la posta di amoreamore.it a cura di Eleonora
I consigli di Eleonora hanno risolto i vostri problemi? Fatecelo sapere!!!

pag.9


ele??
sei in vacanza??
o hai troppo da fare???
è molto che non rispondi alle ns lettere....sai che siamo tuoi consigli dipendenti!!!!
ciao un bacio
La seconda è quasi quella giusta! Nel senso che ho lavorato tantissimo quest'estate qui ad Alcatraz per cui adesso anche che è un periodo tranquillo sto riprendendo un pò me stessa, stressata, ammaccata ma, non preoccuparti, felice. Ho conosciuto un'enormità di gente con le quali ho condiviso momenti meravigliosi. Per cui il mio cervellino ed il mio cuore avendo pompato a mille hanno il bisogno di riprendersi.
E' giusto che nel momento in cui mi venga richiesto qualcosa io sia in grado di dare nel migliore dei modi o quantomeno di rispondere serenamente e rilassatamente.
Ma adesso sono qua ed ho cercato di rispondere a tutte le lettere arretrate in un unica mattinata.
Non è facile. Nonostante sembri che io abbia una risposta per tutti a volte mi trovo in difficoltà. Ho paura di sembrare poi che tiri via. D'altronde ci sono in gioco dei sentimenti reali e coscienziosamente non riesco ancora a dare risposte preconfezionate. E anche se spesso mi pare di leggere la stessa lettera io so che dietro quelle stesse parole ci sono persone diverse. Per cui ogni volta è e deve essere diverso.
Grazie comunque per avermi dato la possibilità di spiegare queste cose, in modo tale che anche voi mi conosciate un pò meglio. bacioni e tanto amore a tutti!!
PS: grazie a questa rubrica sto modificando e cercando di migliorare i miei rapporti personali con amici e con il mio grande amore e di questo sono felicissima.

ciao, premetto che ho 17 anni e ho deciso purtroppo di mettermi con un ragazzo che ha intenzioni troppo serie, ma troppo troppo serie...e già così mi sento oppressa e senza via d'uscita...strano no?
vabbè apparte tutto, mi ha presentato un amico...è un ragazzo passivo, troppo!
ho preso 2 piccoli flash per lui, ma ho visto che nonostante tutto nn mi si toglie dalla testa!
il mio ragazzo è venuto al corrente ed è andato di persona da lui per chiedergli cosa pensasse di me e lui ha risposto: è UNA BELLA RAGAZZA,MA NN IL MIO TIPO...ed il mio ragazzo ha detto che quando dice una cosa e quella, quindi mi ha messo l'anima in "pace" liquidandomi con 2 parole...io nn mi rassegno perchè lui mi guarda, mi parla, mi ha chiesto di fargli dei favori...esce volentieri con noi...ed io???
nn so che fare:lo sogno tutte le notti, ma il giorno dopo mi ritrovo ad uscire con lui, il mio ragazzo...ho paura di fare la prima mossa...d'altronde è sempre il suo amico...dannato amico! (scusate per il papiro di roba che vi ho scritto) risp!***85
Se questo tuo è un papiro io sono Nicole Kidman!
Nonostante la tua premessa, intanto lascia il tuo ragazzo che fa addirittura pena quando fa il corriere per te ed il suo amico. Tutto il resto che dovrà venire accadrà.

Ciao Eleonora,
sono approdata su questo sito in un momento della mia vita un po' particolare...la persona che amo mi ha detto che vuole star solo per un po', ma mi telefona, mi manda degli sms dolcissimi... sai, siamo stati insieme per 5 anni e mezzo, e insieme abbiamo affrontato tante situazioni... il mio lui ha una situazione familiare difficile da sopportare, ma almeno aveva me e il fratello... ora sembra che abbia deciso di escludermi dalla sua vita pur volendomi molto bene io non riesco ad accettarlo: è normale che uno che non vuole più stare con te ti chiami alle 4 del mattimo con una scusa e poi il giorno dopo ti ritelefoni? Io a quella telefonata non ho risposto e mi sono vista arrivare un sms in cui mi diceva che potevo sempre contare su lui per qualsiasi cosa, e chiamarlo quando volevo e infine che mi voleva tanto bene... io non ci capisco più nulla, so solo che soffro perchè non ho più accanto la persona che contava di più nella mia vita, nella quale ho sempre creduto... chissà, forse è solo una crisi passeggera: si può smettere di amare una persona da un giorno all'altro? Io non penso, e il nostro amore è stato grande, ero convinta che avremmo passato tutta la vita assieme e fino all'altro giorno i progetti erano quelli... e accanto a questo profondo amore, provo un disprezzo totale per la persona che ha creato questa situazione... io non ho mai odiato nessuno ma ora provo tanta di quella rabbia che non so come sfogarla... e piango, piango ma non risolvo nulla... vorrei tanto ripetergli che lo amo, che vorrei che fra noi ritornasse tutte come prima ma non posso, devo dargli spazio per capire cosa vuole dalla vita... e mi spaventa che possa decidere di non volere me... (sia ben chiaro, la persona di cui ho parlato prima non è un'altra donna)...non sono qui per chiedere consigli, tanto posso solo aspettare... volevo solo sfogarmi un po'... grazie per avermi letto!
Ciao
Il tempo guarisce tutto. Fai bene ad attendere Ma se ti può far star meglio digli che non gradisci intanto i suoi messaggi. tanti baci Nora

Ciao Nora ho conosciuto questo sito da poco ma lo trovo molto interessante.
Sono un ragazzo di 33 anni non bellissimo ma da quel che mi dicono carino e simpatico.Il mio problema è che sono molto timido con le ragazze e per questo ho perso qualche occasione importante nella mia vita, da qualche anno non esco piu' con una ragazza e temo di rimanere single a vita, hai qualche consiglio da darmi?
ti devo confessare che tra le mie paure c'è quella di avere un rapporto sessuale con la donna, mi spiego meglio, ho paura di sentire dolore durante la penetrazione e questo mi blocca ulteriormente, pensi sia normale?
Da poco tempo ho conosciuto una ragazza che credo possa essere la mia anima gemella,ma il problema è che ci vediamo pochissimo ed io per la mia stupida timidezza ho paura a chiedergli di uscire.
Ti prego aiutami ciao
Porca miseria...mi spiazzi! Non credo che la penetrazione (a meno che non ci siano dei problemi particolari) possa far male. Comunque sia puoi consultarti con qualche amico e se pensi che ti possa imbarazzare farlo, puoi chiedere ad un medico.
Ma credo sia il tutto legato a questa tua timidezza che lascia che "la paura di" invada tutto il tuo modo di essere e di agire. Proprio in questi giorni ho conosciuto qui ad Alcatraz un ragazzo che con molta difficoltà è riuscito a confessare la sua timidezza a me e ad altre persone. Non pensavo potesse essere così dura per lui raccontarcelo, eppure il suo disagio lo abbiamo avvertito in tanti. Ma poi? Noi più che "autorizzargli" a sparar cazzate con tutti noi, non abbiamo saputo dire altro, anche perchè mai avremo immaginato di questo suo problema.
Ridendo e scherzando il giorno dopo lui si è addirittura dipinto tutto il corpo con i colori (durante una lezione di Arte Zen che però si fa con pennelli e fogli) e ha fatto una bellissima battuta spiritosa, sorprendendo se stesso prima che noi. Insomma il problema della timidezza e di chi ce l'ha: stai tranquillo gli altri non lo sanno che sei timido e che hai paura dir male le cose. E' come sentirsi una patata sul naso che in realtà non c'è, per cui non si vede. E poi pure se ci fosse un pò di rossore sulle tue guance, o tremore nelle tue parole credi possa dar noia o fastidio a qualcuno!?!?!?
Chiedile a tuo modo di uscire, se le piaci ti dirà di sì e se nò NO...ma questo capita a chiunque! Timidi e non.
Baci Nora

