la posta di amoreamore.it a cura di Eleonora
I consigli di Eleonora hanno risolto i vostri problemi? Fatecelo sapere!!!

 

pag.27



AVVISO! Amoreamore.it lancerà a breve una nuova rubrica di consigli pratici per chi ha bisogno di darsi una smossa! Bisogna concretizzare!!! Basta parlarne, qui ci vogliono i fatti!
Da adesso risponderò soltanto alle lettere che pongono "problemi" ai quali potrò rispondere diversamente da come ho fatto fin'ora!
Per cui leggete prima le altre risposte che ho dato già ad altri nella rubrica e se proprio non ci trovate una risposta per voi, scrivetemi!

CIAO ELE,
mi chiamo F:, sono stata assieme ad un ragazzo per sei mesi, poi l'ho lasciato e adesso è da circa due mesi che siamo di nuovo assieme. Io ho 15 anni e lui 20, ci vogliamo un bene infinito e specialmente lui mi dice spesso che mi ama. Fin qua tutto ok! ho due problemi:
il 1° è che sono di una gelosia incredibile a tal punto di starci male e arrabbiarmi se saluta una ragazza, ho paura che mi tradisca anche se lui mi ha detto che non lo farebbe mai perché mi vuole troppo bene. Questa paura sta diventando quasi un ossessione.
2° quando saluta una ragazza carina, oppure a questa bella ragazza piace il mio tipo mi sento schifosamente brutta in confronto a lei, sono gelosissima e avrei bisogno di un consiglio, non dico per nn esserlo più, ma un po?
di meno.
Di questo secondo problema ne ho parlato con lui e infatti mi dice che sono la cosa più bella che ha! dovrei essere contenta eppure non riesco a credergli fino in fondo. Spero che rispondi al più presto? ho bisogno di un consiglio
grazie e un bacio
Vatti a leggere tra le risposte che ho già dato sulla gelosia se riesci a trovare un consiglio!
PS.: comunque il tuo problema praticamente è uno: l'insicurezza. Attenta perche rischi di rovinar tutto!


Ciao Eleonora, sono una ragazza di 20 anni, ho perso la testa per il mio istruttore di scuola guida, mi sono resa conto di essermi innamorata di lui subito dopo aver preso la patente. Lo vedo tutti i giorni, anche perchè faccio di tutto per vederlo, solo che è già sposato ed è un pò di anni più grande di me, però è un uomo affascinante. Ho preso una cotta per lui non sò se avrà capito, non riesco a pensare ad altro,aiuto! Sapresti daarmi qualche consiglio?Grazie
Lascialo stare e cerca di pensare ad altro!

Il mio nome è J...ho un problema..sono fidanzato con una ragazza da 4 mesi circa...lei è un tipo molto particolare, indaffarata tra casa e scuola...i primi mesi sono stati meravigliosi..ci amiamo e questo viene detto molto spesso da entrambi...ma il problema è che lei nn è tipo molto attaccato al telefono mentre io si...e questo comporta che lei molto spesso...scompare all'improvviso..oppure non chiama per un giorno intero.Ora io cerco di capirla..ma non riesco..sono un tipo che si altera facilmente..e molto spesso le dico quello che non mi sta bene..è vero anche che ci amiamo cosi'..litigando e poi facendo pace..ma ora le cose si sono aggravate..io ammetto che per la prima volta mi sento innamorato..e questo mi porta,se nn la sento..a stare male,molto male...un particolare per cui scrivo...un venerdi' ci siamo visti come gli altri giorni...siamo stati insieme per pranzo..e ci siamo lasciati non benissimo..lei mi teneva il muso perchè dice che mi chiamava e mi giravo dall'altra parte mentre stava vedendo un telefilm, le ho spiegato ke ho agito cosi perchè conoscendola se la distrurbi mentre vede la tv...diventa molto nervosa..ma l'effetto è stato lo stesso!!cmq sono andato via..e da quel momento nn l'ho più risentita sino al giorno dopo..(nel mentre le ho mandato messaggi e kiamate ma niente..telefono inutilizzato) appena sentita mi ha detto ke andava a scuola e che ci saremmo sentiti..per pranzo!!
invece l'ho sentita più tardi..e alla fine le ho chiesto cosa avesse..e dopo avermi detto sempre nulla..si è sfogata..dicendo..che con gli altri ragazzi nn si era mai sentita e vista tanto come con me..e se per un giorno o più nn ci sentivamo,nn succedeva nulla!Ora siccome accadeva spesso questo nn chiamare...e io in fase di alterazione..le dicevo che me ne sarei andato..e lei cercava di porre rimedio chiamandomi di più...di recente le ho detto che forse una pausa sarebbe stata una soluzione per capire che lontano nn si può stare...ma ho sempre ritirato quello che dicevo perchè non ne ho la forza e il coraggio..nn potrei!ed invece in quest'ultima litigata mi ha detto ke forse sarebbe il caso....e io ho detto di no ancora..n ce la faccio..e inoltre ha aggiunto ke o mi sta bene cosi oppure non sà ke altro dirmi!!Siamo molto diversi lo ammetto..ma stare lontani senza averlo deciso insieme non è un buon segno...
Lei ha ragione! stare insieme ad una persona, amandola, non significa dividere tutto il tempo che si ha a disposizione insieme. Oltre all'amore c'è anche altro nella vita di una persona! Se tu non hai altri interessi aldilà di lei, createli!

