferenza. L'amore come viene così può andare, non è colpa di nessuno e non esiste per forza una ragione per cui debba finire. Ma quello che è stato proma che finisse ha scoperto in te la tua grande capacità di amare che devi continuare a conservare e coltivare, perchè fa parte di te e della tua vita
baci nora




PER PUBBLICARE LA TUA MANDAMI UN EMAIL!
info@amoreamore.it

torna in testa alla pagina