Una donna a 53 anni appena compiuti (e quindi con i segni, solo virtuali, delle ruote di un tir appena passato sulle spalle) cosa può cercare, quando ha già sperimentato, tentato e ritentato di vedere sotto nuove prospettive quella parabola strana ed ineluttabile di avvenimenti, sempre gli stessi copioni, che ci ostiniamo a chiamare amore? Boh! Personalmente chiedo una
presenza, qualcuno che ti pensi e a cui pensare mentre fai gli spaghetti o nelle pause di lavoro; qualcuno che non aspetti di essere strappato dalle fiamme dell'inferno da te, che ci stai da una vita; qualcuno che non abbia una donna, moglie, madre, sorella, figlia con cui metterti in competizione; qualcuno che sia capace di invitarti a pranzo o a cena, senza farti sentire che ti sta proponendo la luna; qualcuno che non si presenti come il principe
azzurro, che dopo un po' ti chiede di guidare tu il cavallo, di dargli da mangiare (al cavallo, ma anche a lui); qualcuno che sappia navigare nell'ironia, muovendo onde di comicità, considerando che per far ridere me ce ne vuole...! Potrei continuare ad oltranza. Mi fermo solo per non irritare troppo chi si sente un po' scoperto e per dire che non sono una
strega, perlomeno non la strega di Biancaneve, con il bitorzolo sul naso! E, se pensate che io chieda troppo...beh, scrivetemi, perchè litigare un po' mi farebbe bene! Grazie, scusate per la grinta fasulla che ostento e tanti auguri, di cuore, credetemi, per chi ancora spera! So bene, per quel che mi riguarda, che ho tanto sbagliato anch'io, ma a volte saperlo non basta per
non ripetere le scempiaggini!
Non solo chiedi troppo ma perdonami, con il tuo atteggiamento e con la tua "voglia di qualcosa di" probabilmente ti poni malissimo a qualunque situazione ti possa capitare. Lui bussa alla porta e tu già sai quello che deve fare per piacerti. E se invece lui avesse molto di più da darti? E se fosse tutto molto più bello, imprevedibile, e sconosciuto? Lasciati sorprendere, non sarà mai la stessa storia.
Impara ad accogliere e usa la tua grinta per essere un'ottima amante!
BACI Nora

Cara nora, ti scrivo perchè sto a pezzi!
Ti racconto la mia storia: io e qualche amico stavamo nel oratorio della nostra chiesa, mentre giocavo a pallavolo si avvicina una ragazzina jugoslava e mi dice che piaccio alla ragazza che stava di fronte a me dall' altra parte della rete (P.) io dico che non so che farci, e continuo a giocare. con i giorni andare mi accorgo che piaccio a molte nell' oratorio e stringo amicizia con un gruppetto di ragazze, e andato tutto bene per vari mesi, ma poi non le pensavo piu perche c' erano altre che mi interessavano, ma pensavo sempre un po a lei, piu passava il tempo piu la volevo baciare e lei mi diceva che per orgoglio nn me lo dava! io deciso che nn ci avrei pensato piu, andavo avanti nei giorni, ma pensavo sempre a lei (era carina ma nn mi piaceva tanto), finchè un giorno si fidanza, e dopo 3 giorni mi da quel bacio che nn voleva darmelo ed e finita li, poi per l estate si e trasferita per le vacanze e incontrandola mi e piaciuta di piu, ora lei e fidanzata e sta per tornare, io vorrei chiederlo (prima era cotta di me, ma ora nn saprei). lei e molto orgogliosa! cosa devo fare? avro possibilita? mi dispace anche per il suo ragazzo!
p.s. io 16anni e lei 14 aituami ti prego ciao
Alla tua età è ancora più facile incorrere nell'errore di non badare a certe attenzioni. Io non so cosa tu possa fare se lei non è più attratta da te, devi lasciar stare e viverti altro.
ciao Eleonora
Ps: fidati che la vita ti darà mille altre occasioni perchè tu possa essere presente alle tue emozioni per cui se non sarà lei, sarà un'altra. Preparati!
Bacini Nora