cara Eleonora.ho conosciuto oggi questo sito e vorrei chiederti un parere...io chatto molto e ho un carattere molto espansivo,ciò mi porta a far innamorare di me molti ragazzi...ho avuto 4 storie con ragazzi conosciuti in chat, e 3 di queste pensavo fossero serie, ma x causa mia sono finite dopo poche settimane.
il fatto è ke ad agosto ho conosciuto un ragazzo (sempre in chat) ma non abbiamo mai parlato molto, però ultimamente, non so come mai, abbiamo iniziato a sentirci molto spesso e credo di essermi affezionata a lui...mi piacerebbe avere un consiglio,vorrei capire cosa voglio xkè mi dipiacerebbe molto far soffrire anche lui..grazie in anticipo...,K.
Ci metti troppa testa e così ti rovini il gioco. Chatta divertendoti ed incontra soltanto chi ti da veramente delle forti emozioni. Spesso se si frequenta un pò tutti poi ci si confonde. Ci sono gli amici e ci sono gli amanti. Forse quest'ultimo può essere un amante e allora non ti preoccupare di quel che succederà. Ma se dovesse "fallire" anche questo rapporto non convincerti che c'è qualcosa di sbagliato in te... forse sei soltanto troppo avventata nel lanciarti in una storia pur di amare qualcuno. datti tempo!

Ciao Eleonora
Sono un ragazzo di 31 anni, la mia è una storia direi quasi incredibile, sono stato mollato dalla mia ragazza dopo una storia di 10 anni, storia stupenda mai contrasti,mai liti, sempre innamoratissimi.
vengo al dunque, abitiamo a 35 km di distanza e si discuteva già da tempo di dare una svolta alla nostra storia, vale a dire di sposarci. Non sono stato mai convinto a dovermi trasferire nel suo paese, ma lei insisteva a farlo visto che per l'attività che svolge non poteva fare diversamente, io d'altro canto ho tirato troppo la corda nel senso che le ho detto prima si poi no poi di nuovo si.
Io lavoro nella mia città e lei nel suo paese quindi uno dei due doveva fare il pendolare, c'è stato sempre un tira e molla tra chi di noi avrebbe dovuto farlo.
nell'ultimo mese lei mi ha messo alle strette o vieni qui o ci lasciamo, io posto davanti quasi ad un ultimatum, mi sono irrigidito e ho continuato a prendere tempo. Nel momento in cui ho visto che la stavo perdendo io mi sono convinto a trasferirmi da lei e fare io il pendolare, ma purtroppo mi sono sentito rispondere "troppo tardi ora voglio restare da sola".
Mi è crollato il mondo addosso, perchè non capisco una persona che ama come fa a non perdonare.
la verità è che lei nell'ultimo periodo si era raffreddata nei miei confronti diciamo disinnamorata,allora ha tentato di recuperare il salvabile ma poi nel momento in cui mi sono convinto si è tirata in dietro.
Dice che non si fida più di me, che in realtà non mi sono convinto con la mia testa e che in futuro avrei fatto in modo di rinfacciarglielo.
Altro fatto molto discutibile è l'aver frequentato nell'ultimo periodo un "amico" conosciuto in palestra con il quale si confidava talmente tanto che hanno iniziato a frequentarsi.
Lei sostiene che è solo un amico, che la sua scelta non è stata condizionata da lui, ma io non ci capisco niente.
Diciamo che lui si è avvicinato a lei come spasimante, facendole complimenti e apprezzamenti, lei quasi infastidita in un primo momento piano piano ha iniziato a dargli confidenza fino al punto di diventare amici.Lei purtroppo altri amici nel suo paese non ne ha visto che stava sempre giù da me e quindi frequentava la mia comitiva.
Che peso dare a questa amicizia, può avere influito sul suo cambiamento?
Mi sembra tutto assurdo una persona ti chiede di sposarti, dopo 20 giorni non mi dà più la possibiltà di dimostrarle che sia davvero convinto.
Ora mi sento ripetere che ho sbagliato a dire prima si poi no, che stato un immaturo, ora sta bene da sola, non riesce a perdonare.
ora inizia a rinfacciarmi di tutto, che io ero freddo nell'ultimo periodo, che la trascuravo che le cose non andavano già bene.
In tutta questa storia c'è qualche tassello che manca per arrivare alla verità.
Sicuramenete c'era già qualcosa che non andava da parte sua, non capisco come abbia fatto a non accorgermene.
io tento di convincerla giorno per giorno ma purtroppo lei ha assunto un atteggiamneto di indifferenza nei miei riguardi, non mi cerca più e quando la chiamo non fa altro che ripetere "ora non sto più bene con te".
Io ho le mie colpe, sicuramente ho preso troppo tempo per convincermi, mi sono rimangiato le parole diverse volte ma alla fine mi ero davvero convinto a vivere nel suo paese, ma evidentemente lei pensava già ad un' altra vita.
Le conclusioni quali possono essere, era già distaccata da me, perchè darmi una possibiltà di matrimonio e poi non accettare le mie scuse, ci sarà infatuazione per questa persona visto che non può fare a meno di vedere?
Mi sembra un brutto incubo, io ci sto male da morire perchè mi vedevo già proiettato a creare una famiglia.
La verità la sa solo lei, dice che mi ha dato troppe possibilità, ma se ci fosse ancora amore me ne avrebbe concessa un'altra.
Non faccio altro che pensare a lei, non mangio, non dormo e a lavoro sono una larva, come posso uscire da questo tunnel?
1000 Grazie C.
Perchè recriminare se oramai lei ha dato un taglio alla storia? Forse lei cerca di allontanarti il più possibile dicendoti che c'erano problemi e dandotene la colpa. Che sia infatuata di un altro non ha poi così tanto peso , nel senso che le storie finiscono anche dopo 10 anni, senza un motivo perforza evidente. Magari per lei non era così idilliaco il rapporto già da tempo e ha approfittato di una situazione di forza per allontanarsi. Il matrimonio fa paura! E' un passo troppo importante e spesso ti da una svegliata di riflessione su quello che si sente per il proprio partner. forse lei ha sentito che non era poi così forte il suo sentimento nei tuoi confronti. Insomma qualunque sia il motivo della sua scelta purtoppo tu non puoi fare altro che accettarla o magari riuscire a darle tempo per riflettere meglio sui suoi sentimenti. Non pressarla e come dico sempre a tutti, intanto cerca di fare dell'altro!

Cara Eleonora,
ho 47 anni da due mesi sto con una donna che ha 37 anni e che dice di volermi molto bene.
Purtroppo però in lei si manifesta un problema : quando ci vediamo dice di sentire moltissimo la mia mancanza ma quando ci incontriamo, inspiegabilmente le "scendo", non riesco a capire, anche perchè andiamo molto daccordo.
Non so cosa fare.
Grazie per l'aiuto che mi puoi dare
Cordiali saluti G.
Corteggiala "da bestia", falla ridere più di chiunque altro, sorprendila, e amala in modo fantastico. Forse...

Salve sono nuovo e complimenti per il sito. A novembre faccio 27 anni. Un anno fa una ragazza è entrata nella mia vita. E iniziata una spendida amicizia, lei innamorata di un altro ed io che uscivo da una storia tormentata. Dopo un po ci vedevamo tutti i giorni, mi chiamava quasi 10 volte al giorno fino a quando mi sono innamorato di lei. Non gli ho detto nulla. Nel frattempo lei cercvava di prendere l'iniziativa, mi baciava e con i fatti sembrava farmi capire che poteva nascere qualcosa. Dopo tre mesi che ci conoscevamo facemmo l'amore. Il giorno dopo mi disse che aveva bevuto e solo per questo era capitato. Ci rimango male ma continuiamo a vederci come prima. Continuano i suoi atteggiamenti ambigui dicendomi che gli piacevo ma era ancora confusa per la sua storia precedente. Passano altri due mesi lei entra in crisi e attraversa un periodo di 4 mesi in profonda depressione. Io lascio il discorso da parte e gli sto vicino come amico rassicurandola e cercando di farla distrarre. Superata questa triste fase ricominciano i suoi comportamenti ambigui. Mi vuole? non mivuole? sarà cosi confusa? le mie domande si fanno sempre più insistenti soprattutto perchè adirato dai suoi stupidi atteggiamenti. Il rapporto diventa conflittuale perchè io ero sempre in attesa di una risposta e lei sempre confusa e cio nonostante si divertiva nel mantenermi cosi sulla corda. Inoltre dovevo anche sopportare delle battutine malizione e di cattivo gusto nei miei confronti del tipo: non mi stimoli o mi fa schifo stare con te, ma chi ti vuole ecc. , ma poi se ne usciva che stava scherzando. Prima dell'estate la mando via più di una volta perchè anche se innamorato, ero stanco di come si comportava. Lei ritornava sempre dicendo di voler stare con me, ma era sempre lo stesso. Bisogna anche dire che insieme stavamo una favola, ci divertivamo c'era complicità amavamo stare insieme tanto che la gente ormai ci credeva fidanzati. Ma il tutto veniva rovinato dalla sua ambiguità e mancanza di rispetto per i miei sentimenti. Un giorno litigammo in modo forte, la tratto malissimo (andavamo a ballare e si divertiva a farmi ingelosire conoscendo altri ragazzi). Dopo una settimana la richiamo facendogli capire di come ero rimasto male dei suoi atteggiamenti e lei rispose di non salutarla nemmeno più. Io la mando a quel paese e tutto finisce. A questo punto per vederci chiaro vado in vacanza con una sua ex amica, ex perchè avevano appena litigato. Lei mi dice che questa ragazza non mi aveva mai visto come ragazzo che era uscita con il suo ex quando avevamo litigato l'ultima volta e che aveva avuto anche una breve relazione con un altro ragazzo durante le pause che ci pendevamo per colpa dei nostri violenti litigi. Amareggiato e deluso questa ragazza aveva ferito il mio orgoglio, mi aveva umiliato e detto bugie a ripetizione e in più mi aveva deluso prima come amica e come persona oltre al fatto che potevo esserne innamorato. Ma come si fa a trattare cosi una persona che a prescindere dal resto ti è stata vicina in un momento di totale sconforto, ti ha aiutato e incoraggiato e soprattutto ti è stata amica. E poi lei con me si divertiva parecchio. Inoltre era anche gelosa quando ormai stanco della sua poca chiarezza uscivo con altre ragazze, lei invece cercava di fare di tutto affinche io non ci uscissi più. BOH ! . Cmq dopo l'estate cerca di riavvicinarsi dicendomi che la sua amica aveva detto solo balle. Io non gli credo e la mando via. Dopo un mese passa di nuovo all'attacco chiedendomi scusa per essere stato con il suo ex ma che con l'altro lei non c'è mai stata e la sua amica diceva bugie perchè invidiosa. Inoltre pretendeva le scuse (lei gelosissima) perchè ero stato in vacanza con una sua amica dicendomi di mandarla via dalla mia vita. Non faccio nulla di tutto questo spiegandogli gli ovvi motivi e chiedendo se veramente era intenzionata a stare con me o era solo tutta una ripicca. Le sue risposte erano sempre positive ma non i fatti. Dopo una settimana lei mi dice che vuole solo amicizia da me perchè ha paura di farmi soffrire ed inoltre mi dice che non sono il suo tipo fisicamente. La mia reazione è stata catastrofica. Gli ho detto cose assurde, l'ho ferita con le parole facendola sentire una poco di buono (forse lo è). Lei va via piangendo. Mi rimprovera che io da lei volevo solo una cosa e cioè stare con lei, ma che amicizia non c'era mai stata. E assurdo perchè non solo mi sento sfruttato ma anche perchè è stata sempre lei a illudermi quando poteva parlare benissimo chiaramente dall'inizio in modo che io ci toglievo il pensiero e invece di litigare magari poteva rimanere una bella amicizia. E invece no. Io non sono sicuro che mi abbia detto la verità : è un' approfittatrice e non mi ha mai voluto bene nemmeno come amico? o è profondamente insicura? oppure è semplicemente egoista e narcisita fino a questo punto?non so quale sarà la vostra risposta ma io penso di essermi comportato da vero stupido, forse perchè come si dice a Napoli "so fess e core". Grazie.
Per risponderti in napoletano: "Ma chi tò ffa fà!". Sì, insomma perché cerchi a tutti costi una spiegazione del suo comportamento? A mio parere stai soltanto perdendo tempo. Lasciala perdere e pensa ad andare avanti. Sempre a Napoli si dice: "Hai scansato nu fuosse!"