Ciao Eleonora, ho 35 anni e sono tornata proprio oggi dalle vacanze. Scaricando la posta ho trovato l'indirizzo di questo sito e così ho pensato di andarlo a vedere e di scriverti.
Tre anni fa, appena uscita da una relazione che mi aveva letteralmente distrutta poiché si era interrotta bruscamente non per mia scelta, ho conosciuto via chat un ragazzo. Inizialmente abbiamo instaurato un rapporto d'amicizia molto bello, io allora abitavo lontano da casa e dagli affetti familiari e d'amicizia e per me lui divenne il mio punto di riferimento, di sfogo, il mio compagno giornaliero e questo rapporto in cui ci si scriveva e ci si vedeva via cam continuò per un paio di mesi. Mi trasferii finalmente a casa nella mia città e dopo qualche settimana decidemmo di conoscerci di persona. Nel frattempo lui si era innamorato e io provavo qualcosa per lui ma stavo molto male ancora per la storia precedente. Per me all'inizio non era amore ma non potevo fare a meno di lui. Ci sentivamo parecchie volte al giorno al cellulare e lui per me fece veramente delle bellissime cose: fiori, lettere.... oltre ad essere sempre presente in ogni istante, credo che qualsiasi donna desideri un uomo così.
Quando ci incotrammo fra di noi nacque qualcosa ma mentre per lui era amore per me continuava ad essere difficile lasciarmi andare ai sentimenti. Abbiamo trascorso un anno difficile, lui occupato a conquistarmi, io indaffarata a leccarmi le ferite e ad accusarlo di non voler comprendere, di non avere pazienza. Poi in certi momenti di serenità riuscivo a contraccambiare i suoi sentimenti ma sempre in maniera discontinua e altalenante. A Natale decise di regalarmi un anello, cosa che avrebbe voluto fare già fin dall'inizio della nostra relazione, e lì la mia reazione causò la rottura del nostro rapporto. Ci sentimmo ancora successivamente per un mesetto circa in cui discutemmo del nostro trascorso fino a non riuscire a trovare un punto di incontro e da lì in poi i nostri rapporti si interruppero definitivamente. In quei tre mesi di silenzio ho riacquistato la mia serenità, il mio equilibrio e una mattina appena sveglia decisi di chiamarlo. Da quando lo sentii mi riscoprii innamorata come non mai e feci il possibile e l'impossibile per riconquistarlo. Ci siamo rivisti e siamo tornati insieme ma il nostro rapporto non è mai più stato bello e intenso come il primo anno, o meglio, lui non era più l'uomo che avevo conosciuto. A marzo di quest'anno di punto in bianco smise di telefonarmi e mi disse che la relazione era finita.
Da allora non ci siamo più nè visti nè sentiti, io piano piano ho cercato di dimenticarlo e c'ero praticamente riuscita, avevo razionalizzato il nostro rapporto, non potevamo più stare insieme, eravamo troppo diversi, non riuscivamo a comprenderci e lui era sempre fermo a quello che era successo in passato... sapevo che non c'era futuro per noi.
Quest'anno sono andata in ferie in Toscana in una località vicino a dove lui abita, mia sorella e mio cognato sono sempre comunque rimasti in contatto con lui e alla fine ci siamo rincontrati. Ci siamo visti per tre sere. La prima volta che lo vidi lui non riusciva a guardarmi negli occhi, era imbarazzato e molto a disagio. Le prime due sere sono state un susseguirsi di battute da parte sua riguardanti il nostro rapporto, i nostri problemi e la mia reazione era spesso e volentieri il silenzio. L'ultima sera è venuto a cena da noi e alla fine ci siamo trovati a rivivere la prima sera del nostro incontro, solo che avveniva nella sua città anziché nella mia... Ci siamo baciati, abbracciati, c'è stato uno scambio di tenerezze eui mi chiedeva: "E poi?" come per dire cosa sarebbe avvenuto dopo o forse per dire che un dopo non ci sarebbe stato.... sta di fatto che ci siamo lasciati con un "alla prossima".
Ora sono tornata a casa e sono confusa, penso molto a ieri sera. So che non ci sarà futuro per noi, so che ci siamo fatti troppo male per riaccendere quello che c'è stato fra noi.... ma il mio cuore non smette di chiedersi se anche lui sente quello che sento io. So che questo non cambierà le cose, il mio telefono non squillera e io non chiamerò il suo numero, ci sono ferite che non guariranno mai. Mi chiedo come si stia sentendo lui, cosa stia provando....
Mi affido al tempo e al destino ma sento che una parola amica mi sarebbe di grande aiuto. Io non sono una persona che esterna agli altri ciò che veramente sente, lo sto facendo ora con te....
Grazie per il tempo che mi dedichi.
Un'altra soria buttata all'aria per questo maledetto vizio di noi umani di non essere presenti alle cose e alle situazioni che viviamo giornalmente: Poi tutto va a puttane e noi lì a voler recuperare , e riaccendere, e rivivere delle cose che non saranno comunque mai più quelle.
Mi dispiace di essere così determinata fino al punto di sembrare fredda (lungi da me...piuttosto mi scaldo!) ma non è possibile che ancora nessuno provi a viversi il presente. Oggi noi siamo quello che siamo e abbiamo attorno altre persone che "non sono più quelle del nostro passato" (anche se sono le stesse) e che sicuramente cambieranno nel futuro, così come cambiamo noi. Qui ed ora!
Proviamoci cavolo, giorno per giorno, adesso tra le braccia di colui che adesso ci è accanto e chissà se....

Prestiamo più attenzione a chi ci circona e che ci dichiara amore, ne vale la pena.
Ciao mi chiamo Carmine la mia ragazza mi ha lasciato da cinque mesi e sto soffrendo moltissimo,sono stato lasciato di colpo dopo un po' so che è ritornata dal suo ex ma poi dopo tre mesi lo rilascia e io le propongo di ritornare è confusa non sa quello che vuole ma poi si chiude sempre di più alla fine mi chiama e mi dice che non mi ama e che non ci sarà mai una possibilità, io mi sento con la coscienza pulita perchè lo amata più della mia vita quello che le pesava erano i suoi 13 anni con il suo ex dopo averlo lasciato per me, ora è libera dimmi ti prego come posso riconquistarla ho fatto di tutto credimi ora non so proprio come fare.
Ma perchè ci tieni tanto a stare con una persona che non ti ama?
Scusa ma....
ciao Eleonora

Cara Eleonora sono Lor ,che dire ho conosciuto un uomo di 56 anni quando l'ho conosciuto ne aveva 53 all'inizio mi fece le corna la nostra storia era iniziata da sei mesi .Mi scrisse che andava a trovare i suoi amici in Sardegna invece andò in Spagna e quando torno scrisse ad un amico tutto quello che aveva fatto con questa ragazza tra l'altro alla sua prima esperienza ''d'amore''.IO stavo uscendo da una crisi di un fidanzamento sofferto e stanco e mi sembro di passare dalla pentola alla brace ...ero innamorato lo perdonai.Lui fece di tutto per riconquistarmi dicendo di aver capito di aver sbagliato ...ma ho sbagliato io a perdonarlo...perche un uomo di 56 anni che si permette di fare relazioni ad un amico sia verbali che scritte ...è da ritenere molto molto immaturo.Quest'uomo è separato da 15 anni ma non divorziato e ha una moglie che gli fa da mamma , mettendolo in guardia un po su tutto.Lui si lascia sgridare come un bambino ha sempre vissuto un forte senso di colpa per aver lasciato la moglie e la figlia ...vive solo, lei lo chiama se lui ha un semplice raffreddore ...piu immaturo di cosi.....Lui dice che io miro solo al matrimonio e l'anello al dito.!!!!!Notare che io ho 18 anni meno di lui e non per vantarmi ..sono anche un bel tipino.Quando parla esite solo lui la sua arte...anche io sono una cantante ho avuto e ho meno fortuna di lui perche lui 20 fa è riuscito a farsi largo nel mondo del teatro e sai cosa mi diceva?''devi camminare con le tue gambe''...IO PENSO CHE SIA L'UOMO IDEALE !!!!!!!PER OGNI DONNA tu cosa dici??? ...notare che non è nemmeno un uomo bellissimo ...e a volte quando fa il duro ..è bravo pure a minacciare dicendo ad una donna in questo caso io''ti riempio di botte ti spacco la faccia''specialmente quando mettevo il dito nella piaga parlando della moglie dicendogli che gli fa da mamma!!!!!!è COSA NE DICI?MENO MALE CHE L'HO LASCIATO!!!!!!!!!! OPPURE PENSI CHE SIA L'UOMO IDEALE DI OGNI DONNA??????????secondo me si....a dimenticavo quando era con la moglie separata...non riusciva faceva fatica a parlare con me.....UN VERO UOMO CON LE PALLE !!!!!!!!!DIREI !!!!!!!!!CHE NE DICI GRAZIE PER AVER LETTO UN ABBRACCIO LOR
Ma che cavolo hai fatto nella vita per dover scontare una pena così alta? Smettila e comincia a trattarti bene così non darai adito a cretini come questo tuo lui di trattarti male.
Però bada, lui non è cretino quando è libero nell'amare ma quando qualcuno lo costringe a decidere, dividere, considerare e...ma perchè? Se ti va prendi il meglio altrimenti allontanati e pensa ad altro.
Ciao Eleonora
PS. L'uomo ideale per ogni donna non esiste poichè viva Iddio siamo tutti diversi.

Carissima Eleonora;
ho scoperto questo sito per caso, e guardandolo un po' qua e là lo trovo veramente interessante. Complimenti!
Quello che volevo chiedere è questo: ho 39 anni e sono separato da 4 anni; da poco più di un anno sono insieme ad una signora che ha 5 anni più di me: con Lei sto benissimo, condividiamo moltissime cose, insomma, è un rapporto libero. Cinque mesi fa ho conosciuto un'altra signora di 40 anni, la quale si è molto affezionata a me e io a Lei; non siamo innamorati però abbiamo degli atteggiamenti che somigliano a due innamorati (quando siamo insieme); non abbiamo fatto l'amore ma ci siamo baciati con passione provando un affetto l'uno per l'altra. Ora, ciò che mi chiedo: è possibile che due amici (uomo-donna) che non si sentono innamorati si trovino in perfetta sintonia, oltre che in un'amicizia anche in atteggiamenti particolarmente teneri?
Grazie se mi risponderai e a presto
Se ti sta capitando...credo sia possibile. Non capisco però il perchè non pensiate che il vostro sia un innamoramento o quanto meno un' amore.
I presupposti ci sono tutti: stare bene insieme, con emozione, baci paradisiaci, e complicità....per me questo è amore! Ma se dirvelo complica le cose...continuate così.
ciao eleonora

sono Franco ho 45 anni sposato mia moglie 35 anni sposati da 12 anni lei da quanto sposati e avuti un bambino che oggi ha 10 anni ha sempre studiato corsi poi ha preso una laurea in questo frattempo lei ha pensato ha studiare non ho avuto modo di approfindire il nostro rapporto poca attenzione sul nostro rapporto adesso si e laureata non lavora, vedo che ce un rapporto morto si dialoga poco quasi ad ignorarci facciamo l'amore una volta tanto .mentre perde molto tempo a pulire a sistemare le cose di casa questo mi fa molto rabbia perche presta poco tempo alle cose di suo marito e di suo figlio anche nel pranzo e nella cena tutto il tempo quasi lo occupa a pulire ecc
una situazione che non riesco piu a tollerare dimmi tu cosa debbo fare ciao
Se c'è amore io consiglio sempre di provare a giocare insieme, a prendersi un pò in giro, a crearsi piccole nuove situazioni che facciano riscoprire la sorpresa di riuscire a stare bene insieme e anche di più. Ma soltanto tu puoi sapere se tua moglie si applica alle faccende per sfuggirti; oppure soltanto tu sai, se le tue sono richieste di amore o di semplice attenzione alle "tue cose". Approfondisci prima tu la situazione e chiarisci i tuoi reali sentimenti a tua moglie...vedrai che qualcosa accade, ma non pretendere che la cosa vada poi per forza da una parte o dall'altra..l'amore ama l'equilibrio e spesso lo sceglie da solo.
ciao