Ciao eleonora, oggi x la prima volta ho visitato il vostro sito e l'okkio mi è caduto subito sulla tua rubrica ,cosi ho deciso di scriverti subito.la mia storia è questa: sono stata con un ragazzo x circa 4 anni, il nostro era un rapporto a distanza, ma fino all'anno scorso nn avevamo problemi, fino a quando lui nn ha deciso d troncare la storia dicendomi ke mi
amava troppo e nn voleva sentirmi soffrire quando eravamo lontani.
Eleonora, ovviamente nn ho creduto a questa scusa, ho pensato ke ci fosse un' altra ma nn
c'era traccia d nessuna, l'unica spiegazione ke mi sono data è ke nn mi amasse piu'. Da quel giorno è passato un anno, lui si fa sentire spesso, ci siamo anke visti e ho passato con lui 3 giorni d'amore stupendi, come se nulla fosse successo. a fine mese dovremmo rivederci, io sto male lo amo ancora (a lui nn l'ho detto) nn riesco a dimenticarlo se lui continua
a farsi sentire, nn riesco a dirgli di no. voglio tornare con lui, anke se so ke la risposta dall'altra parte sarà negativa. quello ke vorrei sapere da te, è
xkè lui si comporta cosi, xkè mi cerca ancora? ho speranze di tornare con lui? nn ce la faccio piu', dammi tu un consiglio x favore,grazie.R.
Ma come pensate che io possa sapere la risposta alle domande che mi fate. non sono un indovina. I miei consigli servono per chi ha voglia magari di non ascoltare per tutte le ore del giorno e della notte quel dolore legato al distacco; oppure posso cercare di consigliare esercizi per recuperare un pò di smalto in una coppia che si è un pò "seduta". oppure consigli sul corteggiamento... ma proprio non posso rispondere a cose del tipo "come mai lui si comporta così?"!
La risposta che ho da darti l'ho data più volte: se hai voglia di frequentarlo anche così sporadicamente, fallo ma non pretendere altro. Altrimenti sii forte adesso e rinunciia alui del tutto, per non dover restare appesa a chissà cosa per un sacco di altro tempo che potresti invece dedicare ad un amore più completo! Comunque sia la scelta sta a te e soltanto a te!

Ciao Eleonora,
eccoti la mia storia in breve, per quanto possibile.
Io: 34 anni molto ben portati, carino, mille interessi, bla, bla, bla.
Luglio, mare.
Lei: noto una ragazza che mi guarda, e io faccio altrettanto: è molto carina!
Prendo il coraggio a due mani ed effettuo un avvicinamento: la prima sera stiamo insieme in modo travolgente, attrazione effetto calamita, come se ci conoscessimo da una vita e così la sera dopo, lei ha parole bellissime nei miei confronti...il terzo giorno lei parte e mi dice che non ci rivedremo e sentiremo più. Le dico che questo è impossibile, mi prenderebbe un colpo!
Insisto e lei mi da il suo numero di cellulare. Ci vediamo in città e per le prime due volte va tutto alla grande, quasi da veri innamorati anche se senza troppi discorsi: riesco a sapere molto poco di lei, non mi dice nemmeno la sua età, ed io per contro non le dico la mia. Per vie traverse arrivo a sapere che lei avrà 18 anni da qui a qualche mese...Pensavo di più, ma ormai la frittata è fatta, il cuore è partito, la testa non riesce a porre dei freni.
Al quinto incontro lei si ritrae bruscamente dal contesto, poi però mi dice che nessuno ha fatto per lei le cose che io ho fatto... Affrontiamo il discorso delle difficoltà oggettive dovute alla differenza di età: lei mi assicura non essere questo un problema, ma per il resto riesco ad avere pochi dati da lei: quello che riesce a dirmi è che io devo interpretare i suoi comportamenti e trarre le mie conclusioni, qualsiasi altra domanda di approfondimento non trova risposta...Inizia a sfuggirmi, ha sempre altro da fare per cui non riusciamo a vederci. Parto per 1 mese, ci sentiamo al telefono:qualche volta dice che gli manco, altre volte mi dice in faccia di non avermi nemmeno pensato. Al mio ritorno sempre più difficile riuscire a parlarci, nessuna risposta agli sms, ci vediamo due volte, per poche ore. A questo punto provo a scomparire dopo averle dichiarato (nel caso non lo avesse capito) di essere innamorato, e per 3 settimane al mio silenzio fa eco il suo...poi non ce la faccio e la richiamo, il mio cervello non conosce nemmeno la parola dignità.
Ma tutto è come prima, lei dice di non aver chiamato per non creare false aspettative.....e siamo così arrivati ad oggi.
Il mio problema è che ho una grande confusione: vorrei quanto meno avere la possibilità di tentare di costruire una storia, ma forse dovrei capire di avere a che fare con una diciottenne (che all'inizio non sapeva di avere a che fare con un 35enne!) e di non poter pretendere che abbia le idee chiare, ma cosa è stato allora per lei all'inizio? Una infatuazione estiva? Se è così perché non dirmelo?
Come si dice a Napoli: ne sto uscendo pazzo... M.
PS Preferirei se la tua risposta mi fosse data in privato!
Se avessi letto la mia rubrica, sapresti che non rispondo mai privatamente!
Hai senz'altro a che fare con una diciottene, ma questo non sarebbe un problema se lei fosse innamorata di te! Lascia stare la pazzia e viviti altro!!!!! Lo so, lei è bellissima e tu la ami ma che possiamo fare di altro?!? Mi dispiace.
Un altro napoletano disperato? Uaglioò!?!?!?! :-)))

Ciao sono G. ho 27 anni e da un mese la mia ragzza mi ha lasciato. Lei ha 21 anni e siamo stati insieme per quasi un anno. Per entrambi è stata la prima volta in cui ci siamo veramente innamorati di un'altra persona. E' stato un rapporto fantastico, intensissimo. Ogni tanto si litigava, ma alla fine le cose tornavano sempre a posto. Lei ha sempre detto di amarmi da morire e ci ho sempre creduto, perchè mi trasmetteva delle sensazioni uniche. Poi un giorno mi ha detto di non sentire più quello che sentiva prima e di avere bisogno di libertà, perchè ora ha bisogno di vivere la vita giorno per giorno e di stare con i suoi amici. Io la amo alla follia e da quel giorno il mondo mi è crollato addosso. Posso avere sbagliato della cose nel nostro rapporto, ma credimi, nulla che potesse comprometterlo. Lei è sempre stata zitta sui miei difetti e forse qui ha capito di avere sbagliato a non parlarne.
Penso di essere arrivato ad un'età in cui ho capito che cosa voglio veramente dalla vita e quello che voglio è stare con lei, perchè credo sia la ragazza della mia vita. Lei mi ha detto che non sa se mi ama ancora, di volermi un mondo di bene, che sono una persona fantastica e che non si perdonerà mai per avermi fatto tanto male. Le ho chiesto se esclude di poter provare ancora quel sentimento che ci ha uniti e mi ha risposto che se dovesse sentirlo ancora e se fosse convinta di questo allora tornerebbe con me. (Riconosco che a 21 anni anch'io ero così, nel senso che un rapporto importante, così importante come stava diventando il nostro, forse non lo avrei retto). Ora ci sentiamo ancora per mesaggio, qualche volta ci vediamo e lei ha detto che mi starà sempre vicino. Ora, secondo te, una ragazza di 21 anni che non ha capito ancora veramente cosa vuole fare potrà mai tornare insieme a me? io le ho detto che la mia porta sarà sempre aperta x lei e questo lo ha capito. ho delle speranze? lei è tutta la mia vita.
Un caro saluto G.
Ma perchè i trentenni pensano così diffusamente che i ventenni non abbiano le idee chiare riguardo alle sensazioni e i sentimenti che vivono?
Io a vent'anni vivevo una storia d'amore che durava da sei anni e che è poi proseguita per altri cinque, convintissilma che fosse per sempre. Non credo che l'eta sia il nodo della questione. Io proverei a considerare che i sentimenti come vengono così possono andare. nella vita si cambia, ragion per cui possono cambiare anche i sentimenti.
Comunque leggi le altre risposte che ho già dato...ce ne anche per te!!

Cara Eleonora, mi chiamo A. e ho 22 anni. Ho un problema che mi affligge; un mese fa sono stata lasciata improvvisamente dal mio ragazzo dopo 9 mesi, la spiegazione è stata: non sono sicuro di provare tutto l'amore che provi tu per me, ed è scappato. Ora siamo amici e lui è rimasto fermo sulla sua decisione. Io credo di essere ancora innamorata di lui... quante probabilità ho di farlo tornare da me? Premetto che lui ha sempre confermato di stare bene con me e di essere felice...litigavamo molto poco e insieme stavamo molto bene. Cosa posso fare? grazie un saluto
Se lui non ti ama le tue possibilità sono nulla. appena ti passerà potrete essere ottimi amici proprio perchè insieme riuscite a star bene. ma intanto che pensi di esserne ancora innamorata, io fossi in te, non gli starei tanto vicino. Fa male e non porta a niente di buono per te!