Ciao Eleonora!Mi piace un sacco la tua rubrica.Eccomi subito al sodo.La mia è una storia complicata da raccontare ma cercherò di semplificarla un po'.Ho 30 anni e a 16 mi sono messa con un ragazzo della mia scuola, Luca, di 19 anni. La nostra storia è andata avanti 3 mesi, si sa com'è a quell'età.Ma io l'avevo presa piuttosto sul serio!Mi ha lasciata dicendo che non era più cosa ed io, cretina, a farmi sensi di colpa.Pur di non perderlo ho accettato di essergli amica.Dopo due anni (quindi io ne avevo 18) mi ha confessato che a suo tempo mi aveva lasciata per un'altra.Che fare?ormai la nostra amicizia era consolidata:amen! sono andata avanti.Ci sentivamo circa una volta al mese ma a volte ne passavano anche due e stavamo ore al telefono:lui aveva la sua vita,io la mia ma...sempre con quel piccolo magone dentro ogni volta che sapevo che stava con qualcuna.Poi mi sono fidanzata con Rocco a 19 anni.Ne ero veramente innamorata ma era così geloso che alla fine mi sono lasciata intrappolare in una spirale fatta di me e lui, lui e me e nient'altro. Era geloso pure degli attori in tv! Per non parlare poi del fatto che non voleva vedessi Luca.Non me ne accorgevo ma pian piano mi sono stufata di tutta 'sta gelosia e un giorno che
Luca è venuto a casa mia dopo secoli che non ci si vedeva ho dato libero sfogo a quello che evidentemente covavo per lui e lui per me. Da allora è stato "un crescendo emozionante" come quella vecchia pubblicità!Nel frattempo ero andata fuori di testa (depressione a livelli alti)per la morte di una persona cara. Se a questo aggiungi che ormai mi ero lasciata "plagiare" da Rocco e vedevo i rapporti solo come una cosa a due senza amicizie di mezzo...la frittata è fatta! Non capivo più nulla,non sapevo più chi ero nè cosa volevo.Luca mi chiedeva di stare con lui ma io non riuscivo a staccarmi da Rocco. Così sai che ho fatto? Davanti all'aut aut di Luca ho detto che stavo solo con lui e invece ho continuato a stare con entrambi!!!!!e non per un giorno ma per anni! Se ci ripenso adesso mi viene la pelle d'oca!Nel frattempo la depressione cresceva e le menzogne all'uno e all'altro pure.Non passava giorno che non volessi farla finita con tutta la situazione ma avevo bisogno dell'uno e dell'altro per motivi diversi.Psicologicamente stavo uno schifo:crisi di panico, depressione ecc...finchè ho cominciato ad andare da una brava psichiatra.Nel frattempo il destino ci ha messo il suo zampino!!!Al funerale di mia nonna...si sono presentati tutti e due (ma solo Rocco ha visto Luca).Ho tentato di farmi fuori (brava scema)ma da lì poi piano piano ho cercato di risalire la china.Rocco non ha voluto più saperne di me,Luca(cui nel frattempo ho confessato tutto) sì, anche se con riserva. Abbiamo ricominciato a stare insieme sul serio ma poi ho sentito il bisogno di capirci qualcosa veramente della mia vita (ho voluto fare la coraggiosa!)e l'ho lasciato! L'ho sempre amato, da quando avevo 16 anni e mi sono comportata proprio con lui,l'uomo della mia vita, come una cretina.Era un periodo in cui, dopo anni di casini, volevo sperimentare.L'ho richiamato due volte senza
tornarci insieme;non volevo nè sfruttarlo nè niente:lo amavo ma sentivo che c'era qualcosa che m'impediva di starci al 100%,come una paura di farmi fagocitare da lui (oggi so di essere una Luca dipendente!).Alla terza volta...l'ho trovato occupato (anche se era una storiella da nulla). E da lì...un'escalation negativa per me.Abbiamo fatto l'amore ma era diverso, sentivo che si era "sganciato"da me e proprio nel momento in cui finalmente io cominciavo a capirci qualcosa. Nel frattempo mi sono messa con un ragazzo stupendo con cui non ci sono mai stati i fuochi d'artificio come con Luca ma una dolce quotidianità fatta di coccole, comprensione (ha accettato il mio passato senza problemi) e reciproco rispetto.Mai una bugia.Il
problema? Purtroppo ogni tanto torna a galla Luca. Sono otto mesi che non ne so nulla! E per di più abita a poche centinaia di metri dal mio attuale ragazzo.Credimi:la mia e-mail è lunga ma ho accorciato molto!Ci sarebbero da descrivere tutta una serie di umiliazioni cui mi sono sottoposta per tornare con Luca.Umiliazioni che a me allora non sembravano tali.L'ultima volta ci siamo visti il 29 dicembre 2001 (col mio ragazzo c'eravamo lasciati di comune accordo per questa storia:dovevo chiarirmi le idee). Ho chiesto a Luca se mi amava ancora (sai,tanto per sapere se c'era da sperare o no).Lui l'ha presa male (della serie..ho sofferto io adesso soffri te)e mi ha urlato che non avevo il diritto di fargli certe domande.Era l'una di notte:non me la sentivo di farmi riaccompagnare da lui e gli ho detto che me ne andavo.Mi ha chiuso dentro dicendo che da lì non uscivo (mooolto protettivo!).Vista la mia insistenza mi ha ruggito: "OK esci e vattene affanc...." con quanto fiato aveva in gola. Me ne sono andata. Mi è venuto dietro con la macchina ordinandomi di salire.Gli ho detto no.Avevo chiamato il mio ex (con cui eravamo in ottimi rapporti)per farmi venire a prendere.Sono proletaria e non ho pensato al taxi (giuro!).Il giorno dopo mi è arrivato un sms di Luigi dicendo che era comodo fare le scene di autonomia quando si ha chi ci viene a prendere e che potevo chiamare un taxi invece del mio ex. Da lì...tristezza infinita da parte mia.Ad aprile mi ha mandato gli auguri via e-mail per il compleanno ma...non il giorno stesso:il giorno dopo perchè "non volevo rovinarti il compleanno.Ah,sai,sono stato a Rio".La mia risposta a quel punto è stata:grazie per gli auguri.E da allora..più nulla. Nel frattempo mi sono rimessa col mio ex e tutto andrebbe bene se non mi assillasse,periodicamente,il ricordo di questa persona che ha fatto parte della mia vita in maniera massiccia per 13 anni.Dalla psicoterapia è emerso che ho problemi di dipendenza da Luca..(ma questo l'avevo già capito),avendolo preso per troppi anni come un punto di riferimento genitoriale (mio padre è morto che avevo sei anni.Sai
come si chiamava?Luca!). Vengo al sodo:se lo rivedo un giorno mi viene un colpo e stramazzo al suolo.Ha rappresentato tanto per me.Con il mio attuale fidanzato te l'ho detto,è tutto ok tranne dei problemi sessuali perchè com'è stato con Luca non sarà mai con nessuno! e poi aggiungici pure che Luca mi dava sicurezza, come se accanto a lui sapessi che potevo stare tranquilla perchè aveva tutte le risposte.Molte volte non ce le aveva,ma per me faceva lo stesso.A tratti me lo dimentico, a tratti lo rivorrei e la nostalgia è tanta.Quando penso di averlo dimenticato mi dico: "E vai, puoi ricominciare sul serio a vivere!" ma purtroppo non dura molto.Io una vita voglio rifarmela sul serio:ciccia i fuochi d'artificio con Luca se poi con me alzava sempre la voce e dava di matto! però pare non sia possibile ed io divento matta. A volte mi dico addirittura che senza di lui non sono capace neanche di trovarmi un lavoro. Eh già!ho un lavoro sotto pagato e schifoso e mi devo ancora laureare avendo "perso tempo" a curare la depressione. Mi ritrovo a 30 anni senza solide basi e mi sento uno schifo.Credo che non troverò mai un buon lavoro perchè sono vecchia. Mi dicono tutti che è stato meglio perderlo Luca piuttosto che trovarlo, ma per me non è così. Oggi forse non vorrei tornarci insieme ma superarlo.Ti chiedo aiuto.Grazie di cuore per avere sopportato questo fiume di parole.
A 30 tutto può ancora capitare così come a 20 ma se non sei pronta ad accogliere e a raccogliere, perchè ti va di crogiolarti nei tuoi pensieri confusi, allora non sarà facile.
Lascia stare i dottori Freudiani (con tutto il rispetto!) e viviti la tua vera vita fatta di corpo, anima e poi forse di mente.
Baci Eleonora

Cara nora,
dopo anni di tormento sono riuscita a dimenticare il disgraziato che mi faceva soffrire. Come ho fatto? Ne ho incontrato un altro che regge e vince il confronto! Fin qui tutto ok! Con lui stavo da dio ed è il ragazzo + bello ke abbia mai visto! Finkè un giorno non mi prende da parte e mi dice: "Forse dovevo dirtelo prima, ma meglio tardi ke mai: SONO GAY!" aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah!
Stavo x svenire!!!!!!! Ora mi sembra di amarlo + di prima! Ke fare?
Rassegnarsi e rispettare la sua natura! D'altronde cosa vorresti o potresti fare?
Ciao Eleonora