Ciao mi chiamo Nik (nome finto) un anno fà uscivo con una ragazza di cui mi sono innamorato poi ci lasciammo x delle incomprensioni. (che tutt'ora non risolte).
4 mesi dopo conobbi un altra ragazza, Ali (nome finto) all'inizio non me ne fregava niente anche xkè continuav a pensare a l'altra...sono passati quasi 7 mesi questa ragazzaa Ali si è iscritta ad una scuola serale e da quel momento inizio a cambiare e io mi iniziare ad affezionare dimenticando l'altra che ormai era solo un brutto ricordo.
con la Serale questa ragazza cambiò e aveva atteggiamenti strani. una sera (come da copione) dovevo andarla a prendere all'uscita della scuola ma mi disse che voleva andarsi a prendere un caffè con dei compagni di scuola. il gg mi scrisse "scusami forse è meglio che non ci vediamo un pò". e io inevitalbimente la chiamai dicendole va bene non vediamoci x una settimana. la Sera successiva andai a bere con gli amici ad un Pub e lì là incontrai con un tipo.
io preso dalla gelosia e dall'odio (x l'apparente presa x il *bip*) feci la classica scenata, è la lasciai lì davanti a tutti. 3 gg dopo la chiamai e le dissi se potevo lasciare alcuni oggetti suoi personali dalla nonna. e li mi disse "ma a me non frega molto della roba volevo vederti x prendere un caffè" alchè preso dall'orgoglio la trattai male dicendole "io sono LIBERO solo alla Sera" e lei mi disse "io alla sera ho scuola (come se dicesse lo sai stronxo che ho scuola).
La sera venne al Bar che frequento sempre. con questo tipo il gg dopo la chiamai dicendole se voleva andar a prendere il caffè all'inizio tutto ok dovevo passar da casa sua dopo la telefonata passarono 5 minuti e mi mandò un messaggio con scritto :"Senti, forse non è ancora il momento di vedersi...lasciamo passare un pò di tempo...scusa ciao". che devo pensare? mi amerà ancora? come mi devo comportare?. help me
se proprio ci devi pensare: pensa esattamente a ciò che lei ti ha detto! sarà la cosa giusta per entrambi.

Chiedo aiuto, sono mesi che cerco di affrontare e risolvere un situazione invivibile, da solo, con i miei soli punti di vista... ho paura, sono arrivato alla conclusione che non posso fidarmi solo di me perchè rischio troppo, rischio di perdere del tutto una persona che amo da morire. Mi rivolgo a te, perchè hai sempre le risposte, perchè sei una donna ed il tuo punto di vista è di certo più coerente con le aspettative di una ragazza che del mio... dunque: Ho 24 anni, frequento una compagnia di molte persone, molto tempo fa, circa 4 anni, un mio caro amico ci presenta una ragazza, la sua nuova ragazza, la quale viene a far parte di noi, esce con noi e tutto il resto... In questi 4 anni, lei si affeziona in modo sempre più evidente a me, ci sono degli avvenimenti che mi fanno pensare, tutti i suoi atteggiamenti, i suoi sorrisi, mi fanno capire che lei vorrebbe me e che del suo ragazzo (mio amico) non gli interessa poi molto. E' successo 8 mesi fa che ho capito di essermi innamorato di lei, ero arrivato al punto di essere geloso, avevo perso la testa, era molto doloroso andare avanti così... un giorno le chiesi di uscire, un pomeriggio, per parlare di una cosa che era successa (niente di importante), con l'occasione le dissi che per lei provavo qualcosa e che avevo capito di essere importante per lei. Da li abbiamo iniziato a vederci sempre più spesso, di nascosto, ogni giorno. Io la volevo, del mio amico non interessava molto, era tempo che ci detestevamo, non lo consideravo più un mio amico... E' successo che ci siamo baciati, poi lei l'ha lasciato per me, poi, dopo poco tempo mi sono accorto che la passione che lei aveva per me si stava spegnendo e che sentiva molto/moltissimo la mancanza del suo ex. Da un giorno all'altro mi ha lasciato ed è tornata con lui e gli ha raccontato tutto, il nostro segreto, mi ha tradito. Non l'ho sentita per giorni, quando ho avuto il coraggio di chiamarla mi ha riempito di insulti, di colpe, perchè li ho separati, perchè ho fatto mille cose orrende nel mio passato che a sentirle mi sembravano incredibili. Lei ama lui e quindi crede a lui, capisco che furbamente il suo ex, il mio ex amico, le abbia riempito il cervello di cose negative su di me per eliminarmi. Adesso, voglio giustizia, non è vero niente, vorrei che lei mi desse la possibilità di spiegare senza essere di nuovo insultato, vorrei che lei tornasse da me, ma questo non è possibile vero? Sono passati 5 mesi, ho paura del tempo che ci allontana sempre di più, ho paura a mandarle una lettera, un mail, anche se l'ho già scritta, mi manca solo il coraggio di rischiare, mi manca il consiglio di una persona affidabile. grazie per l'attenzione.
Hai rischiato già! innamorandoti di una persona che aveva una relazione in corso.
Mi dispiace ma non puoi non fidarti più di nessuno soltanto perchè un' unica persona ti ha ferito! Il mondo è zeppo di esseri umani, anche piacevoli, che non è giusto che tu ti ferma qui!

Ciao Eleonora, sono entrato nel tuo sito per caso, mi piacerebbe una tua opinione sulla mia storia che adesso ti racconto.
Questa estate sono stato in vacanza a S. ed ho incontrato una ragazza di nome A. 25 anni ed io 27 (prima di andare in vacanza si era lasciata dal suo ex dopo una storia di due anni), lei è di V. ed io di V. (n.d.r. città vicine).....ci siamo frequentati per 2 mesi sembrava tutto perfetto prima che ci mettessimo insieme però si è trovata subito in conflitto con se stessa non sapeva se aprire subito un'altra storia oppure stare un po' da sola, si prese un po' di tempo ma poi decise di iniziare questa breve storia perchè' mi disse che non riusciva a stare da sola.....in questo periodo la maggior parte delle sue amiche si lasciano con il moroso, nel corso della storia mi continua a dire che a paura di commettere gli stessi errori fatti con il suo ex e cerca di non legarsi troppo a me perchè ha paura di stare male, mi continuava a ripetere però' che si trovava benissimo e che gli piaccio un casino......domenica 10/10/04 usciamo sembrava una serata tranquilla come al solito, quando scendiamo dall'auto mi dice :S. penso di prendermi un periodo di riflessione, mi trovo confusa in questo momento, non so se voglio stare con te oppure stare con le mie amiche e divertirmi con loro, dammi tempo.........abbiamo discusso un po' ed ha deciso che non mi vuole vedere più fino a che non prende una decisione......Fin qui sembra tutto normale dopo un ora che mi ha detto che voleva un periodo di riflessione, ha iniziato ad abbracciarmi a baciarmi come se non fosse successo niente, ed a fine serata mi ha lasciato dicendomi:S. dammi tempo sono confusa......
Elenora cosa devo fare?...io ho paura che sia finita e il tempo che vuole sia solamente per dimenticarmi, io ritengo che sia una persona importante per me, come devo comportarmi? devo aspettare?.......io penso che sia molto influenzata dalle sue amiche che siano invidiose perchè loro si trovano tutte single........
Confido in te per un buon consiglio, sto male da cani!!!!!!!! Grazie S.
Leggi le altre risposte che ho già dato. Questa storia si ripete e pare che ci sia soltanto un modo per viversela. Eh no! Tocca che vi ingegnate a trovare soluzioni alternative, altrimenti non ne usciamo più! Ti giuro che se leggerai le altre mie risposte di consigli ne troverai tanti!

Ciao Eleonora,
è la prima volta che vengo sul tuo sito, ho letto alcune storie e le tue risposte e spero che tu possa aiutare anche me.
Partiamo dall'inizio: sono fidanzata da 4 anni con un ragazzo che ha 8 anni più di me (io ne ho 24 e studio ancora, lui invece lavora), prima dell'inizio della nostra storia noi eravamo grandi amici, lui era il mio miglior amico, poi mi sono accorta che lui provava qualcosa per me, dapprima lo ho allontanato, poi sentendo la sua mancanza, gli ho finalmente detto sì. All'inizio tutto bene, tutto rose e fiori, lui era dolcissimo (ma lo è ancora tanto) e mi faceva sentire la persona più importante del mondo. All'inizio della nostra storia sessuale però lui non riusciva a farmi provare l'orgasmo, ma bada bene dato che io prima di lui ero vergine non sapevo neanche cos'era un orgasmo. Dato che lui ne soffriva molto del fatto che non riuscisse a soddisfarmi io ho iniziato a simulare l'orgasmo, questo fino all'anno scorso quando mi sono un pò scocciata ed ero stufa di mentirgli, così facevamo l'amore ma io non arrivavo. Lui sempre molto apprensivo mi chiedeva come mai non riuscissi più ad arrivare, ma io gli dicevo che per me non cambiava nulla e che mi piaceva comunque fare l'amore con lui. (Non gli ho mai rivelato che fino a poco prima io fingevo l'orgasmo nè mai lui se ne è accorto). In questo ultimo periodo però sono diventata un pò acida nei suoi confronti, sono molto insofferente verso di lui, mi sono detta che sarà un periodo (sai gli esami non mi sono andati tanto bene), ma mi sono accorta che effettivamente qualcosa non và.
Arrivo al dunque. Qualche giorno fa abbiamo fatto l'amore a casa sua, apparte che io ero un pò stanca e sempre per questo periodo che sto attraversando, non ne avevo poi tanta voglia, ma sai per accontentarlo....Comunque lui ha lasciato la tv accesa mentre lo facevamo. La cosa brutta è che anche se la tv era posta dietro le sue spalle lui si è girato sempre più spesso; io non potevo vederla dalla mia posizione, nè c'era l'audio ma per un attimo ho intravisto un film porno. Si girava insistentemente per guradarla che in un paio di occasioni mi ha fatto anche male. In quel momento non mi è più importato se arrivasse a godere per le mie "grazie" o per il film, volevo solo che finisse tutto al più presto. A fine serata non gli ho detto nulla, nè ho accennato al film....ma mi sono sentita e mi sento tuttora un pò male.
Non so se ti ho scritta perchè volevo una risposta, non so neanche se ci sia una risposta dato che non ho posto la domanda....forse volevo solo parlarne con qualcuno, dato che non posso farlo nè con mia sorella che è un pò più piccola di me, nè con le mie amiche dato che non abbiamo mai parlato di rapporti sessuali.
Scusami tanto se la mia e-mail è un pò lunga e capirò se tu non la pubblicherai, grazie comunque.M.
Ebbene, non avere un'intesa sessuale proprio non aiuta al rapporto di coppia. Sarebbe il caso che tu parlassi con lui più apertamente di ciò che ti farebbe piacere ricevere (inteso come tipo di carezze, baci, delicatezza...) per riuscire finalmente a provare piacere. Fare all'amore non è poi la cosa più semplice del mondo. Siamo tutti diversi, anche se fisicamente non pare, fisiologicamente senza dubbio. E poi ognuno può viversi il sesso con paure, attenzioni, tensioni o stimoli diversissimi.
L'unica è parlargli apertamente ma mi chiedo: da sola hai mai provato a raggiungere l'orgasmo? Scusa la domanda "bruciante", ma è importante che tu conosca per prima il tuo corpo e come stimolarlo per poi coinvolgere un'altra persona a farlo.
Basta comunque fingere perchè non giova a nessuno dei due. Ti consiglio di visitare il sito www.sessosublime.it, dove troverai utili consigli e chiarimenti sulla sessualità.