ciao Eleonora, sono un ragazzo di 28 anni. Per quasi 1 anno sono stato fidanzato con una ragazza di 21 anni. Durante questo periodo mi sono affezionato tantissimo a questa ragazza ed infatti dal giorno che mi ha lasciato io mi sento malissimo.. la amo da impazzire.. Il mio amore è talmente forte che vorrei provare a riconquistarla, continuo a sperare di incoronare il mio sogno d'amore con lei.
Purtroppo da come mi ha lasciato sembrerebbe che non ho più speranze..
Un giorno ha fatto una crisi di pianto dicendomi che mi voleva tanto bene, che un uomo come me non lo aveva mai incontrato, ma che il suo amore stava svanendo... forse la monotonia! Poi è andata in vacanza e da quando è tornata sembra che si sia reffreddata nei mie confronti. Mi ha lasciato, dicendomi che mi voleva bene ma non vedeva il suo futuro con me. Le ho scritto parole che venivano dal cuore, descivendole le senzazioni che provavo da quando mi ha lasciato.. ma purtroppo questa mia reazione la fatta arrabbiare... mi diceva che non sarei mai riuscito a farla sentire in colpa e che a furia di scriverle la stavo tirando nera.... Non la riconosco più.. prima non era così... mi voleva bene... mi amava... ma poi non so che è
successo ed è cambiata... Mi ha deluso ma la amo...
Dammi un consiglio... io la amo veramente e vorrei fare di tutto per riconquistarla, ma a volte credo che ormai sia impossibile... Secondo te come dovrei comportarmi per poter riattirare la sua attenzione?? O dici forse che è meglio lasciar stare?? Non so che fare.. l'unica cosa che so è che da quando l'ho persa la mia vita non è più la stessa... continuo a pensare a lei.. giorno e notte.. e continuo a sperare che un giorno ritorni da me...
Cosa faresti al posto mio?? come ti comporteresti?? ciao.
Io lascerei stare! Prova un pò a fare dell'altro per riuscire a non pensare sempre e solo alla stessa cosa. Quando darai più spazio all'ascolto del tuo cuore riuscirai ad agire di conseguenza.

ciao Eleonora
Sono un uomo di 36 anni, carino, intelligente e ho un discreto successo con le donne.
Ho una buona carica sessuale e a letto me la cavo bene.
La mia fidanzata ha 30 anni, molto bella e con una grande intelligenza.
Ha una mediocre carica sessuale e a letto non ci sa fare molto.
Ho cercato, in passato, di farle capire che anche l’uomo, talvolta, vuole sentirsi desiderato e cercato, ma ho ottenuto miglioramenti minimi.
Ho cercato di scuoterla con frasi porche per provare a farle capire che può essere eccitante anche sentire una parola. Ha reagito piangendo e supplicandomi di non usare mai più certi termini perché lei non è come le altre che sbavano per me comportandosi da puttane.
Non è capace di praticare l’amore orale ed è per me deprimente. Adoro l’amore orale.
Perché se una donna mi prende in bocca il pene provo piacere e invece con la mia fidanzata no? Esiste una tecnica o bisogna essere portati?
Lei per farmi capire che vorrebbe fare l’amore mi da un bacio sulla guancia o mi accarezza la mano.
Ma come diavolo faccio a farle capire che il pulsante centrale è da un'altra parte?
Non mi sono mai masturbato così tanto quando sono stato con una donna.
Sono stato sempre troppo fortunato in passato? E’ normale così come ora?
Perché con le altre ero sempre io a dire basta ed ora se non la cerco io possono passare due settimane senza fare l’amore?
Io l’amo e vorrei vivere una vita con lei, fare una famiglia ed esserle fedele.
Quest’anno abbiamo comprato la casa e tra qualche mese inizieremo la nostra avventura.
Cosa posso fare per risolvere questo problema?
Grazie

In via del tutto eccezionale, visto che l'argomento in questione è hard-delicato e che per caso mi ritrovo in casa un personaggio che di sesso ne ha parlato per anni e continua a farlo, lascio rispondere a Jacopo Fo

Gentile Gian,
perchè vuole sposare una donna che non la soddisfa sessualmente?
Dovrebbe evitare di ipotecare la sua vita in questo modo.
Comunque se è proprio innamorato di questa donna deve rendersi conto che stà utilizzando un metodo sbagliato.
O meglio parte da un punto di vista sbagliato.
Le donne ragionano in modo diverso. Difficilmente insultarle sortisce risultati. Certe cose funzionano solo nei film porno.
Ha mai parlato con la sua ragazza, serenamente di quel che piace a lei? Le ha spigato come trattare il suo pene?
E' capace di tenerezza?
Credo che a entrambi potrebbe essere utile leggere un po' di sane informazioni sulla sessualità maschile e femminile. Ad esempio scoprire che esistono punto G, punto L, muscoletti vaginali e modi di fare l'amore che valorizzano la dolcezza e il rilassamento invece dell'esibizione della potenza sessuale. può trovare molte di queste informazioni su www.sessosublime.it dove ho raccolto quel che ho imparato cercando di affrontare le mie numerose difficoltà sessuali.
Spero le sia utile
Auguri
Jacopo Fo


Ciao a tutti
dove lavoro è arrivata una ragazza molto carina e affascinante e da subito si è creato un forte feeling tra me e lei, parla solo con me mi cerca mi guarda sempre mi sorride...io sono un bel ragazzo ma molto timido e ho preso tempo purtroppo troppo tempo perchè d'un tratto lei è tornata col suo moroso...nonostante ciò continua a guardarmi sempre, a confidarsi, si vede che è attratta da me, ma va in giro a dire che non è interessata a nessuno perchè lei ama il suo moroso..eppure sono sicuro di piacergli gliel'ho anche
detto ma niente... adesso mi evita ma mi guarda sempre...non capisco..che ne pensate?
grazie
Se anche fosse la verità che tu gli piaccia, ma a cosa ti serve saperlo? Credi forse di dover andare da lei a convincerla che è innamorata di te per cui può lasciare il suo moroso e mettersi tranquillamente con te?
Non lo so! Forse potrebbe essere lei un giorno a scoprirlo da sola e finalmente ad avvicinarsi a te.
Intanto che male c'è che ti guarda? E' tutta autostima in più per te. Oppure se la cosa ti imbarazza allora prova a metterti le dita nel naso...vedrai che...scherzo! :-))) chiedile semplicemente se è una tua impressione che lei ti fissa, e spiegale i tuoi sentimenti e non i suoi (di cui non possiamo effettivamente sapere).
ciao Eleonora