ciao, vorrei un consiglio, non sò cosa fare con un uomo che frequento da un anno e più, fra alti e bassi... in un anno lui mi ha allontanato 3 volte... lui dopo un matrimonio fallito adesso ha dei blocchi psicologici a intraprendere un altro rapporto serio e di convivenza... dice che con me si trova bene in tutto però non riesce a pensare a una convivenza con me, e non solo con me, mi vuole accanto a lui però non del tutto... che fare? con affetto b65
Goditela! Lui ti sta dando tutto quello che ha possibilità di darti, perché rinunciarci?
Ps: leggi le altre mie risposte e ti dirò di più!

A volte sei felice o semplicemente fingi d esserlo...e scopri,guardandoti dentro,ke molte cose nn vanno...ke molte persone nn c sn al tuo fianco e nn puoi far altro ke essere malinconica e rimpiangere quei tempi passati sperando ke un giorno ritornino.
Ma è inutile sperare..il tempo nn torna mai indietro ma va solamente avanti...le cose passate nn torneranno mai più ma ve ne saranno di migliori o forse anke d peggiori.Niente è impossibile ke accada!
Poke volte nella mia vita sn stata confusa...sn una persona abbastanza serena e decisa...anzi lo sono molto e nn abbastanza!Ma quei rari momenti di confusione ke ho avuto e ke adesso ho m rendono a volte troppo debole...incapace d prendere decisioni giuste...indecisa in tutto quello ke faccio...offuscata da mille cose.
E' proprio questa la situazione in cui mi trovo adesso...vorrei avere al mio fianco l'unica persona ke ho amato in tutta la mia vita...ma nello stesso tempo nn vorrei averlo vicino...vorrei ke un mio amico fosse più di un amico ma nello stesso tempo vorrei ke rimarresse tale...in una cosa sn decisa al massimo e cioè nel far sparire dalla faccia della terra gente stupida..in questo caso devo dire ke sn molto decisa...eh già!
Vorrei ke lei nn esistesse più...le sue cavolate nn esistesserò più...la sua faccia nn esistesse più...la ritengo una persona falsa...un ipocrita...una ke nn ha niente d buono...una ke nn ha una propria personalità e va in giro a copiare quella degli altri...una persona ke la pensa cm la massa o meglio cm le conviene...una persona ke nn è in grado d amare o d volere bene...ke è innamorata del principe azzurro delle favole e porta avanti la sua vita in modo patetico...prendendo tutto e tutti in giro e prendendo in giro anke se stessa.
Odio quelle persone ke nn esprimono il modo pensiero...ke s nascondono dietro una maskera...ke nn mettono in risalto il proprio modo d essere...quelle nn le ritengo persone,ma solamente macchine ke s ammazzano a fare ciò ke fanno gli altri...ke la pensa in determinati modi e nn sa neanke perkè.
Odio quando m copiano o m fanno le cose per ripikka...penso nn sia un modo maturo d vivere la vita e penso soprattutto ke sia gelosia...e allora tesora sei gelosa?gelosa d me e del mio modo d essere?avresti tanto da invidiare ma per quanto tu c possa tentare a copiarmi nn sarai MAI cm me...IO sn IO e tu nn sarai mai me anke se t piacerebbe molto.Ki legge può pensare ke io sia convinta...diciamo pure ke me la tiri...e bhe nn m interessa cosa pensiate..e solamente conoscendomi capirete cm sn realmente.E in quel caso provate a mettermi nei panni miei...nei panni d una ke vede le sue abitudini,le sue parole,i suoi amici nelle mani d un'altra...provate a pensare ad un robot ke copia TUTTO quello ke faccio e ke s fa amica delle persone sl per "tentare"d portarli via d me...ehehehe perkè tentare?perkè le persone ke m voglio bene sanno cm sn e nn s fanno trascinare...e quindi mi dispiace per te ma nn riuscirai a portarmi via niente.Quindi t converebbe evita d fare la patetica e d ammazzarti ad assomigliarmi o a parlare male d me alle persone perkè queste nn t crederanno mai :D
Raga nn vi fidate d tutti molte volte dietro qualke persona calma s nasconde una bestia..state attenti!
Se ti va di viverti la vita e ciò che ti offre in questo modo orrendo e sensa senso, fai pure. ma non tediare gli altri con il tuo pessimismo perchè ci basta il vero orrore del mondo ad incupirci e a farci paura!


PER PUBBLICARE LA TUA MANDAMI UN EMAIL!
info@amoreamore.it

torna in testa alla pagina