Ciao, ho trovato il tuo sito per merito di una mia conoscente e stasera ci sono entrata... ho letto alcune tue risposte e mi sono piaciute. In genere non scrivo mai a giornali, riviste o altro... ma mi ha attratto di te ciò che dici nei 5 punti in cui spieghi perché rispondi a chi ha problemi di cuore, in particolare condivido il punto 2... purtroppo anche io sono una di quelle persone che non si godono l'amore (e neanche il sesso!!! purtroppo di nuovo!!!)!
Ti racconto in breve la mia storia, pregandoti di non scrivere sul sito la mia lettera, se possibile... puoi chiamarmi con lo pseudonimo di Nefertiti, in questo modo troverò facilmente i tuoi commenti a questa storia assurda che sto per raccontarti.
Sono portatrice di handicap da quando sono nata, ho una famiglia... o meglio ho uno spauracchio di famiglia alle spalle.. fratelli egoisti, padre incapace di amare, una madre che dice di sacrificarsi per i figli, e magari è pure stato vero, ma che non fa altro che sfruttare i miei sensi di colpa per farmi fare ciò che vuole. In tutta questa situazione sono uscita fuori io, ribelle fino all'inverosimile, ma con l'anima di panna e cioccolato, che prima si arrabbia e poi ci ripensa... nella vita di tutti i giorni, quella professionale sono piuttosto decisa, capace e so il fatto mio, sono in grado di affrontare mille situazioni e uscirne vincitrice, un pò malconcia, ma vincitrice. Non mi spaventano le prove della vita se si tratta di cose che non riguardano i sentimenti... e qui cade il punto dolente!
Sono innamorata da dieci anni di uno. Lui agli inizi era fidanzato, poi si è mollato e ha conosciuto un altra... si è sposato... ci siamo rivisti circa cinque volte in questi anni... fino a febbraio. In quel di febbraio è tornato nella mia vita e l'ha sconvolta facendo crollare i miei progetti, i binari tranquilli e organizzati che avevo davanti a me... che altri avevano deciso per me.. forse...
Insomma, mi sono ritrovata più innamorata di prima, sconvolta dalle emozioni che provavo e provo, dalla passione che mi divorava e divora tutt'ora!
Quindi? Quindi l'ho raggiunto... per ben quattro volte nella sua città, ho dormito presso di lui per ben tre volte... ogni volta arrivo per restare due giorni e lui mi fa rimanere una settimana... malgrado gli impegni di lavoro, che sto trascurando non poco! Ma alla fine mi racconta delle sue storie... . Ha due storie contemporaneamente con due donne sposate, una di solo sesso, l'altra dice che ce l'ha nel cuore.. anche se con nessuna delle due vorrebbe avere un futuro, perchè nessuna delle due rappresenta la persona con cui vorrebbe dividere la sua vita... la prima volta che l'ho raggiunto mi ha proposto sesso per amicizia.. e io gli ho risposto picche, perchè per me, che oltretutto, troppo romantica e deficiente, non ho ancora mai fatto sesso, pur sentendone il bisogno, soprattutto ora! perchè volevo che fosse per amore, solo per amore... insomma, niente. Ora mi ritrovo ad avere rovinato tutto, perchè ho messo troppa carne al fuoco, perchè gli ho parlato dei miei problemi, del fatto che mi sento inadeguata... mi sono comportata come se fossi malata, quando non lo sono affatto! Il fatto che le mie gambe non riescano a sostenermi non significa che sono malata! Eppure mi sono comportata come se lo fossi, come se la mia sedia a ruote fosse un reale problema tra noi! Insomma l'ho smontato! Sembrava che lui mi desiderasse ancora... non lo so... ho paura di illudermi... non so se è davvero un pazzo sciagurato che mi sta prendendo in giro per ottenere ciò che vuole o se ha paura di me, perchè come dicono molti miei amici io sono una che fa paura con la testa che ho! E io sono stufa di avere paura dell'amore! Voglio vivere questo amore, durasse anche solo un giorno! Voglio viverlo e non so come recuperarlo! Gli avevo scritto un email... in cui gli facevo capire ciò che provavo... nessun commento da parte sua. Quando l'ho raggiunto di nuovo, sono tornata pochi giorni fa, gliel'ho domandato e lui ha risposto che non aveva commenti da fare, ma intanto ha smesso di mandarmi sms carini con i buon giorno splendidi con cui mi faceva cominciare la giornata... è un messaggio che dovrebbe farmi capire che non c'è trippa per gatti? Che non ha interesse per me? Sembra quasi che voglia che sia io a farmi avanti... ma poi si tira indietro anche se io provo ad avvicinarmi.... Non ci capisco più niente, vorrei solo avere di nuovo un occasione, per vivere questo sentimento che mi fa sentire viva dopo tanto tempo, questo sentimento che mi sembra una benedizione e allo stesso tempo una maledizione... Lo amo e lo desidero come non ho amato e desiderato prima, troppo presa da tutt'altro, la professione e la vita che credevo già su quei binari tranquilli e solitari... non voglio stare da sola! Voglio essere amata, voglio amare, anche solo per un giorno! Un solo giorno, ma che sia vero e intenso come il sentimento che mi porto dentro e che rischia di esplodere!
Cosa fare? Raggiungerlo di nuovo? Ho pudore di farlo, ritrovare i sorrisini ironici dei suoi amici, dei suoi genitori... già perchè mi porta sempre dai suoi genitori a cena quando lo raggiungo, e mi porta con i suoi amici... e mi porta dai suoi clienti... insomma faccio parte della sua vita completamente quando sono con lui! Domenica 21 dovrebbe raggiungermi con una delle sue amanti, sono l'unica a sapere chi e come, e un altra amica... e in quel frangente non potremo di sicuro parlare... quindi neanche a pensarlo... ma DEVO parlargli, dirgli, e soprattutto saltargli addosso!!! Voglio vivere questo amore! E l'unico modo che ho è di raggiungerlo di nuovo... ma stavolta senza metterci in mezzo i suoi amici, i suoi genitori... i clienti... vorrei raggiungerlo solo per una sera, una notte, chiedergli di dedicarmi quella serata e poi... vedere ciò che succede! Ripartire il giorno dopo se lui mi accetta... al momento stesso se mi dovesse rifiutare... cosa che temo! E già! Perchè malgrado il fatto che sia portatrice di handicap "non malata" ho il terrore che la mia sedia diventi un macigno tra noi! Eppure sono forte, sono gioiosa, sono solare, sono una persona positiva! Perchè divento deficiente quando mi innamoro? Quale soluzione? Forse non ce n'è!
C'è chi mi dice di lasciarlo stare... che è stupido che non capisce niente... forse hanno ragione... ma io lo amo e voglio vivere questo amore, anche se non so come fare.... sono imbranata in ogni cosa, nel sesso poi... lo voglio con tutta me stessa e non so come farglielo capire, soprattutto dopo quello che gli ho detto riguardo al fatto che voglio un amore bello fino in fondo... non solo sesso... eppure ora vorrei poter passare una notte di passione con lui, senza pensare al domani, donandomi a lui con tutta la passione e l'ardore che sento dentro di me e che mi divora il ventre ogni volta che l'ho accanto o che sento la sua voce al telefono... o che lo penso soltanto... Che fare dunque?
Spero che tu possa avere idee chiare malgrado il mio racconto sconclusionato... malgrado la situazione ingarbugliata... malgrado me.
Ti ringrazio anticipatamente.
Nefertiti
Carissima Nefertiti non posso non pubblicare la tua lettera, così come per gli altri (ho già spiegato precedentemente il perchè).
Che dirti, purtroppo lui la sua proposta allora te la fece e tu la rifiutasti, io adesso non so se e perchè ha cambiato idea ma intanto so che tu allora lo rifiutasti e questo può averlo messo a disagio.
Non per questo devi però sentirti in colpa poichè sicuramente allora decidesti di non fare l'amore con lui perchè non te la sentivi.
Adesso che ne avresti il desiderio, dovresti proporglielo tu, perchè sei pronta a ricevere amore anche soltanto per una notte, e non c'è nulla di male. Anzi! l'amore vive anche di pochi momenti come questi.
Però forse, parlandogli, scopri che lui non è più capace di donarti nulla, allora senza rimpiangere un passato (che comunque non sappiamo cosa ti avrebbe portato a provare oggi) ricevi la sua amicizia come un'altra splendida forma d'amore e una prossima volta, magari con qualcun'altro, spegni il cervello e agisci con il cuore e l'istinto.
Posso comprendere la tua paura e il tuo imbarazzo a scioglierti davanti a certe situazioni (visto che sarebbe la prima volta per te) ma come tu stessa dici il tuo handicap non è una malattia per cui credo che tu abbia altre opportunità come chiunque potrebbe averle, sta a te renderti permeabile e accogliente.
ciao eleonora

Ciao Eleonora,
ti scrivo così, perchè vorrei sentire un parere da una persona completamente estranea alla mia situazione, per capire come interpretare quello che mi sta succedendo. Non prendere paura, è solo una introduzione che vuole far colpo!!! Se riesce a farlo!
Bhè, devi sapere che sono innamorata, credo da quasi 1 anno e mezzo di un mio amico che conosco da quando avevamo 16/17 anni. Ebbene sì, durante una vacanza estiva con la nostra compagnia, 2 anni fa, da parte mia almeno è scattato qualcosa per lui, e comunque in seguito ad un suo diverso atteggiamento e comportamento (più affettuoso e attento) nei miei confronti. Devo ammettere che prima l'avevo sempre considerato un amico speciale, c'era una particolare sintonia tra noi, ma sempre amici e basta. Dopo quelle famose vacanze, credevo che anche per lui fosse cambiato qualcosa, e infatti lo percepisco, capisco che è interessato a me, da come mi parla, mi guarda, da tante piccole cose che solo io riesco a cogliere. Dopo un anno di attesa, sperando si facesse avanti lui, mi sono buttata, non senza difficoltà. In un test tra amici spedito via e-mail, gli ho fatto capire che sono innamorata seriamente di lui. La domanda del test era "Hai mai preso una cotta per me, o sei stata mai gelosa di me (me=lui)? Mia risposta: Dicesi "cotta" la classica sbandata che dura una stagione: NO. Gelosa? Qualche volta.
Da come si è comportato le volte dopo che l'ho visto, deve essere rimasto colpito dalla mia risposta, ed aver capito che sono innamorata di lui. Infatti nel mio test mi ha risposto: No, non credo di aver preso mai una cotta o essere stato geloso, comunque la tua risposta non mi è passata inosservata come forse avrai pensato. Infatti mi sono chiesto: Gelosa? di chi? di cosa? è il caso di parlarne? e tanti altri pensieri". Quindi, tremante, gli ho proposto di andare al cinema insieme, ed è venuto, credo anche volentieri. Dopo il cinema siamo andati a bere qualcosa su sua proposta e abbiamo chiacchierato di tutto, soprattutto di storie di fidanzati di nostra conoscenza e su quello che noi pensavamo, mi ha raccontato anche la sua storia precedente, sofferta, essendo anche la prima e l'unica da lui vissuta, e comunque ha voluto lui dirmi che non si è pentito di avere lasciato la sua ragazza (una storia comunque di 6 anni fa). Dopo quella uscita, ne abbiamo fatta un'altra da soli, ma solo di divertimento (e sempre su mia chiamata), e poi basta, più nulla. Ho tentato di invitarlo un'altra volta visto che lui non si faceva ANCORA avanti, gli ho proprio detto "io vorrei uscire solo con te" ma per la sera che gli avevo proposto lui non poteva, e comunque non mi ha detto "facciamo domani?" come avrebbe fatto uno veramente interessato a me!!!!! Da quel momento mi sono detta "Adesso io non muoverò più un dito verso di lui, dovrà farlo lui". NIENTE!!!!!!
Sono passati alcuni mesi, eppure non esplicitamente, ma continua a ricoprirmi di piccole attenzioni, capisco da come mi guarda, da come mi tocca di sfuggita, da come mi parla, dalle domande che mi fa, da come viene in mio soccorso se mi vede in difficoltà, dal numero di chiamate al cellulare e dai messaggi (messaggi innocui) che sono aumentate rispetto ad un anno fa,....CHE COSA DEVO PENSARE, ma soprattutto, CHE COSA DEVO FARE?
Premetto che siamo entrambi timidi e riservati, lui poi sta finendo gli studi universitari, gli manca la tesi che farà forse a gennaio. Ho pensato "vorrà aspettare di finire gli studi per dichiararsi?" Ma cosa devo aspettare ancora, altri mesi? IO NON NE POSSO PIU'. Mi devo dichiarare apertamente, glielo devo dire? E se poi si allontana e non ritorna più? O più semplicemente è stato tutto frutto della mia fervida immaginazione e grande bisogno di amore? Che magari mi è solo molto affezionato e basta? NON SO PIU' COSA FARE E PENSARE, ormai ho perso la mia enorme pazienza.
Una volta mi ha detto che se una ragazza gli piace, lui è molto molto cauto, non si butta subito.....ma caspita, ma quanto tempo gli ci vuole?
Ormai quando parliamo, sento che non bastano più gli argomenti che ci interessano in comune, o parlare del più e del meno e scherzare, io vorrei proprio passare a parlare di noi...
Aspetto un tuo parere, ...scusa del lungo scritto, ma era necessario per farti capire bene la situazione
Grazie e ciao by Elena
Ma perchè gli rispondesti di NO alla domanda del test sulla cotta? Non si capisce mica che sei pazza di lui da quella risposta: "DICESI COTTA....." cavolo però, gli uomini ci lanciano dei segnali, ci provano timidamente e noi donne zac, nessuno sbilanciamento, parole nascoste dietro ad altre parole, e con la pretesa che si capisca cosa abbiamo dentro anche se non lo diamo a vedere. Cazzate! Gli uomini non sono come noi. Loro sono più semplici, se dicono merda vogliono indicare la merda. Invece se la donna dice merda vuole dire: che io volevo andare all'ipercoop e tu non l'hai capito, e non ti sei preoccupato che non c'era più latte in casa e che quindi sei volgare quando ti metti le dita nel naso....".
Ma cosa ci vuole a dire: "Sì, sono pazza di te!".
E adesso tu che te la meni e vuoi aspettare, perchè forse lui aspetta di finire gli studi per dirtelo e poi è timido e forse non ci pensa neanche ad amarti come vorresti tu....
Scusa ma riconosco nel tuo atteggiamento un modo sbagliato (diffusissimo) di porsi dinanzi alle persone e all'amore, che non condivido. Se lo ami dovrai essere tu a dirglielo e non aspettare che lui ti dica ne sì e ne no. Il tuo sentimento prescinde dal suo.
Coraggio, parole chiare e sincere porteranno chiarezza nella tua testa, è l'unica!
Eleonora



PER PUBBLICARE LA TUA MANDAMI UN EMAIL!
info@amoreamore.it

torna in testa alla pagina